per specifiche informazioni di carattere medico o scientifico, potete visitare il sito ufficiale www.metododibella.org


Commenti scritti nel Forum

Gentili signori,
E' stata una fortuna trovare il Vs blog che è un supporto importante per chi segue la cura Di Bella.
Siamo seguiti per mia suocera dal Dr. ******* (omissis) per un carcinoma mammario recidivo che però sta andando molto bene. In questi giorni forse per un colpo d'aria si è presentata una febbre piuttosto tenace e il ns medico di base insiste per gli antibiotici. Mi pare di ricordare che invece non sia bene farli quando si fa la cura Di Bella e siccome non riusciamo a rintracciare il Dr. ******* volevo chiedere a voi se è il caso di prenderli oppure di fare qualche altra cosa.
Grato in anticipo per la risposta porgo distinti saluti


 

*******

Sig. Pietro,
Siamo fiduciosi che comprenderà l'inopportunità e l'impossibilità per noi di dare consigli terapeutici, prerogativa questa riservata ad un medico, e dopo un diretto contatto con il paziente.
Circa l'uso degli antibiotici, non esiste una incompatibilità con il MDB; semplicemente, i medici prescrittori più esperti valutano con attenzione se esistano razionali motivi per il loro impiego, visto che spesso se ne fa un uso indiscriminato, e in termini di dosaggio e di durata del trattamento.
In simili evenienze sarebbe comunque auspicabile una collaborazione tra il prescrittore Mdb ed il medico di famiglia, unico modo per affrontare e risolvere i problemi che possono insorgere nel corso della terapia.

Cordialmente
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Pietro F. (Pescantina (Vr)) in data: 2008-08-25 17:43:38.0
Dopo l'ultima risposta data dallo staff di Bella, la mia curiosità mi impone più che una domanda una speranza. La mia speranza è che sempre più medici oncologi, se si possono chiamare così, vedendo il fallimento della medicina tradizionale (chemio, radio, cobalto e altri ammennicoli più da santoni che da medici), si indirizzino verso uno studio scientifico certo; e da qui ripartire e se si può migliorare. Sul migliorare non linciatemi per quello che dico, ma io spero che le generazioni future possano vivere con una serenità che in questo momento qualsiasi persona non può avere o perlomeno non avrà a breve. Tutto questo per dire che come per la tecnologia, anche la medicina per alcuni versi è migliorata, ma penso che la qualità così decantata non ci sia. Non si può vivere nel terrore, e quanto a prevenzione se si va avanti di questo passo, ragazzi adolescenti saranno costretti a ecografie e tac. Anche se tutto il business della prevenzione sta terminando, ci sono tempi biblici per fare un ecografia, e poi i costi stanno lievitando a vista d'occhio, per cui la coperta inizia a diventare corta molto corta.

Un caro in bocca al lupo al signore del padre con un tumore al polmone, nella speranza che la scelta fatta non possa recriminarla in seguito come è successo a me. La mia ignoranza non ha dato a mio padre la possibilità di scegliere, perchè pensavo che dopo il '98 la cura Di Bella fosse finita e questa mia convinzione era data da mass media che impongono non solo scelte politiche ma anche su come ci si deve curare, e tutto questo non DEVE e non PUO' più avvenire.

Un Saluto
********

La sua speranza è anche la nostra, naturalmente. Non abbiamo mai pensato che il Metodo Di Bella, sia sotto il profilo del razionale scientifico che sotto quello dei presidi terapeutici, non possa essere migliorato. Lo stesso Prof. Di Bella sapeva - e lo scrisse - che la sua opera non fosse una scatola chiusa, ma potesse essere ulteriormente affinata. Prova ne siano l'incessante evoluzione della terapia dal 1969 al 2003, le ultime ricerche completate, e quelle rimaste purtroppo nella sua mente, che - auspichiamo - saranno realizzate da qualche geniale ricercatore in un futuro purtroppo lontano. Abbiamo parlato di "qualche geniale ricercatore" perchè oggi il lavoro scientifico in equipe è una esigenza imprescindibile, ma la mente può essere una sola: il prof. Di Bella non ha mai avuto collaboratori, ma solo manovalanza tecnica.
Noi, insieme alle poche persone che ne hanno adeguata comprensione e consapevolezza, non siamo una banda di fanatici che considerano il MDB un dogma immutabile, un "tutto-o-niente", e che sia peccato mortale parlare di un suo possibile arricchimento; nè abbiamo mai sostenuto che possa risolvere qualsiasi problema tumorale in qualsiasi situazione. Non deve quindi avere timore di prospettare questa ipotesi, perchè ci trova concordi.
Il problema, il vero problema, è condividere con chi è meno addentro alla questione di noi che tale evoluzione sarà inevitabilmente difficile e destinata a verificarsi dopo un radicale mutamento degli indirizzi e della mentalità correnti: mutamento del quale non vediamo nemmeno i primi bagliori di aurora. Lei parla di medici oncologi, e questo è il primo equivoco. Se la gente sapesse quali voragini esistono nella preparazione della categoria, a quali livelli di ignoranza di chimica, biologia, fisiologia arrivino coloro che si presentano quali vati scientifici, rabbrividirebbe e negherebbe loro qualsiasi fiducia. Un medico, anche colto e professionalmente valido, ha le stesse probabilità di perfezionare il MDB, o in generale di realizzare un progresso nella cura dei tumori, di quante ne abbia un pulitore di latrine. E' scoraggiante a volte constatare come non si comprenda che, quando parliamo del tumore, l'uomo si trovi al limite delle sue possibilità di capire e di sapere, perchè siamo di fronte al mistero della vita. Luigi Di Bella, riferendosi ad una delle tante grottesche proposte della medicina alternativa, disse che "...esso ha dimostrato agli uomini con un minimo di cultura, di logica e di buona volontà, che il cancro è un formidabile problema, che esige preparazioni scientifiche spettacolari, alla portata di qualche rarissima eletta mente".
Finchè non si realizzerà nella stessa persona la fusione tra il sapere e la mentalità del biologo e fisiologo ricercatore e quello del medico clinico, la lotta contro il cancro segnerà il passo, e continueremo a dover assistere a quelle piccole e parziali verità (ed una mezza verità è anche una mezza bugia...), costantemente mal dette e mal collegate, che a getto continuo ci vengono ammannite, o alle squalificanti esibizioni sulle copertine di rotocalchi di imprenditori della medicina che si fanno immortalare con una boccetta di pillole in mano sotto titoli roboanti.
Questa è la cosa più difficile da comprendere per chi non ha avuto modo di venire a contatto con un autentico scienziato. Di qui lo sconfortante e grottesco invito di taluni ad "aprirsi" a proposte e indirizzi fatti di aria fritta, provengano dall'empirismo deteriore della cosiddetta medicina alternativa o da ottusi esponenti dell'incolta ortodossia oncologica corrente. La gente non vuol capire che la scienza medica, che può arrivare a salvare un essere umano, deve essere prima di tutto matematica pura, cioè certezza assoluta, sia perchè la verità è una sola, sia perchè sarebbe criminale esporre a rischio una vita senza una cultura imponente ed una sicurezza assoluta e dimostrabile. La scienza, specie quella medica, non può essere come il costume di Arlecchino, un pezzo di un colore ed un pezzo di un altro, ma risultare da un convogliamento di conseguenziale e dimostrata razionalità. E questo vale anche per certe irrazionali aspettative del profano, evidentemente in errore se crede che due più due possa fare non solo quattro, ma anche qualcos'altro! In altre parole, la soluzione del problema cancro non può venire dal concorso di più proposte, più o meno valide, più o meno cervellotiche; non può derivare da un inesistente eclettismo, ma solo dalla costruzione di un edificio eretto unicamente su solide e granitiche basi: quelle scientifiche.
Ci perdonerà se ci siamo attardati con queste considerazioni, ma abbiamo colto l'occasione per cercare di fare chiarezza su un punto fondamentale.
Passando al tema della prevenzione, che lei tocca, questa non può ridursi ad ecografie, esami, risonanze, dietro alle quali si nasconde spesso il business: questa non è prevenzione, ma casomai uno strumento propedeutico ad essa. Si potrebbero avere anche in mezza giornata ecografie, esami ematici, citologici, risonanze, Tac eccetera, ma il vero punto focale è in questa domanda: "e poi?". Forse che i mezzi diagnostici sono anche terapeutici? Se la medicina oggi praticata è inefficace, quando non deleteria, i controlli periodici non possono che avere un senso limitato. Infatti, tolto il mezzo universale della chirurgia, applicabile in una gamma limitata e definita di casi, ci troveremmo di fronte all'impotenza assoluta. Nel frattempo - come lei giustamente osserva - il SSN (cioè noi) - affronta spese ingenti spesso inutili e vengono così a mancare le risorse per curare ed assistere al meglio tante persone afflitte da mali diversi dal tumore, e quindi risolvibili. E' vero quello che lei dice Mauro, la coperta diventa troppo corta: ma solo perchè alcuni la tirano tutta dalla loro parte.
In questo contesto si inquadra anche la risposta al suo secondo intervento odierno, che omettiamo di pubblicare, relativo ad un proposta terapeutica che, a nostro modo di vedere, non ha fondamento alcuno.
La ringraziamo della sua fiducia salutandola con cordialità.

