per specifiche informazioni di carattere medico o scientifico, potete visitare il sito ufficiale www.metododibella.org


Commenti scritti nel Forum

Carissimi del forum, volevo chiedervi se una persona portatrice di stoma può accedere alla cura Di Bella, visto che si usano molti medicinali per bocca? Grazie Carla
******

La risposta è positiva, signora Carla.
Sono stati molti i pazienti, portatori di ileostoma o di colostoma, provvisorio o definitivo, che si sono curati senza problemi con il MDB.


Cordiali saluti

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: carla (napoli) in data: 2008-06-29 13:19:47.0
Ciao,
il 17 Giugno è caduto il primo anniversario della morte di mio padre. Ancora oggi non riesco a credere a quello che è successo, ma la Vita è fatta anche di questo, e non possiamo farci niente. Volevo solo dire che seguo ancora con estremo interesse questo forum, e faccio mie le speranze di tutti i malati e dei loro parenti che in queste pagine cercano speranza e conforto.
Vorrei di nuovo ringraziare Adolfo per il suo impagabile aiuto in quegli orrendi giorni (purtroppo mio padre non riuscì a fare il MDB) e Giuseppe il quale, sulle orme ben impresse del padre, onorò la sua professione come ogni vero medico dovrebbe fare.
Che altro dire? Niente.
Soltanto un caro saluto a tutti.

Alberto.
postato da: Alberto (Roma) in data: 2008-06-28 21:39:35.0
Stim.mo Dr. Adolfo Di Bella e Gentili Frequentatori del Forum,
Esiste un modo " sicuro " per la preparazione della siringa della Longastina Lar ? Mi spiego: seguendo le istruzioni presenti nella confezione, è praticamente impossibile giungere alla sua preparazione poichè in 5 minuti e senza " scuotere " il flacone la polvere non si scioglie. Per quanto mi riguarda, impiego circa 10 minuti per la preparazione e non vorrei che questo inficiasse la qualità della sospensione.
Ringrazio sin d'ora chi mi vorrà essere d'aiuto.
Con i migliori saluti

Battista

P.S.: ringrazio il gentile Signor Michele Landolfi di Legnano per il graditissimo messaggio

**********

Lei ha perfettamente ragione. La faremo contattare via e.mail per concordare come risolvere concretamente il problema.
Cordialmente
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Battista (Bs) in data: 2008-06-28 18:04:00.0

Carissimo Adolfo e amici del forum, guardate cosa ho trovato nel sito dell'IEO. Cari saluti a tutti


IL PRIMO FARMACO MOLECOLARE: L'ACIDO RETINOICO


Un gruppo di ricercatori dello IEO ha individuato il meccanismo d'azione di uno dei primi farmaci molecolari: si tratta dell'acido retinoico per la cura della leucemia promielocitica, una forma di leucemia acuta e molto aggressiva.

Il gruppo di ricerca diretto dal Prof. Pier Giuseppe Pelicci presso il Dipartimento di Oncologia Sperimentale dell'Istituto Europeo di Oncologia, ha chiarito i meccanismi molecolari responsabili dell'insorgenza di un tipo di leucemia acuta, la leucemia acuta promielocitica (LAP), fornendo la spiegazione dell'effetto terapeutico dell'acido retinoico.

L'acido retinoico è una molecola in grado di ripristinare le funzioni della cellula leucemica, rieducandola a funzionare come una cellula sana, senza distruggerla. 

Leucemia Promielocitica Acuta


La leucemia è un cancro del sangue. La malattia è caratterizzata dall'eccessiva produzione di cellule ematiche, che rimangono in stato immaturo e pertanto non raggiungono l'aspetto né la funzione delle cellule normali.

Esistono diversi tipi di leucemie. La leucemia acuta promielocitica è un tipo di leucemia a rapida progressione, caratterizzata dall'accumulo nel sangue di cellule bianche (leucociti) in stato immaturo chiamate promielociti. Normalmente i leucociti si riproducono in forma ordinata e controllata all'interno del midollo osseo.

In caso di leucemia, queste cellule continuano a dividersi ma non maturano, e pertanto non sono in grado di funzionare come leucociti normali, causando un maggior rischio d'infezione e di emorragie. D'altra parte, il gran numero di cellule immature che invade il midollo osseo, impedisce la formazione di cellule ematiche normali.


La mancanza di globuli rossi e piastrine in numero e qualità normale, comporta un aumentata incidenza di anemia ed ematomi.  


La leucemia promielocitica acuta può colpire adulti di tutte le fasce di età e rappresenta il 10% delle leucemie mieloidi acute. 

Le basi molecolari della Leucemia Promielocitica Acuta


Dopo un'approfondita ricerca, l'équipe del Prof. Pelicci ha scoperto il meccanismo molecolare che determina l'insorgenza di APL. Come in tutte le cellule cancerogene, il processo neoplastico della leucemia promielocitica acuta incomincia con un'alterazione a livello del DNA. Questa induce la formazione di una proteina anomala chiamata PML/RAR. Questa proteina blocca il processo di differenziazione cellulare, cioè impedisce la maturazione delle cellule in leucociti normali.


Trattamento con Acido Retinoico

La scoperta che l'acido retinoico, componente attivo della vitamina A, è in grado di interagire con la proteina anomala PML/RAR senza interferire con la funzione delle cellule ematiche normali, è stata la chiave dello sviluppo di questa nuova strategia terapeutica.

Le terapie oncologiche convenzionali si focalizzano sulla distruzione delle cellule tumorali. La nuova tattica, definita "terapia della differenziazione", si basa sulla ricerca del metodo di riconversione della cellula neoplastica a cellula normale.

