Tuesday, 27 July, 2021

Intervista di Numero6 al Dr. Di Bella G. – Completa di documentazione


In questo articolo viene riportata l’intervista integrale che il Dr. Giuseppe Di Bella ha concesso alla piattaforma Numero6.org e già riportata nel sito gemello MetodoDiBella.org.

La differenza è che in questo contesto verrà riportata tutta la documentazione – che sarà liberamente scaricabile – alle affermazioni snocciolate minuto dopo minuto nel video.

Video la cui versione integrale è possibile scaricarla via DropBox sul link presente a questo indirizzo MetodoDiBella.org oppure, a partire da questo articolo, il download del video (dimensione del file 3,3GB, estensione file .mov da lanciare con qualsiasi lettore multimediale che supporti il suddetto formato come ad esempio il software open source VLC disponibile per tutti i sistemi operativi) è possibile anche dalla piattaforma Mega cliccando sul seguente titolo Intervista Dott Giuseppe Di Bella 2021_04_08.mov.

Il riportare documentazione ad ogni singola affermazione ha il vantaggio da un lato di non dare adito a noti utili idioti (anche se ancora oggi non si è capito a chi siano utili …pertanto rimane solo l’aggettivo idiota) di speculare riportando baggianate in TV, radio, giornali e blog più o meno noti, inventando di sana pianta stupidaggini a uso e consumo di una pubblicità personale a discapito di terzi, ma dall’altro lato (“svantaggio”) renderà la pagina un po’ pesante vista la mole di documentazione che dovrà essere caricata.

In particolare ci si riferisce ai documenti in formato pdf. In tale contesto occorre sempre ricordare che il Il visualizzatore PDF integrato si affida a risorse esterne – nello specifico a Google Docs Viewer – pertanto se non si dovesse visualizzare il documento pdf non è colpa nostra o di un malfunzionamento del sito. In genere in questi casi è sufficiente rilanciare la pagina per vedere apparire i documenti. Ad ogni modo è sempre possibile scaricare il documento in questione sul proprio computer cliccando sul link Download [Dim. File] riportato sotto ogni documento PDF oppure cliccando – anche ripetutamente – sulla scritta Reload document all’interno della finestra del documento interessato al fine di ricaricare solo il PDF in questione.

***

 

Nel video si fa riferimento in diversi punti (e.g. in 2’23” oppure in 6’02” ecc) al libro La Scelta Antitumore Prevenzione, terapia farmacologica e stile di vita scritto poco meno di 2 anni fa (Luglio 2019) dal Dr. Giuseppe Di Bella. Cliccando sul titolo si verrà rediretti sul sito dell’editore dove – al momento di scrivere queste righe – il libro è scontato del 5%.

***

 

Dopo un iniziale accenno al libro citato, al minuto 4’55” si fa riferimento a diversi casi (20 di preciso) di persone trattate per tumore al seno e guariti senza operazione, chemioterapia e/o radioterapia. Naturalmente nulla di inventato e/o campato in aria (come vorrebbero far credere gli utili idioti di cui sopra).

La Fondazione Di Bella ha redatto una pubblicazione nel Dicembre del 2013 per i suddetti casi dal titolo (nel titolo il link al social teutonico dedicato alle varie discipline scientifiche ResearchGate GmbH) Evaluation of the safety and efficacy of the first-line treatment with somatostatin combined with melatonin, retinoids, vitamin D3, and low doses of cyclophosphamide in 20 cases of breast cancer: a preliminary report, pubblicazione liberamente usufruibile in formato pdf qui in basso.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [240.12 KB]


***

 

Simili considerazioni vengono riportate al minuto 5’10” ma questa volta per 16 casi di tumore prostatico. Il riferimento è alla pubblicazione del Gennaio 2013 (nel titolo il link a ResearchGate GmbH) The Di Bella Method (DBM) in the treatment of prostate cancer: A preliminary retrospective study of 16 patients and a review of the literature, anche questa liberamente usufruibile in basso in formato pdf.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [175.00 KB]


 

***

 

Al minuto 6’31” si ricordano i principi attivi utilizzati nel Metodo Di Bella. Più volte sono stati riportati in questo sito così come facilmente consultabili nel sito gemello nella sezione Principi Attivi. Qui di seguito verranno riportati i principali – ma non gli unici – con i link (nei nomi) alle varie pubblicazioni.