 
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Mauro B. (Bologna) in data: 2008-08-24 15:50:46.0
Un cordiale saluto di nuovo a tutto lo staff del sito...aimè sento la necessità di intervenire perchè, come già fatto notare da un amico del sito, stamattina ho rischiato di farmi venire l'ulcera dalla rabbia...per l'ennesima volta in 12 anni...non oso pensare che stomaco forte abbiano i nostri Adolfo e Giuseppe Di Bella...
In breve, vedo una maxi locandina dal giornalaio dell'Espresso (quello della giornalista Daniela Minerva che non si fece passare la mia telefonata di protesta anni fa quando fece un articolo scandaloso e di parte contro il Professore e la sua cura...leggete poi cosa dice il Professor Gnant nell'intervista che fa  la pseudogiornalista in questo numero...tra le altre cose quest'ultimo afferma: "L'obiettivo di colpire con le terapie le cellule tumorali è un obiettivo limitato. Perchè non sappiamo come catturarle. Per questo abbiamo bisogno di avere un impatto sull'ambiente che le ospita e attaccarle in modo indiretto, privandole del nutrimento (SIGH!) di cui hanno bisogno per crescere ...." e poi ancora lo scopo perseguito è "...bloccano la crescita delle cellule tumorali sia inibendo l'angiogenesi, lo sviluppo dei vasi sanguigni essenziali nella crescita di un tumore, sia inducendo l'apoptosi, la morte programmata, delle cellule tumorali, sia stimolando il sistema immunitario."...ma non si vergogna "questa" a riportare queste affermazioni per una sostanza che è ancora allo stato sperimentale mentre tutti gli elementi del MDB concorrono a creare questa situazione con sostanze ormai studiate da decenni (medline lo nominano solo quando fa comodo...) e sperimentate sotto tutti gli aspetti!!!! lasciamo perdere va...)
Torniamo al dunque...maxilocandina con un primo piano di Veronesi con  ghigno diabolico che ci dice con caratteri cubitali in copertina "Ecco le pillole antitumore"...non volevo assolutamente dare i soldi per quella rivista ma la curiosità di leggere quello che affermava il "grande oncologo" (ARISIGH!) mi ha spinto ad acquistarla immaginando quello che avrebbe scritto: fenretinide(analogo sintetico dei retinoidi ma molto più costoso e brevettabile!), retinolo, calcio, Vitamina D3, licopene...ma come????? quando certe cose le diceva il Professor Di Bella ci ridevano sopra??? queste si aggiungono all'octreotide ed alla melatonina coniugata che Veronesi usa quasi di nascosto per alcuni suoi protocolli...vergognoso....ma poi si capisce tutto....nonostante tutte queste sostanze siano da anni sperimentate ed applicate (ancora una volta consiglio la Minerva e company di andare a farsi una facile ricerca su Medline...)..Veronesi afferma che bisogna credere nella farmacoprevenzione ed impegnarvi cervelli e MEZZI FINANZIARI. TANA!!!...sempre il solito fine soldi...soldi...così come è scritto sul bestseller FARMACOPOLI, dove tra l'altro c'è una interessante intervista al Dott.Giuseppe Di Bella (...interessante anche la figura meschina che fa Garattini nella sua, leggete tra le righe come lo presenta il giornalista-scrittore...), in copertina c'è scritto :"Non ti guariremo ma ti cureremo il più a lungo possibile"...il malato secondo questi "illustri"professori non è altro che una fonte di guadagno, naturalmente a spese soprattutto del servizio pubblico.....non se ne può più.....si deve fare qualcosa di grande...come e più di dieci anni fa....il terreno per far germogliare la verità è ormai fertile, si rimangeranno anche quello che meschinamente ora sbandierano al mondo?
Un cordiale saluto a tutto lo staff

*******

Grazie della sua, signor Fabio. Pochi dei colpevoli hanno capito, e pochi capiscono tuttora, che la porcheria - sì, questo il termine giusto - fatta dieci anni fa nei confronti dell'opera del Prof. Luigi Di Bella e della terapia che ne costituisce il coronamento, sia stata, di fatto, il harakiri dell'oncologia odierna, del collegato strapotere delle multinazionali del farmaco e della sterminata corte di promotori al loro servizio. E' vero, hanno procrastinato (ma non fermato) l'avvento di un nuovo corso terapeutico, ma ad un prezzo altissimo: quello di avviare il timer della loro ineluttabile...apoptosi. Non è uno slogan d'effetto, quello che usiamo, ma un giudizio pensato, scaturito da anni di riflessione razionale fondata sui fatti.
Può bastare riflettere, a dimostrazione di quanto sopra, sul fatto che, nonostante insulti di ogni genere, fulmini tuoni e saette, silenzi mediatici e scomuniche, il Mdb ce l'hanno sul gozzo, non riescono a liberarsene e migliaia di malati vi ricorrono ogni anno.
D'altronde, e lo abbiamo detto altre volte, poche settimane prima di spegnersi nostro padre ci aveva profetizzato: "Vogliano o non vogliano, prima o poi dovranno sbattere il muso sulla faccia del sottoscritto. Cambieranno un nome qui, un nome là, denomineranno in modo diverso le sostanze che ho usato io, ma sarà così. E si accorgeranno, anche se troppo tardi, quello che gli ho combinato".
Oggi si viene a verificare una prima severa resa dei conti. Ma neanche questo comprendono, perché chi corre portando in mano la fiaccola del male, porta anche quella dell'ottusità. Tanto è vero che quanti si erano distinti nel digrignare i denti contro il MDB, nello scambiarsi sguardi ironici d'intesa su "l'empirismo antiscientifico", nel dire incredibili sciocchezze sulla "somatostatina" che serve a poco e solo nei tumori neuroendocrini, sui retinoidi che sono "acqua fresca", sulla melatonina che è un farmaco unicamente per i disagi da "jet lag", sulla vitamina E che fa male, sulla vitamina D3 che è pericolosa......ne diventano non solo i paladini, ma i padri!!! Se davvero così fosse, queste sostanze avrebbero ragione ad offendersi nel sentirsi attribuire paternità del genere. Ci sarebbe da ridere di questa farsa buffonesca di infimo ordine, se non fosse costata milioni di vittime dal 1998 ad oggi e non costasse - solo in Italia - almeno seicento morti al giorno. Per la cronaca, quando lo scienziato (non possono esserci dubbi sulla sua identità) si recò a Roma nel gennaio 1998 e illustrò alla commissione oncologica i fondamenti del suo Metodo, se alcuni ascoltatori, algebricamente di grande valore, nascondevano a malapena i loro ghigni, qualcun altro, oggi assai attivo ed onnipresente in borsa, su teleschermi e pagine satinate, gli saltellava attorno al ritmo di mazurca con quasi imbarazzante servilismo, investendolo con raffiche di domande sul MDB. Dalle stagionate reminiscenze delle risposte allora avute nascono le...sensazionali scoperte dell'oggi.

Certo, la potenza dei sostenitori della sorridente brigata è indiscutibile, tanto da riuscire nel miracolo di sbiadire la memoria di alcuni giornalisti, distoglierli dal consultare archivi e addirittura toglier loro lo scrupolo di consultare la documentazione - tuttora "on line" - della vergognosa sperimentazione di dieci anni fa: e dire che lì troverebbero esposte le grandi scoperte dell'oggi, dalla vitamina E alla vitamina A, dall'acido retinoico al betacarotene, dalla vitamina D3 alla somatostatina, dall'octreotide, alla Melatonina...... Il "santo guaritore" di allora è stato - nelle intenzioni, quantomeno - espropriato di quelle affermazioni che allora gli valsero la taccia di santone della medicina. Indubbiamente un esempio di grande professionalità ed etica professionale!

In poche parole, questi prodi falsari, diversamente da Totò e Peppino De Filippo che, in un noto vecchio film, tremavano al momento di spacciare le banconote stampate in cantina, parlano con disinvoltura, recitando la parte di grandi uomini, e poco ci manca che, imitando il "santone depredato", tengano inclinato il capo da un lato e le mani strette tra di loro.

Noi siamo convinti però di due cose: anzitutto che i tanti uomini di scienza che vivono e lavorano seriamente in tutto il mondo li giudichino per quello che sono; e, in secondo luogo, che i falsari abbiano perso il senso della realtà, se davvero credono di potersi servire impunemente del loro vergognoso furto grazie ai buoni uffici di giornalisti consapevolmente smemorati......al fine di continuare a spillar soldi allo Stato ed alla gente. Non occorrono le circonvoluzioni cerebrali di un Leonardo da Vinci per capire che pretendere di ricavare gloria (e soldi) da quanto si è pubblicamente e clamorosamente disprezzato e combattuto con ferocia dieci anni fa non è attuabile nemmeno con gli appoggi e le complicità più altolocate. Insomma, un delirio di bronzite acuta e di onnipotenza, che accelererà il crollo definitivo di questa vertiginosa e immonda torre edificata con la carne e le ossa di milioni di innocenti. Con una metafora forse non impropria: è come se, duemila anni fa, coloro che issarono Cristo inchiodato sulla croce, avessero preteso per ciò stesso di essere considerati buoni cristiani.