Rigorosi studi clinici hanno dimostrato che l'acido retinoico è in grado di restaurare la funzione normale e causare remissioni complete nei pazienti con leucemia acuta promielocitica. Attualmente la chemioterapia in combinazione con l'acido retinoico è considerata il trattamento di scelta per pazienti con leucemia acuta promielocitica, e diventa la cura definitiva nell'80% dei casi.


La terapia con acido retinoico ottiene la scomparsa della malattia nel 95% dei casi e l'assenza di ricadute per almeno 5 anni nell'80% dei casi.

Il principio innovativo della ricerca è che il farmaco agisce esclusivamente sulla molecola anomala responsabile della malattia, invece che su tutta la cellula malata. La terapia con acido retinoico ha una tossicità estremamente bassa e il paziente può essere curato per lo più a domicilio.

*********

Cara Liliana,
La cantilena dell'acido retinoico va avanti da una decina d'anni, con forsennati tira-e-molla sulla paternità di queste originalissime SCOPERTE: cosa che sarebbe comica se la salute di tanti poveri innocenti non fosse nelle mani di questa gente.
Alcuni passi risultano particolarmente grotteschi: "...Un gruppo di ricercatori dello IEO ha individuato il meccanismo d'azione ....dell'acido retinoico per la cura della leucemia promielocitica....", "...dopo un'approfondita ricerca, l'équipe del Prof. Pelicci ha scoperto il meccanismo molecolare che determina l'insorgenza di APL.....".
Ovviamente nessun ricercatore degno di questo nome prenderà sul serio questa...sensazionale scoperta,  che costituisce ormai un "classico" della medicina, ma l'importante è che nessuno abbia il coraggio (o la possibilità) di far fare ai pretesi innovatori la figura che meriterebbero: quella di patetici ed anacronistici plagiari. L'acido retinoico, insieme a melatonina, vitamina A, betacarotene, vitamina E è documentatamente stato usato, in ogni tipo di leucemia e/o emopatia, dal Prof. Luigi Di Bella sin dalla fine degli anni sessanta. E d'altra parte analoga formulazione è riportata nella documentazione ministeriale della famigerata sperimentazione del 1998. Inutile usare vocaboli come "decenza" e (scendendo al gergo usuale) come "faccia di bronzo": perchè, con buona pace di simili sfolgoranti meningi, questa bufala non passa, perchè non può passare.
Alla fine sorge spontanea una domanda, alla quale i detentori di queste complesse circonvoluzioni cerebrali farebbero fatica a rispondere: come mai l'acido retinoico, quando lo usava il Prof. Di Bella dava risultati fallimentari, quando lo usano "loro" costituisce la "cura definitiva nell'80%?".
Meglio fare gli auguri ai baldi scopritori: perchè questa domanda, prima o poi, qualcuno gliela farà.
Un caro saluto
Adolfo Di Bella
postato da: liliana (roma) in data: 2008-06-27 14:51:35.0
Buon giorno a tutti sono Silvia e da più di un anno faccio il MDB con ottimi risultati, quando ho iniziato questo percorso voi del sito e in particolare lei signor Adolfo mi avete aiutata e mi avete dato forza e speranza grazie!
Oggi vi chiedo se qui vicino a dove abito, in provincia di Treviso esistono gruppi, azzociazioni o semplicemente persone che fanno il MDB per poter condividere e ritrovarsi, scriversi. Inoltre chiedevo al signor Mimmo di Trento se potevo avere il suo indirizzo email.
Grazie a tutti per quello che scrivete vi leggo sempre con interesse.
Un saluto caloroso!
******
Cara Silvia,
Siamo tutti lieti di questo suo aggiornamento. Di pazienti in Mdb nella sua zona dovrebbero essercene parecchi, per cui, nella speranza che ci leggano, lanciamo un appello perchè ci indirizzino e.mail o perchè scrivano sul forum.
Il "PUNTO Mdb" meno lontano è la sezione di Venezia del Clamo (331/78.40.720 - lunedì e martedì ore 18-20; sabato ore 10-12). Quanto a Mimmo di Trento contiamo di ricevere il suo nulla osta per inviarle l'indirizzo e.mail.
Un caro saluto
per STAFF DI BELLA INSIEME
Adolfo Di Bella
postato da: silvia (cavaso del tomba) in data: 2008-06-27 14:31:01.0
"Melatonina protettiva del seno nel post-menopausa
 
 La melatonina endogena, cioè prodotta dal nostro organismo, ha importanti effetti preventivi contro il tumore al seno. Lo dimostra uno studio dell'Istituto nazionale tumori Regina Elena di Roma pubblicato sul «Journal of National Cancer Institute». «La diagnosi di tumore mammario e la terapia successiva - sottolinea la prof. Paola Muti, Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena - cambia la vita di una donna e delle persone a lei care, ed il trauma individuale che segue è davvero enorme».

«Effetti preventivi contro il tumore al seno»
Gli sforzi che la ricerca fa in campo terapeutico rimangono essenziali, ma è attraverso la prevenzione che molti dei costi umani e sociali di questa patologia possono essere evitati. La melatonina è una molecola cruciale nella determinazione dei cicli circadiani di sonno/veglia. Gli autori della ricerca descrivono uno studio prospettico condotto su un campione di circa 1000 donne sane in età postmenopausale, alle quali hanno misurato i livelli sierici di 6-sulfatoxymelatonina urinaria, il più importante metabolita della melatonina circolante.