  1. Melatonina, cliccando si potranno visionare una lunga serie di pubblicazioni che spaziano dalle culture cellulari in vitro fino a sperimentazioni di ogni tipo su esseri umani, passando per review, sperimentazione animali, meta-analisi ecc.
  2. Somatostatina e/o Octreotide (analoghi e/o derivati), cliccando si potranno visionare una lunga serie di pubblicazioni che spaziano dalle culture cellulari in vitro fino a sperimentazioni di ongi tipo su esseri umani, passando per review, sperimentazione animali, meta-analisi ecc.
  3. Vitamina A (Axeroftolo o Retinolo), ATRA, acido retinoico (analoghi e/o derivati), cliccando si potranno visionare una lunga serie di pubblicazioni che spaziano dalle culture cellulari in vitro fino a sperimentazioni di ongi tipo su esseri umani, passando per review, sperimentazione animali, meta-analisi ecc.
  4. Vitamina D3 o diidrotachisterolo (analoghi e/o derivati), cliccando si potranno visionare una lunga serie di pubblicazioni che spaziano dalle culture cellulari in vitro fino a sperimentazioni di ongi tipo su esseri umani, passando per review, sperimentazione animali, meta-analisi ecc.
  5. Vitamina E (utilizzato sotto forma di estere) o Alfatocoferile acetato, cliccando si potranno visionare una lunga serie di pubblicazioni che spaziano dalle culture cellulari in vitro fino a sperimentazioni di ogni tipo su esseri umani, passando per review, sperimentazione animali, meta-analisi ecc.
  6. Antiprolattinici Cabergolina e Bromocriptina.

***

 

Al minuto 7’57” viene ricordata l’importanza delle elargizioni per la ricerca alla Fondazione Di Bella. Coloro i quali volessero contribuire possono cliccare sul banner presente nella home page di questo sito per essere rediretti nella sezione delle donazioni oppure cliccando sul link che segue Donazioni e attività di sostegno alla Fondazione. Nella sezione Raccolta fondi è possibile leggere i principali 4 progetti ai quali i contributi verranno destinati.

***

 

Qualche minuto viene dedicato all’effetto antivirale di alcune componenti del Metodo Di Bella, e.g. in maniera diretta il Lisozima e con una sorta di effetto indiretto la Melatonina (ma vale anche per diversi altri componenti come la Vitamina D e la Lattoferrina ad esempio). Per il Lisozima si suggerisce, a chi non l’avesse ancora fatto, di leggere l’articolo su questo stesso sito In principio Dio creò il cielo, la terra e il Lisozima…

Gli ultimi sviluppi per il Lisozima nei test in combinazione per creare una formulazione facilmente adottabile (e.g. uno spray nasale), ad ampio spettro, basso costo e ampia disponibilità come riportato nella pubblicazione (nel titolo il link all’editore) Development and evaluation of inhalable composite niclosamide-lysozyme particles: A broad-spectrum, patient-adaptable treatment for coronavirus infections and sequalae e liberamente scaricabile in basso in formato pdf.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [2.61 MB]


 

Per quanto ne attiene la Melatonina in atto uno studio in Spagna che ne prevede una somministrazione per via endovenosa di preciso, come riportato nello studio:

7 days of 5 mg per Kg of actual body weight per day of intravenous melatonin every 6 hours. Maximum daily dose 500 mg per day

La pubblicazione è intitolata (nel nome il link all’editore) A phase II single-center double-blind randomized placebo-controlled trial to explore the efficacy and safety of intravenous melatonin in patients with COVID-19 admitted to the intensive care unit MelCOVID study a structured summary of a study protocol for a randomized controlled trial.

In tale contesto si vuole far osservare che l’infusione di Melatonina in vena non è assolutamente una novità, anzi arriva con circa 40 anni di ritardo! Infatti, sebbene per altra patologia, correva l’anno 1974 (!) quando il Prof. Luigi Di Bella iniettava per via endovenosa 1g (1.000mg) al giorno di Melatonina per 11 giorni consecutivi ad un paziente affetto da linfosarcoma. L’operazione avveniva presso l’ospedale Maggiore-Pizzardi di Bologna.