Un cordiale saluto

per STAFF DI BELLA INSIEME
Adolfo Di Bella
postato da: Fabio Borzi (Roma) in data: 2008-08-23 21:15:58.0
Spett.le Di Bella Insieme,
scrivo per chiedere il Vostro urgente aiuto per conto di mio padre, dell’età di 66 anni, al quale, è stato purtroppo diagnosticato un tumore al polmone destro: “Neoplasia polmonare istotipo non a piccole cellule staging T3N2M0 Stadio IIIB-IV”. A questa diagnosi si è giunti dopo aver eseguito i seguenti esami:
 - Fibrobroncoscopia (7/08/2008).... omissis
- TAC (09/08/2008): TC cerebrale senza e con contrasto; TC addome sup. e inf. senza e con contrasto; TC torace senza e con contrasto
 - Esame istologico:Biopsia Bronchiale (11/08/2008)
 descrizione: omissis ....Diagnosi: Frammenti puntiformi di mucosa bronchiale alcuni dei quali in sede di infiltrazione di carcinoma non a piccole cellule.
Esame citologico (11/08/2008): 1) Broncoaspirato  2) spazzolato bronchiale...omissis .... 
- Esame citologico (14/08/2008): versamento pleurico ...
omissis
– CEA:778.90; CA19-9:4.81; CA125:3190.00; AFP:0.80; TPA:595.00-  Altro esame (forse ematologico): CEA: 36.30; CA19-9:24.66; CA125:255.00; AFP: 1.84; TPA:136.00; PSA Tot.:4.29

In attesa di  PET TOTAL BODY, la terapia consigliata (poiché i medici tendono ad escludere, allo stato, la possibilità di un intervento chirurgico) è: Trattamento polichemioterapico”. Io non ho molta fiducia nella chemioterapia nonostante si dica che si sono fatti passi avanti. Dopo che mio padre ha vissuto una vita di sacrifici per noi figli  vorrei almeno assicurargli la migliore cura possibile del caso, limitando al minimo le sofferenze. Per questo  chiedo se secondo Voi la patologia che ho indicato risponde bene alla terapia del Prof. Di Bella ed in tal caso Vi chiedo di indicarmi con cortese urgenza i medici di Vostra fiducia nella mia regione (Puglia – Brindisi – Lecce – Taranto) ed in mancanza qualsiasi medico che ritenete idoneo nell’applicazione della terapia di Bella per la patologia che ho indicato, così da poter convincere anche le mie sorelle che la via indicata dal compianto Prof. Luigi Di Bella  è la strada giusta per mio padre e per tutti coloro che oggi ed in futuro saranno interessati dalla malattia. Vi sarei estremamente grato se poteste inoltre indicarmi se in Puglia la terapia sia – in tutto o in parte – dispensata dal S.S.N. Indico in calce il mio indirizzo e-mail e ringraziandovi anticipatamente per l’attenzione che potrete accordare alla mia richiesta, Vi porgo i miei più Cordiali saluti.

*******
Sig. Antonio,
Contestualmente alla pubblicazione della presente provvediamo ad inviarle e.mail riservata con le indicazioni opportune.
Naturalmente il medico che le abbiamo segnalato, una volta esaminato il complessivo quadro clinico, potrà fornirvi un'opinione qualificata. Da parte nostra non possiamo darle ovviamente un parere medico, ma solo un'informazione di carattere generale. Il fatto che non si tratti di un ca. polmonare a piccole cellule deve considerarsi un fatto positivo, essendo la forma citata particolarmente ostica da trattare. La stadiazione denuncia uno stato avanzato del male (anche i valori dei markers sono elevati), e questo impone molta prudenza nella prognosi, anche se l'esperienza dei medici MDB più qualificati è che la terapia abbia maggiori probabilità di successo in un tumore anche avanzato, ma non precedentemente trattato, rispetto ad un tumore diagnosticato più tempestivamente, ma pesantemente trattato con le terapie correnti.
Diamo per scontato il fatto che voi familiari siate stati informati che nei tumori polmonari le terapie consuete hanno una valenza essenzialmente palliativa, potendosi riscontrare, nel migliore dei casi, solo un modesto incremento della sopravvivenza.
Il parere in merito del Prof. Luigi Di Bella era che in patologie simili non si dovesse mai procedere chirurgicamente e che i trattamenti usuali fossero più di danno che di giovamento.
Questo è quanto possiamo responsabilmente risponderle, non potendoci spingere oltre per difetto di adeguata competenza, salvo osservare che non sono poche le persone colpite da ca. polmonari (compresa la forma a piccole cellule) salvate dal Mdb. Circa la posizione dei suoi familiari, che ci sembra dubbiosa e incerta sulla via da intraprendere, seguiamo la regola di questo sito, che non è quella di "convincere", ma di esprimere senza reticenze la nostra posizione e di dare informazioni corrette, così da consentire una decisione autonoma e consapevole. Le consigliamo quindi di consultare eventualmente i motori di ricerca scientifici internazionali, così da poter opporre ad eventuali prognosi ottimistiche i dati di autorevoli istituti scientifici esteri, e, per quanto riguarda il MDB, di consultare sia l'altro sito ufficiale con indirizzo specificamente scientifico (
www.metododibella.org) che il seguente link (http://www.dibella.org/sezione.do?nome=informazioniELavori) dove sono riportati due lavori sul Mdb applicato a neoplasie polmonari apparsi su accreditate riviste scientifiche statunitensi, che hanno fatto rilevare una sopravvivenza media superiore del 300% a quella ottenibile con le metodologie tradizionali.
Infine, per quanto riguarda la rimborsabilità della terapia in Puglia, ci risulta che questa sia spesso dispensata dalle Asl regionali previa istanza degli interessati. Il medico suggerito potrà ragguagliarvi in merito.
Augurandole di cuore che questo momento di scoramento e di angoscia possa concludersi presto e positivamente, la salutiamo cordialmente


 

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Antonio (San Pancrazio Salentino (BR)) in data: 2008-08-23 16:57:29.0
Nel ringraziarvi della celere risposta, la cosa sulle metastasi mi risulta pià chiara, però vorrei capire come si fa a prevenire un fatto tanto devastante. Mio padre in tre mesi è morto: è entrato al pronto soccorso con le sue gambe ed uscito sempre con le sue gambe. Come si può rimanere impotenti, trovarsi davanti a un tunnel nero e non uscirne più? Ho 39 anni e la cosa è preoccupante, quando si entra in un ospedale si ha il timore e la paura che sia il male del secolo e non certo una banale influenza.
Quando parlo di speranza lo auspico per tutti quelli che hanno meno anni di me, ragazzi che si trovano davanti a questo tunnel troppo presto.
A me questo futuro non piace. Ripeto, io sono ignorante, ma qualcosa che non va in tutto questo prevenire c'è, e di esempi ne ho eccome; ne avrete anche voi, di persone che manco sanno cosa sia una mammografia o un esame della prostata ma sono ancora lì.

Mi scusi ma questa è impotenza di fronte al futuro anche se proprio su questo forum ho letto con mia grande soddisfazione che ci sono giovani che possono dire "IO CE L'HO FATTA" e questa è la cosa che mi riempe il cuore di felicità. Mio nonno diceva che da vecchi si deve morire, da giovani si può morire.

Un saluto e continuiamo così.


 

******

Quando si è reduci come lei da grandi dolori, si rimane annichiliti, confusi e sorgono spontanee tante domande angosciate. E' ben comprensibile il suo sgomento per l'impotenza della medicina di fronte a questo male: una parziale spiegazione può venire dal fatto che questa impotenza non è da accollare alla medicina scientifica, ma ad una diffusa ignoranza di questa da parte di molti medici.
Ciò che è inescusabile è che, anche non fosse mai nato Luigi Di Bella, da decine di anni avremmo i mezzi per prolungare la vita, migliorarne la qualità, prevenire (seriamente!) l'insorgenza dei tumori; e da decine di anni, adottando il MDB, si sarebbero potute salvare milioni e milioni di vite umane. La verità è che il cancro non è solo il male del secolo, ma L'AFFARE del secolo.
Affare che, come osservato ieri, non riguarda solo la cura ma anche la prevenzione. Poco ci manca che vengano a metterci anche sotto i tergicristalli gli asfissianti inviti a sottoporci a mammografie, esami delle feci, colonscopie, esami dei nevi eccetera: esami che, in certi casi, possono essere o pericolosi o deleteri.
Sarebbe tempo che l'umanità, spesso in veglia letargica della mente, insorgesse non solo contro la "falsa felicità" evocata dall'attuale Pontefice, ma anche e soprattutto contro le infinite altre falsità che ci vengono ammannite per finalità prevalentemente commerciali.
Certo, noi andiamo avanti nonostante l'immensa sperequazione di risorse perchè, come abbiamo frequentemente ripetuto, il tempo - almeno lui.... - è galantuomo.

Cordialità
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Mauro B. (Bologna) in data: 2008-08-21 20:07:04.0
Buona sera a tutti, dopo tanto tempo, ma con questo mai dimenticato di leggere il forum riscrivo per dire che domani sull'Espresso il noto luminare il Prof. V.....i parla di una pillola anti tumore; questa è la cosa più interessante per chi sta credendo in una medicina alternativa e crede nel metodo di Bella.

"Così, per le donne a rischio, ad esempio, si apre la vera prevenzione: la risonanza magnetica una volta all'anno, e tra poco la prospettiva di un farmaco anti-cancro derivato dalla vitamina A, da prendere tutti i giorni come un semplice integratore. Ci sono poi gli importanti esempi di principi attivi preventivi come il tamoxifene e altri anti-estrogeni per la prevenzione del tumore del seno. All'Istituto Europeo di Oncologia di Milano, con Andrea Decensi abbiamo sperimentato con successo l'uso di un derivato dell'acido retinoico (la fenretinide) per la prevenzione del tumore mammario delle donne giovani. "

La mia curiosità però è un'altra, essendo ignorante e per questo me ne scuso, ma proprio ieri a Bologna è stato effettuato un intervento durato 12 ore con un trapianto di cuore, rene e fegato.
Ecco la mia ignorante domanda è questa, se si riescono effettuare interventi così complicati, perchè non si riescono ad effettuare interventi quando si ha un tumore in metastasi?

La mia seconda domanda o curiosità è questa: qual'è la percentuale di guarigione con il metodo di Bella rispetto alla medicina tradizionale, questo mio quesito è dettato che da ricerche effettuate in Internet la possibilità di guarigione con i metodi tradizionali si assesta sul 50% direi alquanto bassa.
La mia ultima curiosità: qui si parla di una qualità di vita migliorata e nello stesso tempo anche del periodo di sopravvivenza, ma a me questo non convince. Sempre più giovani vengono colpiti da tumori ignoti ai nostri genitori. Chiedo questo perchè giovani, troppi giovani, anche atleti affermati, sono morti per questa malattia e si parla di età compresa fra i 20 e 30 anni.

Bisogna dire con  Dante "Lasciate ogni speranza voi che entrate" ....in questo male, oppure bisogna vivere ringraziando Dio un giorno si e l'altro pure.