«Il 40 per cento di riduzione del rischio»
Lo studio ha mostrato che, dopo 17 anni di osservazione, le donne sane che avevano livelli di melatonina sierica più elevati all'inizio dello studio, hanno successivamente riscontrato una frequenza di tumori al seno inferiore di circa il 40%. Nelle donne che non fumavano al momento della raccolta urinaria la riduzione nella frequenza dei tumori è arrivata al 60% in meno.
Lo studio è nato dalla collaborazione tra l'Istituto Regina Elena di Roma, l'Istituto Tumori di Milano e la Harvard University-School of Public Health. Tra gli autori del lavoro sono inclusi Paola Muti, senior author, Sabrina Strano, Responsabile del gruppo della Chemioprevenzione Molecolare IRE e Holger Schunemann responsabile della Unità Informa di Epidemiologia Clinica del Regina Elena.

Allo studio i meccanismi molecolari
I risultati di questo studio evidenziano un importante ruolo della melatonina endogena nella prevenzione dei tumori al seno. «I nostri ricercatori - sottolinea la Muti - sono impegnati ora nello studio dei meccanismi molecolari che presiedono all'attività anti-tumorale della melatonina. Sono infatti in corso analisi di espressione genica modulate dalla melatonina presso i laboratori di oncogenomica traslazionale, istituiti di recente presso la sede del Regina Elena di Mostacciano»."

********


Quando si dice pionierismo....! Chissà cosa ne pensa (verbo forse fuori luogo) un noto personaggio della farmacologia, che alcuni anni or sono, vivo il Prof. Luigi Di Bella, si affannava a ripetere che la Melatonina serve solo per alleviare i fastidi da "jet lag"! Non abbiamo sentito pronunce su questa mirabolante "scoperta" dei mirabolanti ricercatori romani (indiscrezioni anticipano che si appresterebbero a pubblicare una ricerca sul potere dissetante dell'acqua); gli unici interventi ci sembra riguardino espressioni di solidarietà a favore di personaggi coinvolti nello scandalo dell'AIFA.
"Giorno verrà" ammoniva fra Cristoforo parlando con Don Rodrigo!

Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Laura (Ve) in data: 2008-06-26 13:15:56.0
Leggo

http://iltempo.ilsole24ore.com/adnkronos/?q=YToxOntzOjEyOiJ4bWx
fZmlsZW5hbWUiO3M6MjE6IkFETjIwMDgwNjI1MT
cwNjMyLnhtbCI7fQ
==

MEDICINA: PILLOLA RIDUCE DEL 70% RISCHI CANCRO OVAIO

Il nostro Prof era contrarissimo alla pillola, fattore di crescita e anche molti ginecologi sconsigliano la pillola a chi ha familiarità di cancro in famiglia.
ORA "scoprono" che riduce del 70% il cancro all'ovaio ..sarà vero? o è un modo per incrementare le vendite?
mi piacerebbe avere una opinione dallo staff Di Bella,

Un caro saluto,

Vincenzo da Roma

************

La nostra opinione non ha alcuna autonoma autorevolezza, a differenza di quella comune a tanti studiosi. E' infatti constatazione scientifica (e quindi incontestabile) la netta maggiore incidenza dei tumori femminili in presenza di una costante prassi di contraccezione farmacologica o di un uso indiscriminato di prodotti ormonali per constrastare le turbe sintomatiche della menopausa. Questa constatazione - è bene notarlo - non si basa solo su dati epidemiologici (facilmente addomesticabili) ma su consolidate conoscenze bio-fisiologiche.
Difficile, a questo punto, non stabilire una connessione tra gli assillanti (e interessati) inviti a sottoporsi ad indagini diagnostiche a scopo preventivo e l'incentivazione di prassi che aumentano i rischi di insorgenze tumorali. La tragica verità sembra essere quindi che il cancro, oltre ad essere una malattia incurabile (con le metodiche consuete) sia l'affare del secolo

Cordiali saluti
STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Vincenzo (Roma) in data: 2008-06-26 09:31:00.0
In risposta al comunicato del sig. Battista, affermo solo che la scelta fatta da suo padre circa il MDB non poteva che essere la sola. Ancora tanti cari auguri con la raccomandazione di non dare credito ai medici tradizionalistici. La Verità sta tutta nel metodo terapeutico del prof. Di Bella. Le dò tale comunicazione per aver già scelto l'MDB per mia moglie affetta da carcinoma 1 stadio al seno sx.
Le posso garantire che la mia signora gode ottima salute e senza mai aver sofferto di alcun tipo di effetto avverso. Ora è in fase di graduale scalo della somatostatina per concludere il protocollo per fine anno. Dò simili ragguagli anche da medico, poichè sono utili per tutti coloro i quali sono indecisi su che strada intraprendere.
Coraggio sig Battista siete sulla strada giusta, anzi giustissima! Un abbraccio a tutti gli amici del forum insieme alla mia Leonide, iniziando dai cari amici dott. Giuseppe e Adolfo Di Bella.
Ciao a tutti Michele
 
postato da: Landolfi Michele (Legnano) in data: 2008-06-26 09:09:14.0
E' vero che supplementi di Vitamine del gruppo B e di acido folico possono aumentare la velocità di replicazione delle cellule neoplastiche ?
 
********
Non parleremmo genericamente di "vitamine del gruppo B", considerate le rilevanti differenze della loro struttura chimica e delle loro azioni. La vitamina B1, ad esempio, può essere assunta, ove occorra, in dosaggi estremamente elevati (anche di qualche grammo) senza la minima controindicazione. L'unica "imputata" è la vitamina B12, la cui assunzione deve essere contenuta in dosaggi prudenziali e periodi limitati. "Innocente" invece, specie nei dosaggi solitamente consigliati, l'acido folico (alias vit. B9).

