per specifiche informazioni di carattere medico o scientifico, potete visitare il sito ufficiale www.metododibella.org


Commenti scritti nel Forum

E' il mio primo giorno di ferie ma non potevo non farmi sentire, specie dopo le ultime belle notizie arrivate. Anche se sono in Calabria scrivo dal computer della mia amica che mi ospita per dare un saluto dopo quelli di Julia e di Francesca (forza Francesca che ormai è fatta!). Sto bene anzi benissimo e ora sento che è veramente passata per sempre. Ormai la cura è leggera e ci ho fatto tanto l'abitudine che se non la facessi mi mancherebbe...sì insomma, quasi! Davvero amici e amiche di fortuna (non di sventura, perchè se siamo qui vuole dire che abbiamo avuto la gran fortuna di scegliere l'unica strada giusta) siamo diligenti e non vendiamo la pelle dell'orso.....anche se è stecchito, ma aspettiamo un altro po', per scaramanzia.
Quando anche Francesca si sarà tolta del tutto il pensiero e quelli che stanno nuotando per raggiungere la riva l'avranno raggiunta, allora ci dobbiamo trovare tutti e fare una festa bellissima!
Buone vacanze a tutti e un grazie fortissimo a CHI mi ha aiutata e sostenuta
Sara

postato da: Sara d.A. (PN) in data: 2008-08-01 20:21:00.0
Buongiorno a tutti,
come avevo già annunciato ieri sono andata dal dott.*****  per il primo controllo dall'inizio della cura. Ho ricevuto due buone notizie: la prima è che le lesioni al polmone non sono aumentate di numero e in soli tre mesi di cura questo è già un grandissimo traguardo! L'altra buona notizia è che uno dei noduli presenta dei depositi calcifici centrali e ciò significa che la crescita si sta bloccando! Anche gli esami del sangue vanno tutti bene. Sono molto felice, continuerò la terapia fiduciosa come lo sono sempre stata. Ringrazio tutti e soprattutto Adolfo per il sostegno morale!

Domani si parte per la Sicilia! Appena avrò altre notizie sarò contenta di aggiornarvi.
A presto BUONE VACANZE a tutti!

Francesca.
*******

Francesca, grazie delle buone notizie, che faranno felici tutti gli amici del Forum.
Ci perdonerà se approfittiamo del suo annuncio di vacanze per raccomandare ai pazienti in Mdb in procinto di partire di portare con sè la somatostatina in una borsa frigorifera, di curare che la soluzione di retinoidi viaggi al riparo dalla luce, e....buone vacanze nella terra che ha dato i natali al padre del Mdb.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Francesca (Roma) in data: 2008-08-01 13:14:06.0

Carissimi tutti,

Il mostro che si preparava a uccidere la nostra meravigliosa piccola E' STATO SCONFITTO!!!! Questa la notizia bellissima che volevo dare a tutti gli amici di questo Forum che ringrazio anche a nome suo e dei nostri amici per la solidarietà e l'amicizia con cui ci avete seguiti. Faccio fatica ad andare per ordine ma ci tento. Devo dire anche che ci è capitata una cosa strana: saputo il risultato dell'ultima risonanza volevamo "rimuovere" l'angoscia di tanti mesi e non volevamo più parlare della malattia. Ci siamo ritrovati tutti e cinque a volere solo rilassarci riposare e non tirare fuori nessun argomento che riguardasse quello che avevamo passato. Ci perdonerete quindi per la settimana che abbiamo lasciato passare prima di comunicarvi la meravigliosa notizia, che avevamo anticipato al dott. Adolfo.

Anche se la salute della nostra figliola (perché per noi è una figlia) migliorava sempre di più, e anzi possiamo dire che continuava a essere ottima, rimaneva la paura che si trattasse di un periodo di stanca del tumore e che questo volesse fare come certi sadici che fanno finta di volere risparmiare le loro vittime prima di ucciderle. Il tempo di attesa per l'esito della risonanza è stato infinito e ricordo come se li avessi davanti tutti i particolari del salotto di attesa. Ma quando il dottor ***** ha aperto la porta, e si è fermato con un sorriso che sembrava un sole abbiamo capito: il tumore è praticamente scomparso!!! Il dottor ***** ci ha detto che se esaminasse rapidamente una risonanza come questa concluderebbe che non c'è nulla. Solo sapendo dov'era prima il tumore, guardando con molta attenzione si riesce a decifrare ancora l'ultima traccia necrotizzata. E questo in otto mesi di cura!

L'unica cosa che ci ha disturbati, anche se non più di tanto, è il silenzio di chi  aveva escluso qualsiasi possibilità di salvezza, dicendo che l'unico modo per prolungare la vita della nostra cara era fare un (rischioso) intervento chirurgico e poi procedere con radioterapia. Quando lo abbiamo detto al dottor *****, che vi contatterà a breve, ha risposto: "preferisco non commentare".

La nostra piccola che farà tra poco vent'anni è partita in vacanza con i nostri amici e tornerà tra poco più di un mese, dopo andranno a trovare il dottor ***** per sapere come continuare la cura. So che ora ha la sua vita da vivere e che comprensibilmente i suoi genitori desiderano tenerla al riparo da ribalte di ogni genere, ma sono certa che la sua documentazione clinica sarà messa a disposizione di chiunque sia interessato a studiare questa guarigione prodigiosa, perché altre giovani vite come la sua possano salvarsi .

Non posso concludere senza ringraziare Dio per avere fatto nascere il Prof. Luigi Di Bella e per il coraggio e la forza che trasmette ai suoi figlioli che continuano la sua opera.