Scusate se vi ho tediato ma avrei bisogno di certezze da voi dato che il tradizionale ha fallito assai e a parte ribadire il concetto della prevenzione e su cosa mi domando, se tutto va bene e se abbiamo risolto il problema.
********

Caro Mauro,
La nostra risposta, preavvertiamo, sarà edulcorata, anche se a denti stretti.....
Qualche maligno potrebbe fare le seguenti osservazioni. Nulla, come la paura, spinge a spendere. E poichè nulla fa più paura del dolore e della morte, può risultare premiante non solo (e magari non tanto) "vendere" farmaci per curare, ma anche (e soprattutto) per prevenire. I retinoidi (insieme ad altri presìdi farmacologici) possono svolgere una sicura azione preventiva, ovviamente con modalità da stabilirsi, caso per caso, da un medico preparato: questo diceva il Prof. Luigi Di Bella cinquant'anni fa.
Oggi, si potrebbe ribaltare un noto detto e dire che "chi disprezza (meglio: ha disprezzato) VENDE....."!
Lasciamo stare la quisquilia che analoghi sintetici della vitamina A, se è vero che funzionano molto meno e con effetti collaterali sgraditi, possono però essere brevettati - a differenza della vitamina citata - e quindi essere venduti a cifre centinaia di volte superiori; lasciamo stare il fatto che innumerevoli studi scientifici abbiano dichiarato che il Tamoxifene può indurre tumori all'utero, oltre che gravi effetti collaterali: la realtà è che questi prodotti RENDONO, o direttamente o indirettamente. Che ne facciano poi le spese i malati in termini di tasca o di vita....bè, fermiamoci qui. Questo, quantomeno, quello che potrebbe osservare qualche maligno.

Alla sua seconda domanda sull'intervento di Bologna ci sentiamo di risponderle che si tratta di cose assai diverse e non raffrontabili: spesso non è questione di difficoltà tecniche, quanto di inutilità terapeutica dell'intervento.

Evadiamo in breve gli altri quesiti osservando come il 50% di guarigioni sia provatamente una bufala statistica, dato che i più accreditati studi di sopravvivenza apparsi di recente ci dicono che a 5 anni dalla diagnosi il 71% dei malati di cancro è passato a miglior vita (secondo alcuni il 90%). Il MDB, non essendo un indirizzo ciarlatanesco ma fondato sul massimo rigore scientifico, non si presenta con statistiche, che sarebbero comunque elaborabili avendo a disposizione organizzate strutture sanitarie; preferiamo limitarci a dire, o meglio a ripetere, che questa metodologia assicura un'altissima percentuale di salvezza a chi la intraprende in tempo utile e senza le devastazioni delle terapie usuali.
Il discorso sulla giovane età di tante persone colpite dal tumore è assai lungo e complesso: sinteticamente si può dire che occorre considerare diversi fattori, quali la rudimentalità dei mezzi diagnostici disponibili ai tempi dei nostri avi, le mutate condizioni ambientali, i diversi stili di vita e le mutate abitudini alimentari.
Infine: nulla, nemmeno la chemioterapia, è più lontano dal MDB della medicina alternativa. Qui non si tratta di doversi rassegnare all'incurabilità del cancro, ma - casomai - all'ignoranza ed all'amoralità di chi dovrebbe curarlo.
 
Cordialmente

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Mauro B. (Bologna ) in data: 2008-08-21 18:56:42.0
Un saluto a tutti gli amici del forum e allo Staff.
Che tristezza le ferie agli sgoccioli! Ma poi penso a come stavo male prima e a come sto bene e anche di più adesso.
La domanda che faccio magari è un po' sciocca ma volevo sapere se è giusta la mia impressione. Quando andavo a mare gli altri anni mi scottavo sempre anche se stavo attenta, invece quest'anno neanche un po': può essere la cura che faccio? Ci sono altri casi come il mio?
Mi scuso se la domanda è magari fuori luogo ma sono curiosa.
Grazie per la vostra risposta e un grande saluto
Sara
******

Lieti per quanto ci riferisce, le diciamo subito che la domanda non è affatto gratuita.
I retinoidi e la vitamina E che lei assume svolgono un ruolo molto incisivo sulla cute - cosa risaputa da oltre mezzo secolo e nota a medici con un minimo di preparazione - constatato da tanti, compreso chi le scrive.
Questo ruolo protettivo si manifesta anche ricorrendo a creme addizionate delle vitamine citate, come ognuno può verificare mescolando una modesta quantità di soluzione di retinoidi ad una comune crema idratante. Gli unici ad ignorarlo sembrano essere i lampadari della medicina nostrana; non le ditte più qualificate di cosmetici, che stanno facendo incetta di vitamina E ed A, tanto che - così ci riferiva giorni fa un amico - i farmacisti preparatori riscontrano attualmente qualche problema nell'approvvigionamento delle due vitamine.

Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Sara d.A. (PN) in data: 2008-08-19 19:23:25.0
ancora sulla Somatostatina e analoghi
http://www.istitutotumori.mi.it/INT/
rivistatumori
/casicliniciPDF/CasiClinici23.pdf
http://www.istitutotumori.mi.it/INT/
rivistatumori
/casicliniciPDF/CasiClinici22.pdf
http://www.istitutotumori.mi.it/INT/
rivistatumori
/casicliniciPDF/CasiClinici21.pdf
http://www.istitutotumori.mi.it/INT
/rivistatumori
/casicliniciPDF/CasiClinici20.pdf
credo non serva dire altro
Cordiali saluti
postato da: Simone C. (Lendinara) in data: 2008-08-16 16:30:55.0
Salve, mia madre di 67 anni, è stata sottoposta in marzo a nefrectomia radicale dx per un carcinoma renale (a cellule cromofobe) di notevoli dimensioni (15cm x 9cm). Appena dimessa abbiamo cominciato la terapia Di Bella prescrittaci dal Dottor ***** di Verona evitando qualsiasi altra terapia. Dopo quasi 5 mesi di terapia le sue condizioni sono abbastanza buone e l'ultima tac effettuata è libera da qualsiasi tipo di metastasi evidenti. L'unico problema è rappresentato da un continuo e deciso calo dei globuli rossi riscontrabile dai periodici esami del sangue e da una notevole perdita di capelli. Questo problema può dipendere da qualche componente della terapia? L'endoxan 50mg che prende 2 volte al giorno può esserne la causa? Eventualmente è consigliabile diminuirne la dose?
Grazie
*******

Sig. Nicola,
Il medico che segue sua madre è tra i più esperti e capaci prescrittori Mdb. Non avendo veste per esprimere valutazioni, la risposta alla sua domanda deve intendersi esclusivamente come orientativa.
Dando per scontato che i galenici provengano da un farmacista preparatore di sicura attendibilità (in regione operano, oltre alla farmacia di riferimento, altre due valide farmacie), la ciclofosfamide (specialità Endoxan), pur in dosaggio modesto, a volte può portare ad un calo dei globuli rossi. E' comunque possibile porvi rimedio abbastanza agevolmente. La cosa migliore è riportare quanto detto in proposito dal Prof. Luigi Di Bella: "...in tal caso, è sufficiente ridurre il dosaggio o somministrare qualche migliaio di U. di eritropoietina..." (Seminario ottobre 1997, Fanano).
Occorre peraltro osservare che le specialità che recepiscono il citato principio attivo o derivati, per una delle discutibili disposizioni vigenti in materia, richiedono particolari procedure per essere dispensate.
Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Nicola (Ravenna) in data: 2008-08-12 20:27:00.0
Salve,
sul sito di Veronesi, al LINK:
http://www.ieo.it/italiano/innovazioni/acid_retin.shtml

si parla di Acido Retinoico, tuttavia applicato solo alla Leucemia ...
Sbaglio o il nostro Prof. lo applicava prima alla Leucemia per poi estenderlo a tutte le forme tumorali ...

Quindi il noto Veronesi per ora lo applica alla Leucemia e poi tra qualche anno scoprirà che l'applicazione è estendibile anche alle altre forme tumorali ...

Quindi Il Prof. Di Bella era avanti di 30 anni rispetto ai noti studiosi di oggi ...
********

La faccenda dell'acido retinoico è ormai ritrita. Il Prof. Luigi Di Bella lo usava per le patologie ematologiche ed oncologiche già nella seconda metà degli anni sessanta: quindi si tratta anzitutto di quaranta e non di trent'anni, senza considerare che parliamo di una sola sostanza del MDB.
Uno dopo l'altro, gli spregiatori del Prof. Di Bella hanno preso a piene mani dalla sua opera, un po' qua e un po' là, ma senza azzardarsi ad applicare estensivamente il frutto del loro plagio: non converrebbe, ed anzi potrebbe alienare il pingue appoggio di chi governa la salute del mondo.
Ma serve a far scena, a recitare la parte degli scienziati (anche se si sarebbe in difficoltà nella messa a fuoco di un microscopio), e soprattutto a cercare di sviare la delusa attenzione di chi finora ha creduto ai loro proclami. Guai se la collettività cominciasse a chiedere, dopo decenni di squilli trionfalistici diffusi da oncologiche trombette di latta, quali  novità ha prodotto la "ricerca" lautamente finanziata! A quali risultati concreti hanno portato certi giganti generosamente sovvenzionati e quotati in borsa!
Ecco allora la gara dei questuanti, fatta tutta - e unicamente - di spot pubblicitari: dal sacco della razzia escono somatostatina, octreotide, vitamina E, vitamina A, betacarotene, acido retinoico, melatonina, vitamina D3: tirate a lucido, nascoste dal perizoma di un'etichetta che svii, quando possibile, il ricordo di analogie depositate nel letargo delle memorie, fungono da argentei campanellini che distolgano l'attenzione del pubblico, tacitino delusioni sorgenti, reiterino la saga delle maratone televisive per la raccolta fondi.
Dal 1998 ad oggi, sono morte di cancro in Italia almeno due milioni e mezzo di persone. Siamo scettici sul fatto che queste croci, disseminate a perdita d'occhio, possano risvegliare un minimo di coscienza, perchè si può ridestare chi dorme, non chi è trapassato o non è mai nato. Ma proprio da questi innocenti sacrificati al Moloch dell'interesse, prima o poi verrà una domanda alla quale nessuno potrà rispondere. E con questa domanda, la fine della più grande infamia nella storia dell'umanità.