Cordialmente
STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Anna Maria (Bergamo) in data: 2008-06-24 10:06:37.0

Sabato 5 luglio 2008 il Prof. Luigi Di Bella sarà ricordato nel quinto anniversario della scomparsa (1 luglio 2003).


La funzione religiosa verrà officiata a Modena, con inizio alle 11,15 del mattino, nella Chiesa della Madonna Pellegrina, via Don Minzoni, presenti i figli
Giuseppe e Adolfo Di Bella, rappresentanti delle Associazioni, pazienti, amici.


Saranno i benvenuti quanti vorranno associarsi al ricordo dello scomparso.


Per eventuali informazioni e/o indicazioni, potete contattarci  scrivendo a info@dibellainsieme.org, o telefonando al nostro numero di servizio (lunedì-giovedì ore 9,30-12,30) 340/469.74.48.

postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (Modena) in data: 2008-06-21 18:21:40.0
Nel mese di marzo a mio padre venne diagnosticato un carcinoma squamocellulare alla base destra della lingua ( circa 8 mm. ) già diffuso ad un linfonodo laterocervicale omolaterale ( circa 3 cm. ). Gli venne suggerito un intervento per la rimozione della neoformazione e lo svuotamento laterocervicale nonchè un trattamento radioterapico post-operatorio. Vista la contrarietà di mio padre alla RT, prima dell'intervento ci recammo a Bologna nello Studio del Dr. Giuseppe Di Bella per avere un autorevole giudizio ed un consulto circa la possibilità di seguire la Terapia del Suo compianto Padre, l'Eccellentissimo Professor Luigi. In questi giorni, a distanza di un mese dall'intervento, mio padre ha ripreso il MDB e ha ribadito la sua ferma volontà di non sottoporsi alla RT ( l'iniziale RT è divenuta RT + CT a base di cisplatino ). Con questo mio messaggio vorrei sottolineare la differenza di trattamento ricevuta del Dr. Giuseppe Di Bella rispetto all'oncologo ( docente universitario ... ) che ha visitato mio padre nei giorni scorsi: il Primo ( ovvero il Dr. Giuseppe Di Bella ) ha ascoltato mio padre con estrema pazienza per più di un'ora ed ha risposto in maniera più che esaustiva ad ogni nostra domanda; il secondo ( ... l'oncologo ... ) in dieci minuti - senza nemmeno chiedere o far finta di chiedere a mio padre cosa ne pensasse - ha prescritto RT + CT (tenuto conto che mio padre è affetto da epatopatia cronica ha chiesto il parere all'epatologo per il trattamento a base di cisplatino ). Per non parlare dei commenti che hanno avuto i medici quando hanno saputo che mio padre era intenzionato a seguire il MDB ... apriti Cielo ... nel giro di due giorni lo sapeva tutto l'Ospedale (alla faccia della privacy ). Desidero ringraziare il Gentilissimo Dr. Giuseppe Di Bella, la Sua Stimatissima Famiglia ed il Suo Staff per la pazienza con la quale sopportano gli insulti e le miserie-cattiverie umane.

Sinceramente,

Battista
*******

Grazie della sua testimonianza e delle sue parole Sig. Battista. Girerò a mio fratello Giuseppe il suo intervento, che senz'altro sarà per lui una gratificazione senza pari.
Circa i commenti dei luminari oncologici...senza luce, c'è una massima molto significativa - non ne ricordo l'autore - che ben si adatta a questo modo di comportarsi:
"La calunnia è la ragione di color che hanno torto".


Un caro saluto

Adolfo Di Bella
postato da: Battista (BS) in data: 2008-06-19 10:34:58.0

Ho letto il messaggio di Simone C. a proposito di un farmaco anticancro non in commercio perchè le case farmaceutiche non sono interessate alla produzione in quanto non economicamente conveniente.
http://www.google.it/search?as_q=&hl=it&num=10&btnG=Cerca+con+Google&as
epq=Un+farmaco+anticancro+che+non+piace.&as
oq=&as_eq=&lr=lang_it&cr=&as_ft=i&as_filetype
=&as_qdr=all&as_occt=any&as_dt=i&as_sitesearch
=&asrights=&safe=images

io non sono in grado di capire quanto possa esserci di vero e se si tratta di farmaco assimilabile a quelli del Prof, Di Bella.
Cari saluti a tutti

********

Ci sembra che la cosa riguardi l'oggetto del precedente intervento. Insomma: qualcuno rivendica il monopolio di bufala.
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: natale (Catania) in data: 2008-06-18 21:11:03.0
http://www.corriere.it/sportello-cancro/articoli/2007/04_Aprile/17/dca.shtml

...che dire...
******

Dalla lettura di certi commenti, emerge, con un po' di perfidia - se volete - questa metafora: è come se un anziano boja, dipendente dello stato, desse dell'assassino ad un altro omicida solo perchè ha ucciso senza contratto di lavoro.....
Un saluto

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: loredana (ba) in data: 2008-06-18 20:14:27.0