Con immensa stima e riconoscenza

Julia

*********

Cara Julia,
Abbiamo avuto già modo di parlare della bellissima notizia e di commentarla. Come già detto ai genitori della ragazza, l'unica cosa che conta è che si sia salvata una vita; adesso l'esigenza primaria è che la giovane protagonista di questa vicenda ed i suoi riprendano a vivere una vita normale.
Il caso clinico, come molti altri similari, dovrebbe aprire la mente e la coscienza di chi è deputato alla cura di questi mali terribili, ma è inutile diffonderci ora su argomenti tante volte trattati.
La raccomandazione che vi ho fatto e che, soprattutto, vi farà con ben diversa autorevolezza il medico curante, è di proseguire nell'itinerario terapeutico con una diligenza - se possibile - ancora maggiore. E visto che ci leggono tante persone, molte delle quali pazienti in cura, approfitto per raccomandare a tutti quanto era solito raccomandare mio padre ai pazienti che avevano conseguito una remissione completa: la terapia deve essere proseguita in modo certosino! Il medico Mdb che ha seguito la giovane amica potrà eventualmente proporre tra qualche tempo un alleggerimento di qualche dosaggio, al quale faranno seguito gradualmente ulteriori adattamenti e modifiche. Poi, col tempo, si vedrà. Il pericolo maggiore, in situazioni similari, dove la tensione si è allentata e la voglia di vita riprende prepotentemente la persona, è di abbassare la guardia. Un tumore che recidivi per negligenza terapeutica è sempre un tumore più aggressivo e meno domabile di prima.
Un caro saluto
Adolfo Di Bella
postato da: Julia P.H. (Locarno (CH)) in data: 2008-07-31 17:28:55.0
Il 26 luglio di due anni fa si spegneva il Dr. Giancarlo Minuscoli, riferimento tra i medici che praticano il Metodo Di Bella, amico intimo del Prof. Luigi Di Bella e della famiglia Di Bella, uomo di eccezionali doti professionali ed umane.
Sono molti i malati di tumore curati e guariti da Giancarlo Minuscoli, e sappiamo che si uniranno a noi nel ricordo di chi li ha accolti con umanità, seguìti con competenza, salvati dalla morte e dalla sofferenza.

Per i nuovi frequentatori del Dibellainsieme riportiamo i seguenti link a discussioni sulla figura del medico scomparso:
http://www.dibella.org/discussione.do?idDiscussione=1639

http://www.dibella.org/discussione.do?idDiscussione=2299
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (Modena) in data: 2008-07-30 18:58:25.0
Con vero piacere possiamo notare sempre più frequenti testimonianze (incontrovertibili) sull'efficacia del MDB; e parallelamente si nota il medesimo atteggiamento della medicina ufficiale su questi risultati. Guarigioni spontanee, acqua fresca. Parole che richiamano alla mente Lourdes più che spiegazioni scientifiche.
Ma i miracoli di Lourdes, per quanto ne sappiamo, hanno il carattere della straordinarietà; nel caso MDB trattasi di una costante.
Allora le guarigioni  sono dovute a qualcosa di più elevato di Lourdes e che veramente nessuno può spiegare (gli oncologi potrebbero provare a chiedere al Vaticano, forse una spiegazione.....) oppure la malafede è la vera costante della medicina insieme alla negazione dell'evidenza.
Addirittura oggi pur in assenza di risultati scientificamente provati, ma sulla scorta dell'evidenza si dà perfetta (o quasi) cittadinanza alle c.d. terapie alternative, ma che alternative non sono in quanto sostenute comunque dal business (che alternativo non è).
E comunque il carattere distintivo da tutte le terapie è sempre lo stesso: il MDB è l'unica terapia ad oggi valida per la cura dei tumori.
Il resto sono chiacchere. Altro che studi e/o evidenze scientifiche.
Per un senso di equilibrio mi piacerebbe sentire altrettante testimonianze di persone guarite o comunque soddisfatte dell'esito di applicazioni chemioterapiche.
Saluti a tutti.
Fabrizio
postato da: fabrizio (livorno) in data: 2008-07-28 23:52:43.0
Salve a tutti,
non scrivo da molto tempo ma non mi dimentico di voi,tutti i giorni leggo i nuovi commenti. Sono passati circa tre mesi dall'inizio della cura e tra pochi giorni andrò dal medico che mi segue con tac e analisi ma soprattutto con tanta speranza... So che tre mesi sono pochi per vedere dei risultati ma io spero di poter finalmente ricevere buone notizie.
Non ho più messo piede nel reparto di oncologia perchè solo l'odore mi fa venire la nausea, ma se le cose andranno bene andrò dalla cara oncologa a farle vedere la tac, così non potrà più dire che il metodo Di Bella è "acqua fresca", definizione che ha dato alla cura quando le ho detto che volevo intraprendere questa strada. Ma forse è solo un'illusione, perchè molto probabilmente non ammetterà che la cura funziona, ma inizierà a parlare di remissione spontanea! Vorrei tanto andare in quei reparti tremendi e urlare a tutti che quei veleni non servono a niente, ma sicuramente mi prenderebbero per pazza,  anche se  non si rendono conto che i pazzi sono loro!!
 
Comunque come sempre ringrazio tutti voi e soprattutto chi da lassù veglia su di noi, il prof. Di Bella.
********
Grazie dell'aggiornamento Francesca. Quale il pronostico su quanto dirà l'oncologa dell'acqua fresca, se la Tac confermerà le nostre attese? L'esperienza ci farebbe propendere per la contorsione lessicale e, come dice lei, per la remissione spontanea....(ma perchè poi capitano solo nei pazienti in Mdb....?): è difficile che qualcuno che è solito sentenziare con sufficienza accetti di essere smentito dai fatti. Ma lasciamole il beneficio della buona fede e speriamo - come sarebbe suo preciso dovere etico e professionale - che prenda atto dei risultati e la appoggi nella strada seguita. La cosa che ci interessa è comunque la sua salute e la sua tranquillità. Attendiamo quindi fiduciosi il prossimo aggiornamento.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Francesca (Roma) in data: 2008-07-28 15:32:46.0
Nel cogliere l'occasione per salutare tutto lo staff Di Bella, vi invito a dare un'occhiata al seguente link http://www.romagnaoggi.it/emilia/2008/7/24/98250/ parla della somatostatina e della terapia Di Bella.
postato da: natale (catania) in data: 2008-07-28 09:08:33.0
Di cosa stanno parlando?

sa molto di MDB, le sostanze sono 2:

1) tri-terpenoide sintetico, derivato dall'olio essenziale limonene,

2) rexinoidelontano parente della vitamina A

di che si tratta? il 2° credo sia inequivocabilmente un componente dei retinoidi del professore, il primo non l'ho mai sentito ...
Che ne pensa lo staff?