Saluti
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Vincenzo (Roma) in data: 2008-08-12 15:44:03.0

Ciao a tutti,

farvi dei complimenti e' del tutto relativo vista la vostra formidabile professionalità e umanità.

Vorrei dire a tutti e fare i complimenti al Dott. **** per la sua presenza: ogni qualvolta che lo contatto è sempre disponibile.

Vorrei sapere se e' normale che dopo 10 giorni di cura con MDB compaia stitichezza.

Grazie a tutti e un grosso in bocca al lupo a tutte quelle persone che hanno fiducia come me nel MDB.

Porterò sempre in alto la vostra bandiera.

grazie a tutto lo staff Di Bella.


Antonio

********

Grazie delle sue parole Antonio. Il medico che la segue (come regola del sito omettiamo sempre ogni riferimento nominativo) è uno dei pochi in grado di applicare correttamente il MDB e, come giustamente lei dice, a dare ampia reperibilità ai pazienti.
La stitichezza è davvero insolita tra le manifestazioni iniziali del Mdb, che può casomai dare qualche sintomo opposto. Per scrupolo, occorrerebbe controllare la qualità dei galenici acquistati (soluzione di retinoidi in particolare): a tale scopo siamo a sua disposizione se ci contatta a
info@dibellainsieme.org .  
Certi che il suo medico saprà - ove persistesse il problema - provvedere nel migliore dei modi, la salutiamo cordialmente.

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: ANTONIO (VILLASANTA) in data: 2008-08-11 22:38:22.0
Volevo portare il caso di mia moglie Carolina, affetta da 10 anni da LNH basso grado con anemia emolitica associata, faccio un breve sunto: ammalata dal 1999 (giugno) splenectomia, curata con MDB come prima linea di cura, il Linfoma ad oggi è in remissione completa (biopsia marzo 08), alla tac di maggio compaiono numerose aureole, il medico curante (dott. ******) ci dice di stare tranquilli,  notiamo però valori in aumento della LAD e in diminuzione dell'emoglobina.
volevo sapere se c'è qualcuno nel forum che ha avuto sperienza con LNH  basso grado con associata anemia emolitca, per un confronto, grazie.

Giulio M.
postato da: giulio (padova) in data: 2008-08-11 17:11:04.0
Gentili Signori,
Vi scrivo da Firenze per sottoporre alla Vostra cortese attenzione il caso di mia madre, 76 anni.
Il giorno 3 giugno u.s. è stata sottoposta ad intervento chirurgico in urgenza di emicolectomia sinistra con affondamento del moncone rettale e colostomia sinistra (operazione di Hartmann) e lavaggio peritonale, a seguito di diagnosi di peritonite stercoracea da perforazione del sigma da probabile stenosi neoplastica. In effetti, il relativo referto istologico (pervenutoci ben 7 settimane dopo!!!) è il seguente:
Adenocarcinoma intestinale a medio grado di differenziazione infiltrante a tutto spessore le tuniche muscolari
.......(omissis)
Ora mia madre, canalizzata con stomia, dovrebbe cominciare mercoledì 13  la chemioterapia adiuvante
.......(omissis) .
Sono arrivato a Voi navigando su Internet, perché una nostra lontana parente, medico e ricercatrice in Germania,  contraria alla chemioterapia, ci ha citato la ******* del Dr. ******* ... ho trovato il sito del ******* dove c'era il link al Vostro sito.

E' banale dire che né mia madre né io siamo entusiasti... Mi piacerebbe avere ogni informazione utile riguardo al MDB applicato al CRC e magari i nominativi dei medici MDB da Voi "riconosciuti" e operanti in Firenze (ovviamente preferibili) o in Toscana. Chissà che non ci venga abbastanza forza d'animo da tentare un colpo di mano...
 
Se Vi servono altre info, sono lieto di fornirVele, per quanto posso. Inutile dire che in questo momento sono un po' in apprensione e addolorato...
Per correttezza Vi informo che ho scritto anche alla ATSAT e al sito ufficiale www.metododibella.org, e sto attendendo risposta.

Grazie in ogni caso, cordialissimi saluti e auguri per la Vostra attività.

*********

Caro signore,
Di fronte ad una decisione così importante, non possono essere le forzatamente poche righe nostre a poter determinare in una direzione o in un'altra. Comprendiamo le sue incertezze, ma possiamo solo consigliarle di leggere con paziente attenzione le discussioni di questo sito e, in particolare, quanto esposto in "MDB: INFORMAZIONI E LAVORI" sub "CONTENUTI" (cfr. riquadro sulla destra della home page), e soprattutto, di consultare il gemello sito ufficiale
www.metododibella.org, di vocazione specificamente scientifica (questo e il Dibellainsieme, complementari tra di loro, sono gli unici siti ufficiali del MDB, facendo entrambi capo alla famiglia Di Bella).

Siamo soliti dire a quanti ci scrivono che il MDB è da noi considerato - non per "fede", ma per la constatazione di tutta una vita - l'unica terapia farmacologica priva di tossicità o controindicazioni e in grado di sconfiggere il tumore. Gli strumenti sui quali si fonda sono il frutto di sessant'anni di ricerca rigorosa. Come tutte le verità scientifiche, questa richiede una serie di presupposti, quali le condizioni cliniche del paziente, lo stadio del tumore, la presenza o meno di precedenti approcci terapeutici. La patologia descritta è stata trattata con esiti a nostro parere altrimenti non raggiungibili. Per completezza, la informiamo che il MDB non ha nulla in comune con l'orientamento da lei citato e da noi obliterato tra gli "omissis", non essendo sufficiente la buona fede per salvare una vita.

Nella sua regione non siamo purtroppo in grado di farle il nome di alcun medico nè di alcuna farmacia galenica (presso la quale reperire due dei numerosi farmaci contemplati dal Mdb) che godessero della fiducia del Prof. Luigi Di Bella.
Non possiamo che augurarle di fare la scelta migliore, dichiarandoci a sua disposizione, se questa ricadrà sul MDB, per darle indicazioni e informazioni utili. In tal caso potrà contattarci al nostro indirizzo e mail
info@dibellainsieme.org o al numero 340/469.74.48 (da lunedì a giovedì mattina, ore 9,30-12,30).

Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Marios (Firenze) in data: 2008-08-10 16:26:26.0
Buona sera signori.
Ci siamo rivolti al Dr. ***** per il caso di un congiunto colpito da un tumore osseo. Ci siamo rivolti inizialmente al Prof. ***** a ****** e sono state fatte le seguenti cure: (omissis). I risultati però sono stati deludenti e ora si parla di amputare l'arto perchè sarebbe l'unica soluzione per salvarlo. Qual'è il vostro parere su queste cure che si sono dimostrate inutili?
Vi chiedo quali possibilità ci sono secondo voi con il MDB e se la prescrizione del Dr. ****** vi sembra giusta.
Mi scuso per questa lunga descrizione del caso ma siete ormai l'unica speranza che ci è rimasta.
*******

Sig. Lucio,
Abbiamo omesso la parte del commento che dettagliava il caso del suo parente.
Noi non abbiamo infatti veste per valutare il trattamento ospedaliero che descrive con ampiezza di particolari, nè siamo soliti esprimere giudizi su singoli medici di diverso orientamento, preferendo, casomai, essere bersagli anzichè autori di contumelie. L'unica cosa che riteniamo di poter dire è che si tratta di un indirizzo molto diverso da quello del Metodo Di Bella, e che non lo condividiamo.
Non conosciamo il medico al quale vi siete rivolti. La prescrizione potrebbe - in linea di massima - essere giudicata congrua, ma non spetta a noi entrare nel merito delle decisioni di un medico Mdb, a meno che non dia suggerimenti incompatibili con la prassi prescrittiva del Prof. Luigi Di Bella, essendo in tal caso nostro diritto e dovere intervenire.
Siamo certi che converrà come il Dibellainsieme, sito di carattere informativo e divulgativo, non possa esprimere giudizi specifici sul caso singolo; e questo nonostante gli ottimi rapporti con medici e biologi di grande professionalità ai quali siamo soliti rivolgerci prima di rispondere, sia pur genericamente, a quesiti di natura squisitamente clinico-scientifica.
Rimaniamo naturalmente a sua disposizione se desiderasse contattare un esperto medico Mdb.
Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Lucio B. (Ravenna) in data: 2008-08-09 18:55:00.0
Buon giorno. Sono stata operata l'anno scorso per un carcinoma mammario al seno destro. Non ho voluto fare nessuna terapia dopo. Adesso ho come dei granini al seno sinistro e mi sembra che aumentino. Da due mesi faccio una cura che mi è stata data dal dott. ***** di *** e ve la scrivo (omissis).
Mi ha detto che è la cura di bella con qualche variante e volevo sapere da voi se è così. Mi interesserebbe un vostro consiglio e magari un altro medico da consultare perchè ho visto troppe persone morire di chemio.
Grazie in anticipo
Serena 
*******

Serena,
Il medico al quale si è rivolta non è un medico MDB. I farmaci che ci ha elencato - tranne due - fanno parte dei rituali della medicina alternativa, e a nostro parere lasciano il tempo che trovano. In dettaglio, l'esorbitante dosaggio di acido ascorbico (8 grammi al dì) potrebbe esporla a conseguenze deleterie: questa era l'opinione del Prof. Di Bella, oggi unanimemente condivisa dai ricercatori più accreditati. Circa il prodotto ricavato dalla cartilagine di squalo, si tratta di una opinabilissima prassi "alternativa", fra l'altro criticata per i rischi connessi a discutibili modalità di lavorazione del prodotto.
Se il suo orientamento è per il Mdb, potrà rivolgersi al medico che le abbiamo indicato nella nostra e.mail. Poichè non fa cenno a indagini radiografiche recenti, sicuramente occorrerà sottoporvisi per fornire un adeguato quadro documentale al medico consigliatole.
Con i migliori auguri un caro saluto