Salve a tutto il forum,
volevo solo condividere con voi la mia ultima esperienza sull'MDB.
Qualche settimana fa ho portato mia mamma dal Dott. Giuseppe Di Bella per un controllo.
Non avevo mai visto fin da allora lo studio del dottore, devo dire che mi ha fatto una certa impressione varcare quella soglia, la stessa oltrepassata da molte altre persone cariche delle stesse mie angosce e paure.
Che dire:
grande l'ammirazione descritta dalle parole del Dott. Giuseppe nei confronti del papà e la caratteristica che più mi ha lasciato comprendere lo STAMPO di FAMIGLIA, è l'umiltà con la quale si affrontano i problemi della gente comune.
Niente paroloni o parcelle stellari, solo una sacrale attenzione nell'ascoltare il paziente (e non CLIENTE), attenzione dettata dal sapere accumulato negli anni.
Ai miei occhi è subito balzata una differenza abissale tra l'immagine che nella vecchia trasmissione di B.Vespa di 10 anni fa si stagliava sullo schermo e quella dell'uomo davanti a me: sono passati 10 anni, ma sul volto del dottore sembrano esserne passati almeno 20.
Non ho parole nel descrivere la mia indignazione a riguardo. Solo una riflessione mi viene in mente:
Non pensino che la famiglia Di Bella non abbia seminato bene durante tutto il loro essersi esposti agli insulti di chi sa campare sulla disperazione altrui; altro sangue giovane si sta sempre più avvicinando al pensiero del NOSTRO Professore e per loro sfortuna il sapere della nuova generazione sembra non avere confini così limitati come vorrebbero. Avranno sempre qualche "DI BELLA" da combattere, di questo ne sono sicuro!

******

Caro Antonio,
Le sue parole mi hanno commosso. Sono vere e precise. Il dazio da pagare per continuare sulla via tracciata da nostro padre - così come siamo capaci di fare - è assai salato, e mio fratello Giuseppe porta il peso più oneroso. Ma papà ne ha pagato uno ancora più crudele. La sua opera è stata capita da pochi e molti di coloro che hanno a suo tempo ostentato amicizia e devozione si sono dimostrati col tempo sciacalli o vampiri; per cui ci siamo trovati a doverci difendere dai nemici di sempre e da nuovi falsi amici, per certi versi più insidiosi. Ma - e lo dico senza retorica - parole come le sue e come quelle di altri che ci scrivono o che ci sono vicini, compensano più che a usura delle bassezze subìte.
La saluto con gratitudine e amicizia

Adolfo Di Bella
postato da: antonio romagnoli (genzano) in data: 2008-06-18 16:31:07.0
Salve a tutti, oggi sul sito della rivista Prevenzione Tumori ho letto questa anteprima di un articolo: Un farmaco anticancro che non piace.
Un farmaco anticancro efficace esiste ma nessuna casa farmaceutica sembra essere interessata a distribuirlo perché, non essendo brevettabile, non consente di portare nelle casse lauti guadagni.
Stasera vado a vedere se la trovo in edicola perche sono proprio curioso.
******

Accadono di questi tempi cose strane. Ci dica di cosa si tratta. Non ci meraviglieremmo se si trattasse di un componente Mdb: in tal caso, ne sia certo, di tutto si dirà, tranne che fa parte del Mdb.

Cordialmente

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Simone C (Lendinara (Ro)) in data: 2008-06-18 16:18:24.0
http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=7290

ho fatto una breve ricerca e il risultato è...sconfortante, per le terapie attualmente praticate!
postato da: loredana (ba) in data: 2008-06-17 17:17:30.0
...ho appena saputo, stamattina è stata comunicata la diagnosi della malattia di un conoscente, sarcoma di kaposi ad una mano...potrei sapere se la terapia Di Bella  è indicata e come risponde la cura in questo tipo di patologia? Spero in una vostra sollecita risposta..è molto importante! grazie
Loredana
******
Cara Loredana,
Con diagnosi fresca e senza dover combattere - oltre che il male - anche le conseguenze negative dei soliti percorsi terapeutici, praticamente tutte le forme tumorali rispondono in modo eclatante. Particolare positiva esperienza si ha per la famiglia dei sarcomi, compreso quello di Kaposi.
Sa che siamo a completa disposizione se l'interessato opta per il Mdb.
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: loredana (ba) in data: 2008-06-17 14:25:39.0
Salve a tutti, lettori e staff del sito...breve riflessione sullo "scandalo" della clinica Santa Rita a Milano.
Come al solito i media fanno un gran baccano quando lo scandalo è un "bel giocattolo" da gestire giornalisticamente, però vedrete che trovati al massimo uno o due colpevoli tutti tornerà a tacere e così chi gestisce la sanità in Italia e soprattutto in Lombardia continuerà comodamente a fare i propri sporchi affari(interessante l'intervento sul sito di Grillo di ieri...), morale della favola: tutto come prima! Mi ricorda il boom del caso Di Bella, gran can can...poi piano piano sono diventati colpevoli quelli che subivano...in primis il Professore..poi pian pianino i figli, l'entourage ed i medici che tentavano di seguire i suoi insegnamenti...così il potere dei "grandi maestri" della nostra medicina ed i politici compiacenti  hanno fatto tacere il tutto con falsità lapalissiane, non sto certamente quì ad elencare i bluff della sperimentazione farsa, ma basti solo la denuncia dei nas....non solo inascoltata ma punita dai superiori...che vergogna...ma un vecchio detto dice: per quanto lunga possa essere la notte nessuno può impedire al sole di risorgere...e così la verità sulla scienza del prof. Di Bella risorgerà!...Signor Adolfo mi perdoni la lungaggine (avevo detto breve riflessione...) però non sopporto e mai sopporterò le persone false ..per non dire di peggio...Un saluto a tutti voi.