GRAZIE

Vincenzo



http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/altrenotizie/visualizza_new.html_730848494.html

COCKTAIL DI PRINCIPI ATTIVI PER PREVENIRE IL TUMORE AL SENO ROMA - Un cocktail di principi attivi di origine naturale per tenere lontano il tumore del seno. E' quanto hanno sperimentato con successo sui topi alcuni ricercatori italiani del gruppo Multimedica di Milano in collaborazione con la statunitense Darmouth Medical School del New Hampshire.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Clinical Cancer Research, ha testato l'efficacia nella prevenzione del tumore della mammella di una combinazione di due sostanze: un tri-terpenoide sintetico, derivato dall'olio essenziale limonene, e un rexinoide, lontano parente della vitamina A capace di agire su particolari recettori che inducono il differenziamento delle cellule tumorali, i recettori 'Rxr'. Due gli aspetti innovativi della ricerca.

"Mentre le combinazioni di chemioterapia sono all'ordine del giorno per la cura del cancro - spiega Adriana Albini, responsabile della Ricerca oncologica dell'Irccs Multimedica - finora sono state raramente usate combinazioni chemiopreventive per tenere lontano i tumori o ritardarne le ricadute. Un'altra novità del nostro studio - aggiunge - è rappresentata dal fatto che questa prevenzione è dedicata a tumori mammari negativi per il recettore estrogeno, che generalmente sono i meno benigni".

Gli esperimenti condotti dai ricercatori su centinaia di topi transgenici, in cui era stato indotto il tumore mammario, hanno portato a risultati molto promettenti.

 "Abbiamo osservato - spiega Albini - che queste sostanze, somministrate in combinazione e a basse dosi, prevengono il tumore meglio di quanto non facciano quando somministrate singolarmente, risultando anche ben tollerate dall'organismo. Insieme sono capaci di ritardare la comparsa del tumore (nei topi, a seconda del dosaggio usato, abbiamo registrato un ritardo che va dalle 14 alle 24 settimane), di ridurne le dimensioni e, se usate in dosi più elevate, possono addirittura evitare che il tumore si sviluppi". Come sottolinea la stessa ricercatrice italiana, non si può ancora dire se la combinazione dei due principi attivi sia efficace anche dal punto di vista clinico nelle donne colpite dal tumore del seno.

"Ora il nostro obiettivo - conclude Adriana Albini - è quello di studiare al più presto la combinazione sull'uomo. Siamo fiduciosi, visto che uno dei due componenti del 'cocktail', il tri-terpenoide, è già in fase clinica di studio su vari tipi di tumore negli Stati Uniti, con risultati molto promettenti, mentre si attendono a breve le autorizzazioni per iniziare gli studi sul rexinoide".

*********

Caro Vincenzo,
Non lo Staff, ma addetti ai lavori che sono a nostro fianco potrebbero dare una risposta tecnica: e cercheremo di averla quanto prima. Conosciamo di nome la responsabile della ricerca, che, assai interessata al Mdb (aveva annunciato la sua partecipazione al congresso Sibor di Milano del dicembre 2005), è stata energicamente invitata a rientrare nei ranghi. La nostra impressione è che si giri intorno alla verità - diluendola o alterandola - per non incorrere nei fulmini e nelle saette dell'ortodossia sovvenzionata...
Ripararsi dietro strani derivati, passi; ma parlare di vitamina A, acido retinoico, betacarotene, guai!
Una triste, tristissima cosa.
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: vincenzo (ROMA) in data: 2008-07-24 11:10:26.0

Cari amici del forum- prima di ogni commento un complimento per la nuova veste del forum. Ho, come medico, da fare un piccolo commento su di un paziente siciliano, in cura con MDB per una forma di karcinoma papillomatoso recidivante al collo vescicale. Tale neoplasia è sempre stata localizzata, ma purtroppo con continue recidive fino a che non si è deciso di seguire L'MDB dall'inizio del presente anno. Al nuovo controllo in endoscopia eseguito recentemente, si è assistito alla completa scomparsa di ogni traccia di neoplasia.

Caro Adolfo, puoi immaginare l'esultazione degli oncologi di Gorgonzola, esultando per un loro mega successo! Ma come, siete diventati maghi improvvisamente? Pazienza, lasciamoli nella loro illusione. Purtroppo ne abbiamo bisogno per eventuali controlli a distanza. Sai cosa mi hanno riferito di recente? E' una vera grazia dal cielo che è esistito Il Magnifico prof. Di Bella.

Proprio questa sera vedo un paziente, con esiti di grave cardiopatia multiocclusiva, per cui è stato necessario ricorrere ad un triplo by-pass aorto coronarico a causa di pluriocclusioni vascolari.

Dando una piu approfondita occhiata alla cartella clinica, ho scoperto che il malcapitato è stato sottoposto nel 2001 a più cicli di polichemioterapia per un linfoma di Hodkins. Gli ho dovuto spiegare che purtroppo quelli sono stati gli effetti collaterali a lungo raggio dei veleni che ha ingoiato per curare il suo linfoma. Essendo persona intelligente, ha capito subito. Questo è solo un ennesimo esempio che ci impegna, tutti insieme, a cercare di informare il più possibile circa le vere possibilità di cura scevre da effetti avversi.

So bene che è difficile, abbiamo pochi mezzi, però è un nostro preciso dovere verso la memoria di quel Grande genio che è stato il prof. Di Bella. Personalmente, mi attiverò, dopo la pausa estiva, per cercare di portare all'attenzione di ********* o chi per esso, l'esigenza di avere ad ogni costo almeno la somatostatina riconosciuta a livello di SSN.

Penso sia l'unca strada da percorrere perchà L'MDB possa incominciare a vedere la luce della verità.

Sono stato troppo prolisso, mi dispiace ma era importante. Un abbraccio ed un saluto a tutti con auguri di buone vacanze.

Michele - Leonilde. (A proposito, mia moglie sta molto bene.

Ancora un pensiero per L'amorevole prof. Di Bella).