 

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Serena (Budrio) in data: 2008-08-08 17:37:00.0
buona giornata a tutti
ci sarebbe anche questo articolo da segnalare sulla vitamina C:
http://www.farmasalute.it/percorsi/
oncologia/vitaminaC.asp
ma piu che i farmaci alcuni medici dovrebbero imparare almeno a fare i medici.
Mi spiego, circa un mese fa ho portato mio padre dall'oncologo per la prima visita e per fare la stadiazione, e per scegliere la terapia questi ha dovuto consultare un manuale.
Brrr al solo pensarci mi vengono i brividi alla schiena. E poi, ciliegina sulla torta, visto che mancava il referto istologico nonostante 2 broncoscopie, mi sono azzardato per ben 2 volte a chiedergli se fosse sicura della diagnosi e la seconda volta mi ha risposto quasi in malo modo, molto seccata per non dire infastidita, scrivendo sulla cartella clinica che a queste domande ha già risposto: come a voler dire che non dobbiamo più fargliele.
Io pensavo che i dottori dovessero spiegare certe cose hai pazienti, e se non capiscono ripetergliele anche piu volte,  dato che si sta decidendo della propria vita o di quella dei propri cari.
E questi dovrebbero essere i dottori che in un futuro dovrebbero applicare il Metodo???
Secondo me manco sanno curare un raffreddore
Per fortuna ci sono anche dei professionisti degni di essere chiamati tali

Scusate la lungaggine
e buona giornata a tutti
********

Caro Simone,
Lo abbiamo detto spesso: il disastro perpetrato nel campo della medicina richiederà purtroppo anni ed anni per essere soltanto attenuato. Le responsabilità sono tante e di tanti, ma sostanzialmente da ascrivere a dolo, oltre e più che a colpa.
Circa lo sgradevole episodio riferitoci, come sempre l'ignoranza si manifesta attraverso l'arroganza.
Con l'augurio che ogni preoccupazione possa per lei rientrare quanto prima la salutiamo conrdialmente
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Simone C (Lendinara (RO)) in data: 2008-08-07 02:10:17.0
Salve a tutti,è la prima volta che vi scrivo mi presento
mi chiamo Antonio, ho 35 anni, la mia professione è fare l'infermiere, lavoro da 15 anni  in terapia intensiva e svolgo attività sui mezzi di soccorso avanzato 118 Monza. Purtroppo mi è capitata una catastrofe, mia mamma anni 58 si è ammalata di un tumore alquanto raro SARCOMA EPITELIOIDE con metastasi polmonari ed ossee. Tutto scatenandosi da una banale cisti glutea che aveva lì da anni, e nell'arco di un mese ha dato esito ad una neoformazione su cui siamo intervenuti chirurgicamente per asportarla. Viene fatta una biopsia che referta SARCOMA EPITELIOIDE.
Tutto questo accade tra giugno e luglio 08. Si può immaginare di tutto: corri di qua e di la a trovare il miglior medico che ti possa dire il da farsi.
Visto che lavoro in prima lineea e so quali sono i disagi a cui si va incontro, si ottengono i primi colloqui con alcuni medici oncologi per avviarsi verso il trattamento chemioterapico (io questo tipo di terapia non l'ho mai accettata), purtroppo in preda alla disperazione in data 17 luglio inizia il primo ciclo di chemioterapia (ADRIAMICINA e ciclofosfamide) per tre giorni consecutivi.
Una sera ero a casa a pensare e di colpo mi è venuto in mente il Prof. DI BELLA (me lo aveva accennato mia moglie); prendo contatti immediatamente con il professore Giuseppe DI BELLA, ottengo un colloquio il giorno 24-07-2008 mi prescrive la terapia e il giorno 29 luglio inizia. La fortuna è che la mia mamma vive a Lecce e li c'e un medico che segue il MDB .
LEGGENDO IL VOSTRO BLOG MI SONO RIEMPITO DI SPERANZA

CORDIALI SALUTI A TUTTI
ANTONIO
********

Sig. Antonio,
Tutta la triste famiglia dei sarcomi risponde in modo eclatante al MDB. Considerato il breve periodo per il quale sua mamma ha fatto ricorso alle terapie usuali (che altrimenti possono condizionare la piena fruibilità dei componenti Mdb), siamo fiduciosi dei risultati ottenibili, pur con doverosa prudenza.
Siamo sicuri che la "famiglia" del Dibellainsieme le sarà vicina in questa difficile prova della sua vita.
Un cordiale saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: antonio (villasanta) in data: 2008-08-07 01:25:31.0

Piano piano, finanziamento dopo finanziamento, hanno scoperto anche la vitamina C!!!!

http://www.corriere.it/salute/
nutrizione/08_agosto_05/
vitamina_c_tumori_prevenzione
_cura_50503cd4-62c1-11dd-8825-00144f02aabc.shtml

E' interessante il passaggio in cui dicono che: "In particolare la vitamina C, studiata da anni come prevenzione, e che ora sarebbe stata consacrata anche come potente cura in varie forme molte aggressive di tumore."

Molti anni? Davvero? Eppure non ho mai sentito nessun oncologo parlarne....

Sono sempre più ridicoli. Non ho tenuto il conto ma mi sembra che ormai le componenti del MDB le abbiano "scoperte" tutte, resta solo da aspettare ancora qualche decina di anni che capiscano come usarle!


Gianluca

********

Caro Gianluca,
Manca ancora qualche componente da...scoprire, ma siccome siamo di fronte a rigorosi e responsabili studiosi....dedicando un lustro a componente (per essere proprio ben sicuri che, come appurato per la chemioterapia, non vi siano effetti collaterali occulti....) si assicureranno una quarantina d'anni di promesse ed anticipazioni: insomma, quanto basta perchè certi personaggi compromessi non vengano smentiti clamorosamente, la memoria collettiva si sbiadisca ulteriormente, e continuino soprattutto i can-can delle laute provvigioni previste dai consueti cicli. Questo, quantomeno, il progetto. Che ci sembra ingenuo e destinato in partenza a fallire. Ma la conclusione amara è sempre la stessa: quanti milioni di morti occorreranno perchè si cambi strada?
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Gianluca (Cilavegna) in data: 2008-08-06 12:21:13.0
Sono un uomo che ha avuto un cancro alla prostata e dopo varie peripezie è giunto alla cura Di Bella. Ora sono passati 7 anni, sono libero dal male e faccio una terapia di mantenimento con melatonina, Parlodel, soluzione ai retinoidi con Atiten e una volta alla settimana somatostatina da 3 mg. (spero sia sufficiente vista la spesa). Devo andare così per tutta la vita! Spero che gli Italiani si rendano conto che è l'unica cosa da fare per sopravvivere al cancro. Saluto tutti Carlo

******

Sig. Carlo,
Grazie per la sua testimonianza. La terapia di mantenimento descritta ci sembra adeguata e, occhio e croce, dovrebbe costare mensilmente poco più di un "pieno" (agli attuali prezzi dei carburanti)...
La contatteremo per vedere se possiamo esserle utili.

Cordiali saluti
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: carlo (messina) in data: 2008-08-05 23:11:48.0
Ho trovato da poco questo forum (non sono molto esperta di computer).Ho letto un pò di lettere e sono rimasta confusa, pensavo che della cura Di Bella non se ne parlasse più. Ma possibile che tante persone che non sono guarite con la chemio stanno bene con la cura del professore? Ma ci stanno prendendo in giro? Intorno a me muoiono continuamente persone di tumore e pure soffrendo le pene dell'inferno. Siamo in mano a delinquenti con licenza di uccidere? Sono molto confusa! Ho una cara amica a cui hanno diagnisticato un carcinoma al seno e la vorrei convincere a rivolgersi a voi ma chissà se riuscirò nell'intento? Oltre tutto non è una cosa molto grave, almeno così dicono i medici, perchè è un cancro in situ.  Ho letto che ci sono vari medicinali da prendere e specie molte vitamine. Vorrei sapere circa per quanto tempo si debba fare la cura per avere dei risultati (quanto si deve spendere) e poi in che cosa consiste la cura di mantenimento (che mi sembra di aver capito bisogna fare a lungo) e dopo quanto tempo si fa. Scusate le troppe domande, forse non molto pertinenti, ma vorrei  che la mia amica leggesse le vostre risposte e così forse si potrà convincere. Vi saluto Giovanna
 