Fabio

***********


Caro Fabio,
Nessuna lingaggine, anzi! La verità arriverà, e forse prima di quanto ce lo aspettiamo. Nell'attesa non ci rimane che cercare di fare il nostro meglio.
Un cordiale saluto


STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Fabio Borzi (Roma) in data: 2008-06-14 20:40:49.0
PER DOMENICO. IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA CON LESIONI SECONDARIE PARENCHIMALI, OSSIA METASTASI, NON PUO' ESSERE TRATTATO CON CHEMIO E RADIOTERAPIA. INFATTI SIA LA PRIMA CHE LA SECONDA NON SOLO NON HANNO EFFICACIA TERAPEUTICA, MA POSSONO CAUSARE PEGGIORAMENTO DEL QUADRO CLINICO. PERTANTO SE LEI HA SCELTO IL METODO DI BELLA COME TERAPIA HA FATTO BENISSIMO. NEL CASO SPECIFICO NON HO ESPERIENZE, PERO' LE POSSO DIRE CHE IN DUE CASI - CARCINOMA DELLA MAMMELLA CON LESIONI SECONDARIE OSSEE - IL RISULTATO E' STATO MERAVIGLIOSO, CON  ASSENZA DI LESIONI DOPO ALCUNI ANNI DI TERAPIA. TRA L'ALTRO SONO GLI UNICI CASI DA ME OSSERVATI, QUINDI RAPPRESENTANO UN RISULTATO ECCEZIONALE IN TERMINI PERCENTUALI ANCHE SE RAGIONIAMO SU PICCOLISSIMI NUMERI.
CON AFFETTO GIUSTINO. 
postato da: giustino (arzano) in data: 2008-06-13 17:37:50.0
Mia moglie è affetta da cancro ai polmoni e al cervello, derivante dal seno, dove un anno fa ha subito la mastectomia, volevo sapere se vi sono persone con lo stesso problema e quali sono i risultati della cura, preciso che mia moglie sta praticando la cura da solo un mese.
grazie
*******

Signor Domenico,
Ci sembra di capire che si tratti di metastasi e supponiamo che l'intervento sia stato seguito da chemioterapia. Una risposta generale non è possibile, perchè molto dipende dalla situazione singola, che può essere valutata compiutamente solo da un medico esperto. L'esperienza ci consente comunque di affermare che il metodo Di Bella è in grado di apportare benefici anche in uno stadio così avanzato, a condizione che sia prescritto da un medico esperto e capace e che siano impiegati galenici di adeguata qualità. Saremo in grado di rassicurarla a proposito se ci contatterà presso il nostro indirizzo e.mail info@dibellainsieme.org.
Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: domenico (Frignano (CE)) in data: 2008-06-13 09:26:49.0
La notizia della clinica milanese è su tutti i giornali e i telegiornali. Ma è una ipocrisia enorme. Cose di quel genere si fanno da anni in ospedali presentati come il fiore all'occhiello della sanità. Eppure non scoppiano scandali. Magari sono più attenti e diluiscono questi illeciti su un numero più grande di malati, oppure si pongono un minimo di misura, ma la mentalità è la stessa: facciamo un intervento o un ciclo di cure perchè così arrivano soldi. Serva o non serva faccia bene o rovini un povero disgraziato non interessa per niente. Dov'è lo scandalo se c'è gente che propone di mutilare del seno donne sane come misura preventiva contro i carcinomi mammari?
Sono schifata quindi non per quello che ci dicono i cronisti con occhioni sgranati, ma perchè si fa finta che si tratti di fatti clamorosi ed eccezionali, mentre rappresentano non dico una routine, ma una prassi quasi quotidiana in parecchi pubblicissimi ospedali in regioni (hanno la faccia tosta di dirlo) "che costituiscono esempi di eccellenza della sanità". Ma mi facciano il favore!
Un saluto a tutti
postato da: Sophie R. (Prov. di Siena) in data: 2008-06-12 21:04:00.0
AVVISO.

Informiamo quanti avessero indirizzato e.mail all'indirizzo del sito gemello metododibella (info@metododibella.org) o hanno tentato di telefonare, che a causa di un guasto tecnico della rete fastweb a supporto, sono attualmente interrotte le linee internet e telefoniche. Il problema dovrebbe essere risolto in giornata. Invitiamo quanti hanno necessità di informazioni urgenti (purchè non di natura strettamente medica) a contattarci a info@dibellainsieme.org od a telefonarci al 340/469.74.48 (attivo fino alle 12.30).
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (MODENA) in data: 2008-06-12 10:28:08.0

CARI AMICI, FABRIZIO, NATALE E TUTTI DEL FORUM, VI RINGRAZIO PER LE VOSTRE SPIEGAZIONI, ORA LA SITUAZIONE, PER QUANTO RIGUARDA LA DETRAZIONE DEGLI SCONTRINI DEI FARMACI DALLA DENUNCIA DEI REDDITI , MI E’  PIU’ CHIARA. PURTROPPO TALVOLTA, QUANDO ANDIAMO A PARLARE DA QUESTI PROFESSIONISTI…TI PARTONO DA LONTANO E DOPO AVER PARLATO PER MEZZ’ORA, QUANDO ARRIVANO AD AFFRONTARE IL TUO PROBLEMA, GLI PRENDE “LA FURIA” TUTTA INSIEME!!E VORREBBERO CHE TU CAPISSI TUTTO CON DUE PAROLE..PER CUI, ESCI DALLA LORO PORTA  PIENO DI DUBBI E  DOPO NON AVERCI CAPITO NIENTE!!! NON E’ PER GIUSTIFICARMI, AMMETTO CHE UN PO’ ” TESTONA” CI POSSO ESSERE, MA E’ COME QUANDO ANDAVO A SCUOLA,C’ERA IL PROFESSORE CHE CON DUE PAROLE TI SPIEGAVA E TI FACEVA CAPIRE IL TUTTO..E C’ERA QUELLO (CHE NON SAPEVA SPIEGARE!!) E CHE DOPO UN ANNO SCOLASTICO TI DAVA L’INSUFFICIENZA PERCHE’ NON AVEVI CAPITO..E VA BE’ ..E’ COSI’ CHE FUNZIONA!!