*******

Caro Michele,
Anzitutto non avertene a male per l'oscuramento del nominativo da te citato, ma è gioco forza farlo ad evitare rubricazioni del nostro impegno.
Circa l'interessante caso da te osservato, posso assicurarti che si tratta di un risultato pressochè sistematico nella patologia in questione, ovviamente quando si giunge al Mdb in condizioni recuperabili.
Come sai condivido le altre valutazioni da te espresse.
Lieto anche dell'ormai consolidata remissione di tua moglie ti saluto con cordialità.
Adolfo Di Bella

postato da: Michele Landolfi (Legnano) in data: 2008-07-23 19:46:24.0
L'intervista su c6 Tv, trasmessa ieri 22/7, ha fatto riscontrare un ampio seguito, testimoniato anche da numerose e.mail e telefonate giunte all'emittente.
Merito, oltre che della verità, dell'intervento puntuale e pacato dell'amico Maurizio, Presidente del Clamo, al quale va tutta la nostra stima.
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (MODENA) in data: 2008-07-23 07:26:41.0
AVVISO


 

Martedì 22 luglio dopo le ore 15, sulla emittente on line C6tv (http://new.c6.tv/), sarà trasmessa in diretta un'intervista al Presidente del C.L.A.M.O. (Comitato Lombardo Assistenza Malati Oncologici) di Milano.
Qualora non fosse possibile seguire in diretta l'intervista, sarà possibile farlo successivamente sul podcast della c6Tv.
Ritenendo sia un'occasione utile di informazione - così rara quando si parla di Mdb - crediamo sarebbe importante, oltre che seguire l'evento, anche informarne amici e conoscenti.

Un cordiale saluto a tutti
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (MODENA) in data: 2008-07-21 08:31:39.0
Buonasera a tutti, seguo questo forum da alcuni mesi da quando mia madre si è trovata davanti a un problema di salute ovviamente serio, ma non sono qui per questo, anche se testimonio personalmente la mia convinzione assoluta nel MDB, e mia madre stessa è sulla mia lunghezza d'onda. Spero a fine corsa di poter testimoniare positivamente l'esito, ma testimonierò in ogni caso la grande realtà umana e professionale che ho incontrato in chi mi segue in questo terribile percorso di malattia.

Scrivo per un motivo specifico che riguarda ciò che ieri sera mi è successo e forse a qualcuno di voi che leggete pure, nel senso che mi sono imbattuto con il telecomando in mano, pronto a spegnere la TV, in un programma su Sky inerente lo stato attuale delle terapie anticancro nello specifico negli Stati Uniti.

Era oltre mezzanotte e il film documentario che stava iniziando durava circa 2 ore; che fare? preso dalla assoluta curiosità e ottimismo per ciò che mi aspettavo di vedere e condividere, mi sono seduto sul divano, preparato a qualcosa di interessante e utile per la mia esperienza di questi mesi a fianco di mia madre. Non voglio dilungarmi troppo, non serve, perchè l'esito di ciò che ho visto e a cui stento a credere parla di una realtà agghiacciante e priva di grandi speranze; ciò che ho visto è la storia di molte persone, alcune delle quali seguite da telecamere dalla diagnosi al decesso, le quali hanno fatto il percorso che il "protocollo" impone, esami, diagnosi, visite e colloqui, intervento chirurgico (non tutti), terapie, fallimento, terapie, fallimento, terapie sperimentali, fallimento, morte!

Questo ho visto, persone giovani esposte a terribili cicli di chemioterapie, radioterapie estreme, colloqui con oncologi impotenti e consapevoli, accettazione di terapie sperimentali, chemioterapie "mirate", farmaci "intelligenti", inibitori di proteine, un percorso di pericoloso annientamento in nome di una medicina che in malafede sottopone migliaia di persone a una linea di terapie devastante e priva di qualsiasi sensatezza etica. Interviste ad oncologi smarriti, che snocciolano statistiche agghiaccianti, 1.500.000 nuovi malati di cancro ogni anno, sopravvivenze medie di uno su dieci oltre i 4/5 anni, condito da condizioni di vita estremamente invalidanti. Ciò che ci è stato mostrato è il fallimento di ciò che noi cerchiamo nella medicina, cura e possibilmente guarigione; un oncologo citava il fatto che negli ultimi anni si possono sommare farmaci che garantiscono ciascuno 3 mesi di vita in più e quindi a cicli di farmaci diversi si può raggiungere una sopravvivenza fino a 2 anni in alcuni casi; tutto questo guardato come un estremo successo, vivere anche 3 mesi in più, anche in condizioni disastrose è un successo, ma per chi?!? Di che diavolo stiamo parlando? Poi intervistano un oncologo con vari decenni di carriera che sostiene che da allora ad oggi si sono fatti passi avanti enormi, perchè allora, agli albori, non si capiva nulla del cancro e più che altro si facevano danni ai pazienti più che benefici; bene, tutti i pazienti seguiti lungo la via crucis ripresa dalle telecamere è terminata con la morte dei pazienti, tumore al pancreas, tumore ai polmoni, leucemia, colon, ecc.....

Ho aspettato fino all'ultimo minuto del film per cercare l'ottimismo, la speranza di un messaggio positivo, di una luce davanti a noi; il documentario termina con le date di decesso degli ultimi due pazienti! Tutti conoscono il famoso ciclista americano sopravvissuto al cancro, il commento ufficiale: lui è un caso a parte, non si può prendere ad emblema, si creano false speranze, il cancro ai testicoli è il più sensibile alla chemio e lui ha avuto una risposta superiore alla media, per cui dimenticatelo.