********

Gentile signora,
I suoi interrogativi sono perfettamente legittimi, in quanto ripugna ad una coscienza retta il pensiero che si potrebbero evitare tanti lutti e tante sofferenze, ma non lo si fa. Se avrà la pazienza di scorrere le discussioni del Dibellainsieme, potrà trovare utili elementi di giudizio.
Circa la sua domanda sul costo della terapia: questo si attesta attualmente in circa 400/450 euro mensili, destinati a decrescere con la diminuzione dei dosaggi quando si supera la fase critica della malattia. Tutti i farmaci sono legittimamente e regolarmente acquistabili, trattandosi in gran parte di specialità farmaceutiche e, per due componenti, di farmaci galenici predisposti da alcuni farmacisti preparatori.
E' possibile assumere alcuni componenti - in dosaggio ridotto - a scopo preventivo, ricorrendo ad un medico Mdb.
Per ogni eventuale specifica informazione rimaniamo a sua disposizione presso il ns indirizzo e.mail info@dibellainsieme.org
Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Giovanna (Foggia) in data: 2008-08-04 22:59:25.0
02/08/2008
Carissimi amici del forum; siete un bel po' di persone! E cerco di nominarvi tutti senza dimenticarne una. Julia, Sara, Gabriella, Francesca. Le notizie bellissime che condividete con tutti noi del forum fanno senza dubbio il bene dell'animo, ma soprattutto dell'Animo del Prof. Di Bella che dal limbo degli eletti, vigila come è giusto che sia per un Eterno Padre quale deve essere considerato.
La strada giusta è l'MDB, non vi sono alternative. Non sono un oncologo, ma come faceva osservare il Prof. Di Bella, il tumore è una malattia sistemica e come tale deve essere trattata. Ecco perchè sostengo che l'MDB è l'unica via perchè considera la totalità della persona costituita da mente, anima e corpo. "Mens sana in corpore sano" non è una frase fatta, ma una grandissima verità.
Un abbraccio a tutti con i fratelli Adolfo e Pippo Di Bella.
Michele e Leonilde.
postato da: Landolfi Michele (Legnano) in data: 2008-08-02 12:18:36.0
CARISSIMI TUTTI ..CHE GIOIA LEGGERE LE NOTIZIE DA PARTE DI JULIA  E FRANCESCA, LA VOSTRA DISPERAZIONE, LA VOSTRA ANGOSCIA ERANO LE NOSTRE ! ED ORA LA VOSTRA GIOIA E’ LA  NOSTRA GIOIA! SONO STRA..FELICE E SENZ’ALTRO SARA’ COSI’ PER TUTTI NOI DEL FORUM, ED AVERLO SAPUTO PRIMA DELLE VACANZE  SENZ’ALTRO CI MANDERA’ IN FERIE TUTTI PIU’ CONTENTI, PERCHE’ DENTRO DI NOI AVEVAMO SEMPRE UN PENSIERO RIVOLTO VERSO LE “PICCOLE” DI “CASA DI BELLA” (O “FORUM” PER GLI ESTRANEI..OK!!) PER CUI VI RINGRAZIAMO DI AVERCI DATO LE BUONE NOTIZIE. GODETEVI QUESTE BELLE VACANZE ..GUARDANDO SEMPRE AVANTI ..PERCHE’ IL PEGGIO E’ PASSATO. ANCHE MIO FRATELLO PARTIRA’ PER FARSI LA SUA BELLA VACANZA ..E PENSARE CHE UN ANNO FA’ A QUEST’ORA ERAVAMO IN UN BUCO PROFONDO: NON GLI AVEVANO DATO SPERANZE ED INVECE IN QUESTO ANNO SAPESTE QUANTE COSE E’ RIUSCITO A FARE!QUANTE INIZIATIVE A LIVELLO PRATICO HA COSTRUITO PER LA SUA VITA E PER QUELLA DEI SUOI CARI! COME NON ESSERE RICONOSCENTI AL CARO PROFESSORE CHE HA DATO LA POSSIBILITA’ A MIO FRATELLO DI RENDERE LA SUA  VITA ANCORA PIU’ PREZIOSA E COME NON ESSERE RICONOSCENTI AL CARO ADOLFO CHE TUTTI I GIORNI CON LA SUA SENSIBILITA’, UMANITA’ E FORZA CI DA’ CORAGGIO, SOSTEGNO E CI ACCOMPAGNA IN QUESTO CAMMINO FATTO DI PAURE, SPERANZE ANGOSCE!! CARO ADOLFO SONO CONVINTA CHE TUTTI QUELLI DEL FORUM SARANNO D’ACCORDO CON ME ..TI ABBRACCIAMO TUTTI INSIEME CARO AMICO RINGRAZIANDOTI SEMPRE PER LA FORZA CHE CI DAI E PER LA TUA DISPONIBILITA’. BUONE FERIE A TUTTI GABRIELLA

P.S. SONO D’ACCORDO CON SARA PER FARE UNA FESTA BELLISSIMA ..E SE C’E’ DA BALLARE… SONO LA PRIMA A BUTTARMI IN PISTA!!..OK!!!

postato da: GABRIELLA (FIRENZE) in data: 2008-08-01 22:42:12.0

E' il mio primo giorno di ferie ma non potevo non farmi sentire, specie dopo le ultime belle notizie arrivate. Anche se sono in Calabria scrivo dal computer della mia amica che mi ospita per dare un saluto dopo quelli di Julia e di Francesca (forza Francesca che ormai è fatta!). Sto bene anzi benissimo e ora sento che è veramente passata per sempre. Ormai la cura è leggera e ci ho fatto tanto l'abitudine che se non la facessi mi mancherebbe...sì insomma, quasi! Davvero amici e amiche di fortuna (non di sventura, perchè se siamo qui vuole dire che abbiamo avuto la gran fortuna di scegliere l'unica strada giusta) siamo diligenti e non vendiamo la pelle dell'orso.....anche se è stecchito, ma aspettiamo un altro po', per scaramanzia.
Quando anche Francesca si sarà tolta del tutto il pensiero e quelli che stanno nuotando per raggiungere la riva l'avranno raggiunta, allora ci dobbiamo trovare tutti e fare una festa bellissima!
Buone vacanze a tutti e un grazie fortissimo a CHI mi ha aiutata e sostenuta
Sara

postato da: Sara d.A. (PN) in data: 2008-08-01 20:21:00.0
Buongiorno a tutti,
come avevo già annunciato ieri sono andata dal dott.*****  per il primo controllo dall'inizio della cura. Ho ricevuto due buone notizie: la prima è che le lesioni al polmone non sono aumentate di numero e in soli tre mesi di cura questo è già un grandissimo traguardo! L'altra buona notizia è che uno dei noduli presenta dei depositi calcifici centrali e ciò significa che la crescita si sta bloccando! Anche gli esami del sangue vanno tutti bene. Sono molto felice, continuerò la terapia fiduciosa come lo sono sempre stata. Ringrazio tutti e soprattutto Adolfo per il sostegno morale!

Domani si parte per la Sicilia! Appena avrò altre notizie sarò contenta di aggiornarvi.
A presto BUONE VACANZE a tutti!

Francesca.
*******

Francesca, grazie delle buone notizie, che faranno felici tutti gli amici del Forum.
Ci perdonerà se approfittiamo del suo annuncio di vacanze per raccomandare ai pazienti in Mdb in procinto di partire di portare con sè la somatostatina in una borsa frigorifera, di curare che la soluzione di retinoidi viaggi al riparo dalla luce, e....buone vacanze nella terra che ha dato i natali al padre del Mdb.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Francesca (Roma) in data: 2008-08-01 13:14:06.0

Carissimi tutti,

Il mostro che si preparava a uccidere la nostra meravigliosa piccola E' STATO SCONFITTO!!!! Questa la notizia bellissima che volevo dare a tutti gli amici di questo Forum che ringrazio anche a nome suo e dei nostri amici per la solidarietà e l'amicizia con cui ci avete seguiti. Faccio fatica ad andare per ordine ma ci tento. Devo dire anche che ci è capitata una cosa strana: saputo il risultato dell'ultima risonanza volevamo "rimuovere" l'angoscia di tanti mesi e non volevamo più parlare della malattia. Ci siamo ritrovati tutti e cinque a volere solo rilassarci riposare e non tirare fuori nessun argomento che riguardasse quello che avevamo passato. Ci perdonerete quindi per la settimana che abbiamo lasciato passare prima di comunicarvi la meravigliosa notizia, che avevamo anticipato al dott. Adolfo.

Anche se la salute della nostra figliola (perché per noi è una figlia) migliorava sempre di più, e anzi possiamo dire che continuava a essere ottima, rimaneva la paura che si trattasse di un periodo di stanca del tumore e che questo volesse fare come certi sadici che fanno finta di volere risparmiare le loro vittime prima di ucciderle. Il tempo di attesa per l'esito della risonanza è stato infinito e ricordo come se li avessi davanti tutti i particolari del salotto di attesa. Ma quando il dottor ***** ha aperto la porta, e si è fermato con un sorriso che sembrava un sole abbiamo capito: il tumore è praticamente scomparso!!! Il dottor ***** ci ha detto che se esaminasse rapidamente una risonanza come questa concluderebbe che non c'è nulla. Solo sapendo dov'era prima il tumore, guardando con molta attenzione si riesce a decifrare ancora l'ultima traccia necrotizzata. E questo in otto mesi di cura!

L'unica cosa che ci ha disturbati, anche se non più di tanto, è il silenzio di chi  aveva escluso qualsiasi possibilità di salvezza, dicendo che l'unico modo per prolungare la vita della nostra cara era fare un (rischioso) intervento chirurgico e poi procedere con radioterapia. Quando lo abbiamo detto al dottor *****, che vi contatterà a breve, ha risposto: "preferisco non commentare".

La nostra piccola che farà tra poco vent'anni è partita in vacanza con i nostri amici e tornerà tra poco più di un mese, dopo andranno a trovare il dottor ***** per sapere come continuare la cura. So che ora ha la sua vita da vivere e che comprensibilmente i suoi genitori desiderano tenerla al riparo da ribalte di ogni genere, ma sono certa che la sua documentazione clinica sarà messa a disposizione di chiunque sia interessato a studiare questa guarigione prodigiosa, perché altre giovani vite come la sua possano salvarsi .

Non posso concludere senza ringraziare Dio per avere fatto nascere il Prof. Luigi Di Bella e per il coraggio e la forza che trasmette ai suoi figlioli che continuano la sua opera.