Melatonin use in cancer patients have started in 1974, when melatonin prepared according to Prof. Di Bella’s formulation, in 25 mg bottles, at high doses of a thousand milligrams per day for 11 days was administered to the patient. At the request of the patient and family members with informed consent, and with the consent of the hospital management and the relative consultant, in view of the lack of therapeutic alternatives, a forty-year old patient, admitted to the general medical ward at the Maggiore-Pizzardi Hospital in Bologna, with chemo and radiotherapy-resistant lymphosarcoma after repeated cycles of chemo and radiotherapy, with bilateral laterocervical, axillary lymph node mediastinic, bilateral inguinal and splenic progression, was very slowly (over approx. 8 hours) and intravenously administered 1000 mg of melatonin for 11 days. During the course of each day, the patient was intravenously administered 4 saline drips of 500 ml, each containing ten 25 mg bottles of freeze-dried melatonin, lasting 2 hours, totaling 1000 mg per day. No other drug of any kind was administered in order to ascertain the effect of the MLT without interference. A complete and stable objective response was observed and radiographiclly documented, recorded in the patient’s medical notes. The patient passed away in due to acute meningitis 15 years later. It was not possible to administer similar doses in other cases because the supplier (IFLO, Milan) stopped its production and because of the lack of hospital ward cooperation.

Il testo è riportato nella pubblicazione (nel titolo il link a ResearchGate GmbH) Melatonin with adenosine solubilized in water and stabilized with glycine for oncological treatment – technical preparation, effectivity and clinical findings liberamente usufruibile in basso in formato pdf.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [929.06 KB]


 

***

 

L’applicazione della Melatonina a patologie tumorali non poteva che far ricadere l’attenzione su un’altra componente del Metodo Di Bella, la Somatostatina e in particolar modo sulla pubblicazione (nel titolo in link all’editore SAGE Journals) Mechanisms of Antineoplastic Action of Somatostatin Analogs liberamente usufruibile in basso in formato pdf e che riporta chiaramente:

Over the past decade, impressive antineoplastic activity of somatostatin analogs has been demonstrated in many tumor models. More recent research has provided information regarding mechanisms underlying the antiproliferative and apoptosis-inducing actions of these compounds. These include both ‘direct’ mechanisms that are sequellae of binding of somatostatin analogs to somatostatin receptors present on neoplastic cells and ‘indirect’ mechanisms related to effects of somatostatin analogs on the host.

 


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [1.58 MB]


 

A tal proposito al minuto 13’14” viene fatto esplicito riferimento alle pubblicazioni della Fondazione Di Bella e di preciso:

Entrambe usufruibili liberamente in basso in formato pdf.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [1.14 MB]


 


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [499.57 KB]


 

Fattori di crescita GH-dipendenti

Il principio di causalità (e non casualità come avviene per la chemioterapia!) è legato ai fattori di crescita GH dipendenti (immagine in alto) che svolgono un ruolo primario nell’induzione e progressione neoplastica: EGF (Fattore di crescita epidermico), FGF Fattore di crescita fibroblastico), HGH di derivazione dagli epatociti, IGF 1-2 prodotto dal fegato, NGF di derivazione dalle cellule nervose, PDGF prodotto dalle piastrine, VEGF del tessuto vascolare, TGF fattore di trasformazione ecc come sinteticamente riportato nella foto e, naturalmente, non campato in aria ma dimostrato nelle pubblicazioni riportate sinteticamente nell’immagine ovvero:

scaricabili, nell’ordine riportato, in basso in formato pdf.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [56.20 KB]


 


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [2.96 MB]


 

L’obiettivo è, naturalmente, ridurre il livello plasmatico dell’ormone (della crescita) GH come riportato nel’immagine in basso.

 

***

 

Al minuto 20’20” si fa un cenno alla soluzione di retinoidi costituita, per dirla in maniera un po’ rozza, da 3 tipi di retinoidi in soluzione stabilizzante di Vitamina E. nelle proporzioni:

  • ATRA (All-Trans Retinoic Acid) 0,5g;
  • Axeroftolo palmitato 0,5g;
  • Betacarotene 1g;
  • Alfatocoferile acetato (Vitamina E) 1000g.