Chiudo con un episodio che mi ha poi gelato il sangue nelle vene, una giovane paziente dopo essersi sottoposta a ogni tentativo di cure, cancro al pancreas inoperabile, a base di chemio e poi farmaci test, viene spedita a casa a morire, ma in piena lucidità e comunque legata ad un ultimo appiglio che è il miracolo, riceve l'assistenza domiciliare; il colloquio breve ha un epilogo non commentabile quando la responsabile chiede apertamente e direttamente alla sventurata cosa ha pensato per il funerale. Non serve che commenti il silenzio angosciante che seguito a questa più che inopportuna domanda diretta. Perchè scrivo tutto ciò? Perchè non trovo il senso di ciò che ho visto, non capisco il messaggio di sconfitta che passa indirettamente a chi guarda, non una parola su vie diverse dal protocollo, non un cenno sulla sola ipotesi di sperimentare altre strade, nulla, nulla, nulla. Scorreva un foglio con l'elenco delle persone che erano in attesa dell'esito di una biopsia, ciò che scorreva era la vita di tante persone giovani e non, bambini, quasi una sorta di lista di attesa per l'addio. Sono rimasto sul divano atterrito, ma perchè, mi chiedo, perchè non c'è spazio per la verità, in un certo senso ciò che ho visto è la verità più vera, medici che vanno in guerra con pistole ad acqua contro carri armati. Il cancro vince e il massimo possibile è portare, in barella e senza un alito di vitalità, persone a sopravvivere qualche mese o uno o due anni, per sentirmi dire in TV dal più famoso

oncologo italiano che siamo vicini alla sconfitta del cancro, certo alla sconfitta nostra da parte del cancro.

Chiudo, ringraziando Adolfo per lo spazio concessomi e augurando a tutti coloro che si trovano nelle condizioni di mia madre di poter lucidamente e serenamente fare la propria scelta, ma so che oggi non è possibile, perchè l'informazione non c'è ed io e mia madre ne siamo stati in passato vittime ed oggi ne paghiamo le conseguenze.Tantissimi complimenti a tutto lo Staff Di Bella per il supporto e la sensibilità sempre dimostrata. Grazie.


**********

Credo si tratti di uno dei commenti più importanti pubblicati sul forum, e ne ringrazio il Sig. Sante. L'evidenza è davanti agli occhi di tutti: nel nostro paese si sparano statistiche come i fuochi d'artificio di Ferragosto, mentre almeno negli Usa, forse per una tradizione di minor irreggimentazione dei mass media, si riconosce l'impotenza terapeutica nei confronti dei tumori. Ma senza che se ne traggano le dovute conseguenze. Sale alla bocca un'espressione di indignazione e di ribellione: "fermiamoli! Fermiamo questi paranoici che si gingillano tra mesi in più non di vita, ma di raffinata e cinica tortura". La convinzione comunque è che siamo all'epilogo della più grande truffa mediatica della storia della medicina, ma - è lecito chiedersi - quanto deve ancora durare questa fase di epilogo? E' mai possibile che la vita di miliardi di uomini sia nelle mani di pochi gruppi finanziari che governano il mondo e di chi è disposto a servirli senza scrupoli di coscienza? La nostra voce, patetica se si valuta il ridicolo peso che questo sito può avere nell'universo della comunicazione internet  e dell'informazione, da sola può poco. Occorrerebbe che tutti emergessero dal letargo nel quale siamo stati precipitati e che facessero sentire la propria voce in ogni sede, anche parlando sul posto di lavoro, con gli amici, i conoscenti, scrivendo ai giornali: senza toni striduli, ma in modo concreto e costante, senza stancarsi mai. Del proprio bene, della vita propria e dei propri cari, occorre interessarsi in prima persona.

Un caro saluto


per
STAFF DI BELLA INSIEME
Adolfo Di Bella
postato da: Sante (Lugo) in data: 2008-07-18 00:54:00.0

Ogni giorno le rivolgo il mio pensiero  Professore perchè il mio sereno cammino in questi otto anni lo devo a Lei,   uomo geniale e compassionevole.

Con il cuore. 
                                       Paola


postato da: paola (roma) in data: 2008-07-17 22:29:57.0
Novantasei anni fa, alle sei del mattino del 17 luglio 1912, nasceva a Linguaglossa, una cittadina a 550 metri sulle pendici dell'Etna, Luigi Di Bella.
Un ricordo per quanti lo hanno conosciuto ed amato, per gli amici, per coloro che grazie alla sua opera sono vissuti, vivono e vivranno.
postato da: Adolfo Di Bella (MODENA) in data: 2008-07-17 16:33:17.0
Riguardo all'opinione espressa da alcuni pazienti, cioe' che essi sono spravvissuti bene con la chemioterapia, io credo  che dovrebbero chiedersi: siamo sopravvissuti PER MERITO della chemioterapia oppure NONOSTANTE la chemio?! Di solito la chemio viene prescritta dopo un intervento chirurgico...inoltre bisogna tener presente che gli oncologi non sono in grado di distinguere, in caso di tumori ancora localizzati, quale cancro rimarra' inattivo e non dara' metastasi, e quale invece si comportera' in modo aggressivo disseminandosi in altri organi...per cui molti pazienti che hanno fatto la chemio dopo un intervento chirurgico sono stati in realta'"curati" dalla sola chirurgia (e dal fatto che avevano un tumore privo di potenziale
metastatico)...ed in seguito sono sopravvissuti bene NONOSTANTE la chemio perche' avevano una fibra robusta capace di tollerarne gli effetti collaterali potenzialmente fatali... Inoltre gli oncologi convenzionali affermano che la chemio e' utile soprattutto perche' riduce (TEMPORANEAMENTE) le dimensioni dei tumori e permette di "convertire" al trattamento chirurgico tumori inizialmente  inoperabili....quindi la vera "terapia" e' ancora considerata la chirurgia , ed e' una terapia vecchia di secoli (alla faccia dei progressi dell'oncologia spesso pubblicizzati).....
postato da: carla (arezzo) in data: 2008-07-14 14:06:01.0

Gentile Daniela, raccolgo volentieri il suo invito a postare la mia esperienza. Anche se l'ho già più volte fatto penso sia utile ogni tanto riproporla per chi, arrivando ora, avrebbe difficoltà a recuperala qui sul Dibellainsieme.

L'esperienza delle sue due zie coincidono esattamente alla stessa esperienza vissuta anche da mia madre.

Le considerazioni che le sue parenti fanno  "le chemioterapie hanno garantito di vivere bene fino ad ora ... etc..." corrispondono alle stesse obiezioni che ricevo da una quantità di persone se parlo loro di MDB.

La mia opinione è che queste considerazioni siano il frutto maturo della propaganda oncologica alla quale siamo nostro malgrado sottoposti ogni giorno e da ogni possibile veicolo di informazione (non ultimo il diario delle elementari di mio figlio.)

25 anni possono sembrare molti o molto pochi: se i suoi parenti si accontentano c'è poco da dire a riguardo.