Con immensa stima e riconoscenza

Julia

*********

Cara Julia,
Abbiamo avuto già modo di parlare della bellissima notizia e di commentarla. Come già detto ai genitori della ragazza, l'unica cosa che conta è che si sia salvata una vita; adesso l'esigenza primaria è che la giovane protagonista di questa vicenda ed i suoi riprendano a vivere una vita normale.
Il caso clinico, come molti altri similari, dovrebbe aprire la mente e la coscienza di chi è deputato alla cura di questi mali terribili, ma è inutile diffonderci ora su argomenti tante volte trattati.
La raccomandazione che vi ho fatto e che, soprattutto, vi farà con ben diversa autorevolezza il medico curante, è di proseguire nell'itinerario terapeutico con una diligenza - se possibile - ancora maggiore. E visto che ci leggono tante persone, molte delle quali pazienti in cura, approfitto per raccomandare a tutti quanto era solito raccomandare mio padre ai pazienti che avevano conseguito una remissione completa: la terapia deve essere proseguita in modo certosino! Il medico Mdb che ha seguito la giovane amica potrà eventualmente proporre tra qualche tempo un alleggerimento di qualche dosaggio, al quale faranno seguito gradualmente ulteriori adattamenti e modifiche. Poi, col tempo, si vedrà. Il pericolo maggiore, in situazioni similari, dove la tensione si è allentata e la voglia di vita riprende prepotentemente la persona, è di abbassare la guardia. Un tumore che recidivi per negligenza terapeutica è sempre un tumore più aggressivo e meno domabile di prima.
Un caro saluto
Adolfo Di Bella
postato da: Julia P.H. (Locarno (CH)) in data: 2008-07-31 17:28:55.0
Il 26 luglio di due anni fa si spegneva il Dr. Giancarlo Minuscoli, riferimento tra i medici che praticano il Metodo Di Bella, amico intimo del Prof. Luigi Di Bella e della famiglia Di Bella, uomo di eccezionali doti professionali ed umane.
Sono molti i malati di tumore curati e guariti da Giancarlo Minuscoli, e sappiamo che si uniranno a noi nel ricordo di chi li ha accolti con umanità, seguìti con competenza, salvati dalla morte e dalla sofferenza.

Per i nuovi frequentatori del Dibellainsieme riportiamo i seguenti link a discussioni sulla figura del medico scomparso:
http://www.dibella.org/discussione.do?idDiscussione=1639

http://www.dibella.org/discussione.do?idDiscussione=2299
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (Modena) in data: 2008-07-30 18:58:25.0
Con vero piacere possiamo notare sempre più frequenti testimonianze (incontrovertibili) sull'efficacia del MDB; e parallelamente si nota il medesimo atteggiamento della medicina ufficiale su questi risultati. Guarigioni spontanee, acqua fresca. Parole che richiamano alla mente Lourdes più che spiegazioni scientifiche.
Ma i miracoli di Lourdes, per quanto ne sappiamo, hanno il carattere della straordinarietà; nel caso MDB trattasi di una costante.
Allora le guarigioni  sono dovute a qualcosa di più elevato di Lourdes e che veramente nessuno può spiegare (gli oncologi potrebbero provare a chiedere al Vaticano, forse una spiegazione.....) oppure la malafede è la vera costante della medicina insieme alla negazione dell'evidenza.
Addirittura oggi pur in assenza di risultati scientificamente provati, ma sulla scorta dell'evidenza si dà perfetta (o quasi) cittadinanza alle c.d. terapie alternative, ma che alternative non sono in quanto sostenute comunque dal business (che alternativo non è).
E comunque il carattere distintivo da tutte le terapie è sempre lo stesso: il MDB è l'unica terapia ad oggi valida per la cura dei tumori.
Il resto sono chiacchere. Altro che studi e/o evidenze scientifiche.
Per un senso di equilibrio mi piacerebbe sentire altrettante testimonianze di persone guarite o comunque soddisfatte dell'esito di applicazioni chemioterapiche.
Saluti a tutti.
Fabrizio
postato da: fabrizio (livorno) in data: 2008-07-28 23:52:43.0
Salve a tutti,
non scrivo da molto tempo ma non mi dimentico di voi,tutti i giorni leggo i nuovi commenti. Sono passati circa tre mesi dall'inizio della cura e tra pochi giorni andrò dal medico che mi segue con tac e analisi ma soprattutto con tanta speranza... So che tre mesi sono pochi per vedere dei risultati ma io spero di poter finalmente ricevere buone notizie.
Non ho più messo piede nel reparto di oncologia perchè solo l'odore mi fa venire la nausea, ma se le cose andranno bene andrò dalla cara oncologa a farle vedere la tac, così non potrà più dire che il metodo Di Bella è "acqua fresca", definizione che ha dato alla cura quando le ho detto che volevo intraprendere questa strada. Ma forse è solo un'illusione, perchè molto probabilmente non ammetterà che la cura funziona, ma inizierà a parlare di remissione spontanea! Vorrei tanto andare in quei reparti tremendi e urlare a tutti che quei veleni non servono a niente, ma sicuramente mi prenderebbero per pazza,  anche se  non si rendono conto che i pazzi sono loro!!
 
Comunque come sempre ringrazio tutti voi e soprattutto chi da lassù veglia su di noi, il prof. Di Bella.
********
Grazie dell'aggiornamento Francesca. Quale il pronostico su quanto dirà l'oncologa dell'acqua fresca, se la Tac confermerà le nostre attese? L'esperienza ci farebbe propendere per la contorsione lessicale e, come dice lei, per la remissione spontanea....(ma perchè poi capitano solo nei pazienti in Mdb....?): è difficile che qualcuno che è solito sentenziare con sufficienza accetti di essere smentito dai fatti. Ma lasciamole il beneficio della buona fede e speriamo - come sarebbe suo preciso dovere etico e professionale - che prenda atto dei risultati e la appoggi nella strada seguita. La cosa che ci interessa è comunque la sua salute e la sua tranquillità. Attendiamo quindi fiduciosi il prossimo aggiornamento.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Francesca (Roma) in data: 2008-07-28 15:32:46.0
Nel cogliere l'occasione per salutare tutto lo staff Di Bella, vi invito a dare un'occhiata al seguente link http://www.romagnaoggi.it/emilia/2008/7/24/98250/ parla della somatostatina e della terapia Di Bella.
postato da: natale (catania) in data: 2008-07-28 09:08:33.0
Di cosa stanno parlando?

sa molto di MDB, le sostanze sono 2:

1) tri-terpenoide sintetico, derivato dall'olio essenziale limonene,

2) rexinoidelontano parente della vitamina A

di che si tratta? il 2° credo sia inequivocabilmente un componente dei retinoidi del professore, il primo non l'ho mai sentito ...
Che ne pensa lo staff?

GRAZIE

Vincenzo



http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/altrenotizie/visualizza_new.html_730848494.html

COCKTAIL DI PRINCIPI ATTIVI PER PREVENIRE IL TUMORE AL SENO ROMA - Un cocktail di principi attivi di origine naturale per tenere lontano il tumore del seno. E' quanto hanno sperimentato con successo sui topi alcuni ricercatori italiani del gruppo Multimedica di Milano in collaborazione con la statunitense Darmouth Medical School del New Hampshire.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Clinical Cancer Research, ha testato l'efficacia nella prevenzione del tumore della mammella di una combinazione di due sostanze: un tri-terpenoide sintetico, derivato dall'olio essenziale limonene, e un rexinoide, lontano parente della vitamina A capace di agire su particolari recettori che inducono il differenziamento delle cellule tumorali, i recettori 'Rxr'. Due gli aspetti innovativi della ricerca.

"Mentre le combinazioni di chemioterapia sono all'ordine del giorno per la cura del cancro - spiega Adriana Albini, responsabile della Ricerca oncologica dell'Irccs Multimedica - finora sono state raramente usate combinazioni chemiopreventive per tenere lontano i tumori o ritardarne le ricadute. Un'altra novità del nostro studio - aggiunge - è rappresentata dal fatto che questa prevenzione è dedicata a tumori mammari negativi per il recettore estrogeno, che generalmente sono i meno benigni".

Gli esperimenti condotti dai ricercatori su centinaia di topi transgenici, in cui era stato indotto il tumore mammario, hanno portato a risultati molto promettenti.

 "Abbiamo osservato - spiega Albini - che queste sostanze, somministrate in combinazione e a basse dosi, prevengono il tumore meglio di quanto non facciano quando somministrate singolarmente, risultando anche ben tollerate dall'organismo. Insieme sono capaci di ritardare la comparsa del tumore (nei topi, a seconda del dosaggio usato, abbiamo registrato un ritardo che va dalle 14 alle 24 settimane), di ridurne le dimensioni e, se usate in dosi più elevate, possono addirittura evitare che il tumore si sviluppi". Come sottolinea la stessa ricercatrice italiana, non si può ancora dire se la combinazione dei due principi attivi sia efficace anche dal punto di vista clinico nelle donne colpite dal tumore del seno.

"Ora il nostro obiettivo - conclude Adriana Albini - è quello di studiare al più presto la combinazione sull'uomo. Siamo fiduciosi, visto che uno dei due componenti del 'cocktail', il tri-terpenoide, è già in fase clinica di studio su vari tipi di tumore negli Stati Uniti, con risultati molto promettenti, mentre si attendono a breve le autorizzazioni per iniziare gli studi sul rexinoide".

*********

Caro Vincenzo,
Non lo Staff, ma addetti ai lavori che sono a nostro fianco potrebbero dare una risposta tecnica: e cercheremo di averla quanto prima. Conosciamo di nome la responsabile della ricerca, che, assai interessata al Mdb (aveva annunciato la sua partecipazione al congresso Sibor di Milano del dicembre 2005), è stata energicamente invitata a rientrare nei ranghi. La nostra impressione è che si giri intorno alla verità - diluendola o alterandola - per non incorrere nei fulmini e nelle saette dell'ortodossia sovvenzionata...
Ripararsi dietro strani derivati, passi; ma parlare di vitamina A, acido retinoico, betacarotene, guai!
Una triste, tristissima cosa.
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: vincenzo (ROMA) in data: 2008-07-24 11:10:26.0



30 commenti postati | Inserisci commento nel Piccolo Forum