 

Con riferimento all’immagine in alto la membrana cellulare (in azzurro, contenente lo strato fosfolipidico in rosso ) è una difesa, un filtro vitale attraverso cui tutto transita, dall’interno della cellula all’esterno, dove vengono recepiti e analizzati gli stimoli e i condizionamenti, dall’esterno all’interno e viceversa, in cui avviene la comunicazione, vengono emessi e ricevuti impulsi e segnali. Ottimizzarla, renderla efficiente, vuol dire rendere la cellula capace di difendersi in condizioni ottimali, potenziarla: la Vitamina E ed il Betacarotene proteggono e stabilizzano la membrana, la Melatonina ne modula fisiologicamente i potenziali, regolando i canali ionici e tutta la dinamica ed espressione recettoriale. Per comprendere l’enorme valenza dei retinoidi nell’ambito dell’economia biologica, basta considerare che essi forniscono l’alto costo energetico sia della crescita, che dell’ordine fisiologico della crescita stessa, concorrendo all’omeostasi antitumorale. La crescita della sostanza vivente comporta un altissimo dispendio energetico, ma l’ordine fisiologico della crescita comporta un pari, ed ugualmente elevato, fabbisogno di energia.

***

 

Al minuto 28’51 si fa cenno al protocollo Stupp utilizzato dalla cosiddetta medicina ufficiale ad esempio nei glioblastoma. Viene posta l’attenzione sui tumori cerebrali e in particolar modo sulla mediana di sopravvivenza adottando il protocollo Stupp in auge dal 2005 (quindi, oramai, da oltre 15 anni!); un protocollo estremamente gravoso per la qualità di vita della persona, come è facile immaginare viste le continue radioterapie.

I costi di un siffatto protocollo li si possono desumere come stima di massima dall’articolo Ma quanto ci costano e con quali risultati?. Costi che gravano sul SSN (Servizio Sanitario Nazionale) orientativamente per decine e decine di migliaia di euro al mese a paziente con i risultati modesti visibili nell’immagine in basso.

Mediane di sopravvivenza con il protocollo Stupp.
Mediane di sopravvivenza con il protocollo Stupp.

 

La conferma che trattasi di dati reali e non campati in aria ce la fornisce lo stesso sito che spiega il protocollo Stupp nel quale è chiaramente riportato che nel migliore dei casi (best case) risulta del 26.5% 2-year-survival with Stupp protocol; circa il 26% a 24 mesi (2 anni). Per pietà si evita di riportare il caso peggiore (worst case)!

Un’ulteriore conferma dei risultati piuttosto miseri, in proporzione alla pesantezza dei “trattamenti ufficiali di provata efficacia” e del loro esorbitante costo, la si può desumere anche nella pubblicazione “P D Delgado-López, E M Corrales-García – Survival in glioblastoma: a review on the impact of treatment modalities. Clin Transl Oncol. 2016 Nov;18(11):1062-1071. doi: 10.1007/s12094-016-1497-x. Epub 2016 Mar 10″.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [480.44 KB]


 

Per approfondimenti sulle patologie cerebrali trattate con il Metodo Di Bella e sull’uso di nuove molecoli addizionali si rimanda il lettore all’articolo Interviste Convegno MDB 2020 – Parte 2 e si ricorda una prima pubblicazione della Fondazione Di Bella sull’argomento risalente al 2015: Recurrent Glioblastoma Multiforme (grade IV – WHO 2007): A case of complete objective response – Concomitant administration of Somatostatin/Octreotide, Retinoids, Vit E, Vit D3, Vit C, Melatonin, D2 R agonists (Di Bella Method – DBM) associated with Temolozomide liberamente scaricabile in basso.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [788.73 KB]


***

 

Al minuto 31’35” viene toccato il tema dei costi Metodo Di Bella vs “cure ufficiali di provata efficacia”. In tale contesto si rimanda di nuovo all’articolo sopra richiamato Ma quanto ci costano e con quali risultati? al fine di desumere i costi di massima (ma stratosferici!) di ciò che viene passato dal SSN a fronte di risultati piuttosto modesti (i circa 200.000 morti l’anno solo in Italia lo dimostrano ampiamente senza necessità alcuna di dover aggiungere altro!).

In tale contesto al minuto 34’30” viene fatto cenno alla terapia CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T cell therapies) per alcune patologie del sangue (e.g Linfomi e Leucemia acuta) riguardante l’esorbitante costo a fronte, anche qui, di risultati non all’altezza di un siffatto investimento. Tali terapie non guariscono, aumentano l’aspettativa di vita del paziente a fronte di costi mediamente variabili dai 150.000€ ai 250.000€ annui a paziente! Rapporto costi/benefici che iniziano a chiedersi in molti, come riportate nell’articolo CAR-T e Immunoterapia – CAR-T. Analisi e dubbi sul rapporto costo-beneficio.