Quello che mi importa di sottolineare invece è la mentalità distorta con cui formuliamo certe considerazioni. Se 25 anni vengono considerati molti significa che il nostro inconscio sa perfettamente che il cancro è subdolo e difficilmente può essere vinto. Significa quindi che abbiamo la rassegnata consapevolezza che il nemico è sempre in agguato, e non potrebbe essere diversamente vedendo la quantità straordinaria di persone che ci circondano falcidiate dal male del secolo.


Ecco, quello che volevo dire è questo: nonostante il nostro occhio vede quotidianamente queste morti non riusciamo a fare il salto di qualità mentale per capire che una malattia che si ripresenta a vent'anni di distanza è una malattia che ha continuato a lavorare imperterrita per vent'anni. Unicamente, la diagnostica attuale non è in grado di rilevarla, ma è di una evidenza macroscopica che se la malattia si ripropone significa che non era mai stata vinta!


L'espressione giusta da usare  sarebbe allora "le chemioterapie non sono state in grado di garantirmi la guarigione". Purtroppo certe evidenze appaiono chiare solo dopo che i nostri cari se ne sono andati, spesso male, spessissimo al termine di devastanti percorsi. Sovente si aprono gli occhi solo alla puntuale sospensione delle terapie a causa della situazione critica indotta dalle medesime. E' a questo punto che ci si rende conto dell'importanza di aver conservato un fegato sano anzichè uno mummificato dai veleni, si rimpiange una funzionalità renale normale mentre si attende un nuovo referto che testimonierà un tasso ematico di creatinina ormai irreversibile.


E' il momento questo nel quale appare più chiaro che l'impostazione convenzionale unicamente distruttiva è un vero suicidio terapeutico. Purtroppo siamo sempre lì cara Daniela: sino a che l'MDB non verrà accreditato tra le terapie convenzionali di cura del cancro, sino a quando non verranno unanimente riconosciute le proprietà terapeutiche dei componenti del metodo e il loro peculiare meccanismo di azione, moltissime persone non saranno disposte a prenderlo in nessuna considerazione.  

un saluto a tutti

postato da: marco l. (varese) in data: 2008-07-13 22:09:28.0
Vi avevo scritto un anno fa circa a proposito di una mia zia (Vittoria) che era stata colpita da cancro al seno e all'ovaio. Dopo tre cicli di chemioterapia, purtroppo e' morta nell'agosto 2007.
Nella mia famiglia ci sono diverse persone portatrici della mutazione brca1, che aumenta significativamente la probabilita' di sviluppare alcuni tipi di cancro, tra cui proprio seno ed ovaio. Mia zia era una di queste.
Ora succede che un'altra zia (Chiara, sorella di Vittoria), gia' operata ad una mammella 25 anni fa (quando ne aveva 39) per un carcinoma e sopravvissuta, ha scoperto a maggio 2008 di avere un carcinoma nell'altra mammella e un melanoma su un braccio. E' stata operata per l'asportazione del melanoma, e' stata operata per l'analisi dei linfonodi sentinella (ne hanno tolti due, uno per il cancro al seno e uno per il melanoma), e' in attesa di sottoporsi all'asportazione della mammella. Durante questa operazione, forse le verra' anche tolto l'ovaio in via preventiva (sull'opportunita' di asportare l'ovaio i pareri di vari specialisti non sono concordi, ma mia zia preferirebbe le venisse tolto anche se non e' malato).
La figlia di Chiara e' sana ma portatrice della mutazione brca1 e non vive serenamente. Il figlio di Chiara ha 24 anni e sta bene, nonostante sia stato operato per un tumore all'eta' di 4 anni.
Ho parlato loro dell'MDB ma mi hanno risposto che la chemio fatta sulla madre 25 anni fa le ha garantito di vivere bene finora e quindi vorrebbero riprovare con la terapia tradizionale. Ho comunque consegnato loro diverso materiale sull'MDB, scaricato da internet, con lo scopo di incuriosirli. Mi sembrano importantissimi gli studi pubblicati su pubmed per le stesse sostanze usate nell'MDB e fondamentali sono anche le testimonianze di chi si e' curato con questa terapia.
Ai lettori di questo forum chiedo: per favore, scrivete le vostre esperienze, sia che abbiano avuto un esito positivo che negativo. Chi deve scegliere, le legge con estrema attenzione.
Ai medici dell'MDB pongo invece un paio di domande di cui, in verita', mi pare di avere gia' letto la risposta in questo forum ma non riesco a ritrovarle: 1. e' possibile usare alcune sostanze dell'MDB contemporaneamente alla chemioterapia (per renderla piu' sopportabile, ad es.)? Se si' in che dose? Dove si possono acquistare?
2. Cosa mi potete dire dell'MDB usata come prevenzione? Sarebbe consigliabile proporla ai miei cugini (e magari pure a me, anche se non sono portatrice della mutazione brca1)?
Grazie per le risposte che mi saprete dare e scusate se vi faccio ripetere cose forse gia' scritte.
Daniela
 ************


Gentile signora,
Di lunghe sopravvivenze nel caso di ca. mammari operati ce ne sono poche, ma pure esistono. Che la chemioterapia abbia avuto un ruolo in merito è assai discutibile, se studi oncologici hanno determinato che essa collabora solo per il 2,5% dei casi alla sopravvivenza a 5 anni, mentre il 10% della mortalità nel breve periodo è da attribuirsi a questa.
Per le sue domande:
1) Ha poco senso abbinare componenti Mdb alla chemioterapia, trattandosi di aprocci tatalmente opposti. I farmaci Mdb non possono essere consigliati alla cieca, ma debbono essere prescritti da un esperto medico Mdb dopo gli opportuni accertamenti documentali ed obiettivi.
2) Si può fare una utile ed efficace prevenzione con alcuni principi attivi Mdb, ma questo spetta solo ad un medico, previa opportuna disamina della fisionomia clinica della persona, e non già di generiche indicazioni.

Eventualmente rimaniamo a sua disposizione per darle opportune indicazioni se ci contatta a info@dibellainsieme.org.