COMUNQUE PASSIAMO ALLE BUONE NOTIZIE: IERI MIO FRATELLO HA FATTO L’ECO ADDOME ED IL RISULTATO E' CHE...NON C’E’ NIENTE, E’ TUTTO PULITO!! SIAMO FELICISSIMI!!! E SPERO TANTO CHE ANCHE QUELLI DEL FORUM CHE SI CURANO ABBIANO TUTTI RISULTATI BUONI E TRANQUILLIZZANTI. INFATTI SONO TANTO CONTENTA PER MIMMO, HO LETTO IL SUO COMMENTO NEL FORUM E CAPISCO LA SUA ODISSEA NELL’ INIZIARE LA CURA (CI SIAMO PASSATI ANCHE NOI). PER FORTUNA HA TENUTO DURO, NONOSTANTE GLI OSTACOLI INCONTRATI, ED INFATTI ...E QUI  MI RIVOLGO A SIMONE CHE SCRIVE PER IL SUO PAPA’. CAPISCO LA TUA SOFFERENZA ED IL TUO DOLORE, MA VEDI  CARO SIMONE TU PIU’ CHE PROPORGLI LA CURA NON PUOI FARE, PERCHE’ E’ TUO PADRE CHE DEVE ESSERE CONVINTO DI FARLA ALTRIMENTI  SE NON CEDE AL PRIMO OSTACOLO PUO’ CEDERE AL SECONDO E MOLLARE TUTTO ..ED ALLORA TU CHE GLI SEI VICINO DEVI AVERE FORZA..TANTA TANTA..COSTANZA TANTA TANTA PER SOSTENERLO E FARLO ANDARE AVANTI NEL MDB (CI SONO PASSATA)..POI DOPO I PRIMI RISULTATI BUONI (PER MIO FRATELLO CI SONO VOLUTI 2-3 MESI DI CURA) PUOI INIZIARE A TIRARE UN SOSPIRO DI SOLLIEVO E A MOLLARE UN PO’…  PERCHE’ SARA’ TUO PADRE A FARSI CARICO DELLA CURA E TU POTRAI AVERE UN PO’ DI RESPIRO..MA SINO AD ALLORA DEVI AVERE TANTA FORZA E VOLONTA’ ANCHE PER LUI..NOI DA PARTE NOSTRA TI SAREMO SEMPRE  VICINI CON I CONSIGLI PER LA CURA E QUALUNQUE ALTRA COSA TU ABBIA BISOGNO.
 IN BOCCA A LUPO SIMONE QUALUNQUE SIA LA SCELTA UN CARO SALUTO GABRIELLA

postato da: GABRIELLA (FIRENZE) in data: 2008-06-10 16:34:41.0
Vuoi vedere mai che sia stata la giustizia divina. Gente cosi mi ripugna, come si può approfittare di gente che sta male e che metta la sua vita nelle tue mani e poi dormire la notte.
Un saluto a tutti.
P.s. i galenici li prendevamo in una farmacia di ****** ma non ricordo più il nome

*******
Premesso che operano diversi prescrittori preparati e corretti, ci sono casi - tra i sedicenti medici Mdb - sufficienti ad assemblare un'antologia tragicomica. C'è chi senza pudore inventa le cose più arzigogolate per accreditarsi, chi ha fatto incetta di fotografie (e magari le espone nei propri studi o...su internet), chi si autopropone su siti illecitamente inseriti nei motori di ricerca sotto il nome Di Bella (questo riguarda tutti i siti, tranne ovviamente i nostri due ufficiali)...ed è meglio fermarsi qui. La cosa riguarda medici, non medici e farmacisti, ed è grave perchè dimostra - a parte gli scandali di cui si occupa la stampa in questi giorni - a cosa sia ridotta la professionalità e l'etica medica di oggi. La persona che vi è capitato di incontrare, inizialmente stava nei ranghi ed aveva ottenuto anche alcuni successi, grazie ad una nutrita raccolta di prescrizioni fotocopiate: poi ha abbadonato questa prassi, impropria ma almeno con un minimo di plausibilità, con risultati sistematicamente mediocri. Comunque, come si suol dire, parce sepultis. Circa la farmacia da lei citata, questa non è mai stata consigliata  dal Prof. Luigi Di Bella (e quindi da noi) per la debole attività terapeutica dei galenici, denunciata fra l'altro anche da analisi effettuate sui prodotti.

Cordiali saluti

STAFF DI BELLA INSIEME 
postato da: Simone C (Lendinara (Ro)) in data: 2008-06-10 16:00:11.0
Salve a tutti, mi chiamo Simone
Scusate questo mio sfogo ma so che qui potete capire come mi sento. Purtroppo domani mio padre inizierà la chemio per un tumore al polmone. E’ da più di un mese che cerco di convincerlo a  intraprendere il Metodo Di Bella ma lui non ne vuol sapere, forse anche per la brutta esperienza che abbiamo avuto col dottor ****** 5 anni fa quando si ammalò mia madre di tumore al Pancreas. Spero che stia cosi male (Dio mi perdoni questa mia speranza ma se è l’ unico modo per salvarlo…..) da indurlo a cambiare idea e a scegliere l’ unica cura che potrebbe offrirgli qualche speranza di uscirne vivo.