Riguardo ai Linfomi si vogliono evidenziare gli eccellenti risultati ottenuto con il Metodo Di Bella a costi decisamente e nettamente inferiori; e.g. per paziente nel caso peggiore, worst case, si parla al più di circa 1.500€ al mese!. Si ricordano così i 55 casi riportati nella pubblicazione (nel titolo il link a ResearchGate GmbH) The Di Bella Method (DBM) improved survival, objective response and performance status in a retrospective observational clinical study on 55 cases of lymphomas liberamente scaricabile in formato pdf in basso.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [167.08 KB]


 

***

 

Al minuto 40’04” viene ricordata una recente sentenza – inappellabile! – per un tumore alla coda del pancreas avanzato con “multiple metastasi al fegato di cui si è ampiamente parlato e alcuni articoli ne riportano – e ne ricordano – la dinamica.

Allo stato dei fatti un paziente abbandonato dalla cosiddetta “medicina ufficiale” e dai loro “medicinali di provata efficacia”. Chi fosse interessato può puntare il proprio browser al seguente articolo Il tribunale di Catanzaro: “L’unica cura del suo tumore è la Di Bella”.

***

 

Al minuto 49’47” si ritorna sulla Melatonina nel racconto di una ridicola dinamica accaduta verso la fine degli anni ’90 su un brevetto riguardante la Melatonina ad opera del Prof Luigi Di Bella. Un brevetto – si vuole sottolineare – senza alcuna rivendicazione economica ma solo di paternità scientifica e visibile in basso.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [768.36 KB]


 

***

 

Al minuto 1h4m30s viene spiegato un possibile meccanismo di utitlizzo della Melatonina in pazienti affetti da COVID19. Inoltre viene riportata la spiegazione della e sulla interazione Eparina-FP4 (Fattore Piastrinico 4) e della reazione nota con l’acronimo HIT (Heparin Induction Trombocitopenia).

A proposito di Melatonina, al minuto 1h08m viene ricordata la pubblicazione della Fondazione di Bella dal titolo Melatonin anticancer effect review (riportata in basso) ad oggi citata in oltre 160 lavori e scaricata nella versione completa in pdf oltre 10.000 volte! Tanto per fare un esempio, l’ultima citazione alla suddetta pubblicazione della Fondazione Di Bella è avvenuta solo 8 giorni fa nel lavoro Melatonin and its mechanism of action in the female reproductive system and related malignancies.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [747.24 KB]


 

***

 

Infine a partire dal minuto 1h8m11s viene riportata la dramatica storia di Barbara affetta da Linfoma di Hodgkin. Gli interessati potranno ascoltare direttamente la sua testimonianza.

Per farla breve, totale inutilità della cosiddetta “medicina ufficiale” e delle sue “cure ufficiali di provata efficacia”. Nessuna risposta a tutti i tentativi degli oncologi. Risponde adeguatamente al Metodo Di Bella …ma viene assassinata dall’ASL – in seguito ad un ricorso – e da un sistema giuridico miope che dietro sentenza arrivò a chiederle i soldi indietro!

Perché mai se aveva risposto e andata in remissione con notevole rapidità e a costi molto bassi rispetto alle cosiddette “terapie ufficiali di provata efficacia”? Solo per nascondere la totale inutilità di efficacia nel caso in parola delle cosiddette “cure ufficiali di provata efficacia”?

In  tale contesto si vuole ricordare che i Linfomi hanno sempre risposto più che bene al Metodo Di Bella. Oltre ai 55 casi riportati poco sopra in una pubblicazione, nel seguito vengono prsentate altre 3 pubblicazioni:

E quando è arrivata la sentenza di morte per Barbara – in seguito al ricorso dell’ASL! – questi risultati erano già tutti noti!

In basso vengono riportate le 3 pubblicazioni nell’ordine cronologico riportato nell’elenco puntato.


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [352.56 KB]


 


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [43.37 KB]


 


Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [49.38 KB]


 

Calendar

Aprile: 2021
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Categories

Social Profile