Cordialmente

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Daniela Cappuccini (Bergamo) in data: 2008-07-13 16:18:15.0
Caro Adolfo volevo informarla che la salute della mia amica Luisa,   che dal gennaio  2008 è in cura  dal Dottor ***** per artrite reumatoide,  ha avuto un netto miglioramento alla visita di controllo di fine giugno:
i valori del reumatest sono scesi e i dolori che la torturavano sono notevolmente diminuiti fino quasi a  sparire, (preciso che Luisa ha 72 anni).
Le invio i ringraziamenti di Luisa per la segnalazione del Dottor ***** e un forte abbraccio  da parte mia.
Paola
*********

Cara Paola,
Quando affrontata in tempo utile, questa terribile patologia risponde in modo eclatante agli appositi schemi terapeutici a suo tempo predisposti da mio padre. Il medico Mdb in questione (in omaggio alla regola del sito, seppure a malincuore, ne ho omesso il nome) ha una vasta esperienza in merito. Ritengo utile precisare che lo schema adottato per l'artrite r. ha poco in comune con le componenti oncologiche del Mdb.
Grazie della bella notizia ed un caro saluto a lei ed alla signora Luisa.


 

Adolfo Di Bella


 

postato da: paola (roma) in data: 2008-07-12 21:36:23.0
Mio marito, operato per adenocarcinoma colon, sta seguendo il MDB per cercare di prevenire le recidive della malattia.  Oggi abbiamo letto in internet che e' morto proprio di cancro al colon Tony Snow, il capo ufficio stampa della Casa Bianca....eppure e' da presumere che abbia avuto a disposizione le piu' avanzate terapie proposte dall'oncologia  convenzionale...
Passando ad altro tema, ci siamo imbattuti anche in un altro articolo , che abbiamo letto  con molto piu' piacere:

Somatostatin inhibits colon cancer cell growth through cyclooxygenase-2 downregulation.

1Department of Internal Medicine, Division of Pharmacology and Chemotherapy, University of Pisa, Pisa, Italy.


...e siamo grati all'inventore del MDB per averci dato un mezzo in piu' per combattere questa malattia...
********

Cara signora Carla,
Il cancro non si fa certo impressionare dal biglietto da visita di nessuno. Abbiamo citato più volte il nome di capi di Stato e di notabili di ogni settore che sono stati uccisi dalla malattia e dalle terapie usuali. Forse questo, con il tempo, spingerà i potenti della terra a orientarsi in modo diverso.
Circa il lavoro - l'ennesimo - che lei riporta, bisognerebbe chiedere a certi analfabeti del presente e del passato come conciliano le loro furiose contestazioni al Prof. Di Bella con queste continue smentite dei loro assunti. Ma sinceramente non ne varrebbe la pena. Sarebbe come chiedere ad un analfabeta di commentare un canto della Divina Commedia.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: carla (arezzo) in data: 2008-07-12 17:17:25.0
11/07/2008
Cari amici del forum, come da medico non rispondere brevemente ai  colleghi medici, giovani che prossimamente si affacceranno alla grande giungla professionale? E posso assicurarvi sin d'ora che ci sarà da combattere contro le baronie della medicina così definita"ortodossa".
Cari giovani colleghi, uniamoci tutti insieme, poichè non è compito facile, mettersi contro le baronie a far sì che possa emergere la verità scentifica. 
Essa è solo ed esclusivamente il MDB del Prof. Di Bella. Unica terapia Olistica, biologica, scevra da rischi, effetti avversi, con attività antineoplastica, apoptotica, antiradicali liberi.......
Rafforzamento delle difese immunitarie, prevenzione contro recidive......vi scrivo anche per esperienza diretta credetemi. Avrete modo di toccare con mano, dopo averla studiata attentamente.
Voi tutti certemente conoscerete l'aforisma di Ippocrate: primum non nocere, poi curare! E' una profondissima verità. Dopo il messaggio per i giovani colleghi, caro Adolfo ti chiedo cortesemente di inviarmi Indirizzo della 
farmacia di (*******) per la preparazione dei galenici.
Grazie a tutti Michele 

*********


Ho provveduto via e.mail.
Un caro saluto

Adolfo Di Bella
postato da: Michele Landolfi (Legnano) in data: 2008-07-11 19:32:30.0
Quello che scrive Sandro di Moncalieri apre il cuore alla speranza, e significa una cosa enorme e cioè che il Professore ha fatto un altro miracolo e ottenuto un altro trionfo: quello di averla vinta su quei tanti professori universitari ignoranti e pieni di aria che sono arrivati in cattedra non per merito e che hanno sfogato con la calunnia il loro rancore. Veramente la perfidia non paga e la verità viene sempre alla luce.
Credo di potere parlare per tutti noi (io caro Sandro sono una EX paziente) se le raccomando di andare avanti per questa strada e di mettere al corrente tutti i colleghi di corso di come stiano le cose. Insomma ci vuole un benefico contagio.
Un carissimo saluto a lei, un abbraccio a Adolfo che con gli ultimi filmati ci ha fatto un regalo davvero grandissimo e un saluto a tutti gli amici del forum.
Sophie
postato da: Sophie R. (Prov. di Siena) in data: 2008-07-11 18:02:00.0
Sono uno studente al IV° anno di medicina e finora avevo molta confusione sulla cura Di Bella. Non mi avevano convinto i pareri sprezzanti di certi docenti, che stimiamo poco tutti, ma non ne avevo saputo di più nemmeno dagli apprezzamenti espressi da qualcuno che era favorevole, perchè troppo generici.
La rivelazione è venuta quando ho cominciato a navigare in internet e ho comprato il libro del Dr. Giuseppe Di Bella. Ho detto ai miei colleghi che tutti noi che frequentiamo la facoltà di medicina siamo truffati e che se vogliamo imparare qualche cosa bisogna che ci mettiamo a studiare per conto nostro.
Il Dibellainsieme con le sue discussioni e le sue testimonianze (ovviamente abbiamo consultato prima il metododibella) ha completato le idee che ci siamo fatti e i filmati recenti sono eccezionali. Ho capito veramente la grandezza del Professore Di Bella ascoltando le sue parole dirette. Questo per dirvi che siamo in tanti che abbiamo cominciato a capire e che non abbiamo nessuna intenzione di ridurci come gli squallidi medici che che vediamo negli ospedali e sulla cattedra e che sono una vera disgrazia per i malati prima ancora che per gli studenti. Sarei/saremmo molto lieti di metterci in contatto con il vostro staff.
Grazie da parte mia e anche di altri colleghi per quello che ci permettete di sapere e di capire e per quello che fate per i malati ed il progresso della scienza.
Un saluto con amicizia e ammirazione
Sandro

*******

Per certi versi la sua è la lettera che sempre avremmo voluto ricevere. Se nelle nuove generazioni si fa strada la consapevolezza del triste stato della medicina praticata ed insegnata, allora non solo il bene dei malati, ma anche il futuro della civiltà saranno meno in pericolo di quanto oggi possiamo prevedere.
Circa i contatti, saremo felici di conoscervi personalmente, per cui attendiamo una sua e.mail.
Un caro saluto
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Sandro C. (Moncalieri) in data: 2008-07-11 12:51:00.0
Ancora una riflessione,
io non ho conosciuto personalmente il professor Luigi Di Bella, nè mai ho avuto il piacere di sentire la sua voce dal vivo, pertanto per me ricordarlo riesce sempre molto difficile, difficile perchè per quanto ci si possa sforzare, non è semplice vestire i panni di chi ha perso una figura paterna come poteva essere il professore per i suoi figli.
Pertanto io vorrei ricordare l'esistenza di un grande uomo con ciò che attualmente riesco a scorgere, ovvero due figli che lavorano e proseguono il difficile e tortuoso cammino iniziato dal papà tanti anni fa, due persone che pur tra mille difficoltà tengono testa a chi vorrebbe la loro "estinzione"; ma un patrimonio tale, come quello lasciato dal professore, fondato su quelle stesse basi che ttutt'ora tengono solida la famiglia Di Bella, non facilmente potrà dissolversi.
Ricordo quindi di una persona che è vissuta in carne ed ossa ma che persevera nella sua esistenza attraverso l'amore che ha saputo trasferire alla propria famiglia.
Un abbraccio a tutta la famiglia Di Bella.


-Antonio-

********


Grazie Antonio per il suo affetto e le parole belle che ha usato. Un caro saluto

Adolfo Di Bella
postato da: antonio (genzano) in data: 2008-07-08 08:17:25.0
Ciao Adolfo,

anche se in ritardo volevo anche io ricordare tuo padre.

Sia ringraziato Dio per averci donato una persona così splendida.

Un abbraccio a te e a tuo fratello.

Alberto.
*********


Grazie di cuore delle tuo ricordo. Un caro saluto
Adolfo

postato da: Alberto (Roma) in data: 2008-07-06 01:32:54.0
Un anno fa la mia famiglia era precipitata nel buio più profondo, oggi ha ritrovato la serenità e la gioia di vivere le piccole cose della vita quotidiana.
Non posso non rivolgere ogni giorno un particolare ringraziamento a chi ci ha aiutato a sorridere di nuovo e soprattutto a chi veglia dall'alto nella pace dei giusti.
Grazie Professore, La ricorderò sempre nelle mie preghiere.
postato da: paola (pc) in data: 2008-07-01 21:21:17.0
Caro Professor Di Bella...
chi le scrive è una persona che Le deve la vita.
Una vita piena di problemi già gravi, culminata in questa terribile malattia che toglie ogni certezza e fa vivere nel terrore, ma, una speranza c'è: la Terapia! Da quando, rifiutando la chemio, seguo il protocollo (ormai solo di mantenimento), in otto anni e mezzo ho visto morire tantissime persone, amiche, coetanee e molto più giovani di me, per restare solo in tema di tumore del seno, e tutte, avevavo fatto chemio! Sarà solo un caso se io vivo e sto bene? Non credo...non è possibile...Le devo la vita.. e un pensiero è per Lei ogni giorno di questa vita, per Lei, e per i suoi figli che combattono per Le sue idee!
La ringrazio, carissimo Professore, anche a nome di tutte le persone che seguiranno la Sua cura da oggi in poi...e saranno tante, perchè la verità trionfa sempre sulla menzogna e sugli interessi economici. Lei, Professore, riposa in pace, dorme il sonno dei giusti, perchè la sua missione l'ha compiuta, sulla terra. Altri non so...quando verrà il momento, come potranno riposare...
CHE DIO L'ABBIA IN GLORIA, Professore!
Loredana
postato da: loredana (ba) in data: 2008-07-01 18:29:17.0

Professore è inutile che dica quanto la penso, perchè lei lo sa.
Non dico "Dio la benedica" perchè lo ha già fatto quando lei è venuto al mondo.
Grato e devoto fino all'ultimo respiro la ricordo in questa ricorrenza piena di tristezza.

postato da: M.A. (Modena) in data: 2008-07-01 17:08:00.0
Caro Professor Di Bella sei sempre nei nostri pensieri e continui a vivere in noi perchè con la tua scienza hai permesso che noi siamo ancora in questo mondo regalandoci dei bellissimi anni per poter stare ancora con i nostri cari.
Non ti ringrazieremo mai abbastanza.
Veglia sempre su quei tesori dei tuoi figli che tanto stanno facendo per la tua memoria e per l'umanità che soffre. Nel nostro cuore c'è sempre un posticino per te. 
postato da: liliana (roma) in data: 2008-07-01 16:27:39.0
Il primo pensiero del mattino è sempre per Lei Professore, naturale come il sorgere del sole.
Perchè Lei ci ha ridato la vita e la Sua scienza ce la conserva come il sole fa con tutta la natura.
Le vogliamo bene e Le mandiamo un bacio grande abbracciati ai nostri figli.
Titty e Ermanno
postato da: Titty (San Benedetto Po) in data: 2008-07-01 14:47:00.0
La malinconia per la sua scomparsa sfuma nel ricordo della grandezza della sua mente, della rettitudine della sua persona e del chiarore della sua anima.
Grazie Professore per tutto quello che ci hai donato. Grazie carissimi fratelli Di Bella, siete sempre nel mio cuore
maria grazia
postato da: maria grazia (lecce) in data: 2008-06-30 21:20:25.0



30 commenti postati | Inserisci commento nel Piccolo Forum