Simone C.
********

Caro Simone,
Il medico che lei cita, e che non è più di questo mondo, è stato uno dei tanti che si è avvicinato al Mdb senza finalità corrette e soprattutto senza la necessaria preparazione. Specie con un male come il ca. pancreatico, non sono ammessi dilettantismi ed ancor meno prodotti galenici imperfetti (come quelli che consigliava il medico in questione).
Comprendiamo la sfiducia di suo padre, dopo un'esperienza negativa, e comprendiamo ancor di più la sua angoscia. Ci auguriamo solo che i sanitari ai quali si è rivolto gli prospettino le reali chances delle terapie consuete. Altro purtroppo non può fare. In ogni caso ci sappia sempre a sua disposizione.
Cordialmente

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: Simone (Lendinara (Ro)) in data: 2008-06-10 09:58:14.0
Mercoledì 11/6 a Domagnano (San Marino) si terrà una conferenza nella quale interverranno Giuseppe e Adolfo Di Bella.
La riunione inizierà alle ore 20,30 ed avrà luogo nell'auditorium antistante la piazza di Domagnano (Piazza F. da Sterpeto, n.3 - Domagnano).
postato da: STAFF DI BELLA INSIEME (MO) in data: 2008-06-10 06:24:41.0

E' stato un gran sollievo trovare il vostro sito. In un anno e mezzo di cura Db mi sono sentito isolato, se non fosse stato per una persona gentile incontrata e ho dovuto affrontare molti problemi che altrimenti non sarebbero stati tali. Ho cominciato a non stare bene al ritorno dalle ferie 2006. Dolori ad una gamba che mi salivano fino al fianco. Il mio medico ha detto che si trattava di reumatismi e mi ha prescritto dei fans. Per farla breve stavo peggio di prima, è arrivata anche una febbriciattola che non se ne voleva andare e arrivavano botte di dolori da togliere il respiro, per cui sono andato a farmi radiografie in ospedale. Devo dire che hanno capito subito che c'era qualcosa che non andava e così ho fatto tac e una scintigrafia ossea. Risultato sarcoma di Ewing al femore destro e due noduli polmonari. Mi è crollato tutto intorno perché sono sempre stato convinto che le cure che fanno ammazzano invece di guarire; poi ho pensato che avrei potuto trovare qualche medico che faceva la cura di Bella. Ho perduto un sacco di tempo per avere la cartella e i documenti. Erano tutti assatanati e mi stavano intorno perché mi operassi e poi facessi la radioterapia e ho avuto la riprova che a questa gente interessa solo quello che gli viene in tasca a fare queste cure. Ho dovuto minacciare una denuncia per avere le mie carte. Mi sono informato sulla cura di Bella e mi hanno detto che a Trento c'erano dei medici che la praticavano e finalmente sono andato dal dott. ******** che mi ha visitato e poi mi ha mandato alla farmacia ******* e così ho iniziato. L'impressione non è stata proprio positiva e nella ricetta c'erano diversi farmaci omeopatici che non ho preso e che il medico ha detto che dovevo fare per "rafforzare le difese immunitarie". Dopo qualche settimana ho incontrato la signora ***** che pure fa la cura dB e che si era rivolta a voi e che mi ha detto che ero capitato dal medico e dalla farmacia sbagliate e così ho preso un appuntamento con il dr. ******* a ******* che ha cambiato molto la cura mentre i medicinali me li prende a Bologna la mia amica. Per farla corta ho buttato quello che avevo preso dalla farmacia ******* tranne (****** omissis). Sono stato subito meglio la febbre è sparita in qualche giorno, i dolori che vi assicuro erano lancinanti si sono attenuati e sono spariti, a maggio dell'anno scorso i noduli del polmone non si vedevano più e dall'inizio di quest'anno non si vede più niente all'osso. Io non ho avuto mai il minimo disturbo della cura lavoro più di prima e spesso la sera mi faccio un bel po' di vasche in piscina. Il curioso è che dormo meno di prima ma sono più riposato di prima al mattino e tenete conto che mi sciroppo trenta chilometri ad andare e trenta a tornare per il lavoro. Per il tramite di ******* ho conosciuto anche diverse persone che stanno bene con la cura e mi piacerebbe organizzare un gruppo anche qua, perché chi vuole fare la cura non vada a cadere nelle mani sbagliate come era capitato a me. Ho avuto l'opportunità di ascoltare il Dr. Giuseppe di Bella che è venuto a Trento a parlare due settimane fa, ma non ho avuto il coraggio di avvicinarlo alla fine anche perché c'era una folla di gente intorno. Devo la vita alla cura e non me ne starò con le mani in mano perché non posso fare finta di niente e mi ricordo non solo lo smarrimento del giorno in cui mi hanno detto cosa avevo ma anche lo sguardo di mia moglie quando lo ha saputo e tutti i pensieri che mi sono venuti quando ho guardato mio figlio. Ho letto tante discussioni del sito e mi rendo conto del lavoro enorme che avete fatto, quindi cercherò di fare anche io la mia parte.

Un saluto a tutti e un augurio speciale per chi è in cura. 
 

*********

Una notizia bellissima e una testimonianza preziosa, caro Mimmo. Non ricordavamo il nome della signora che lei ha incontrato e che le ha dato, per fortuna, le informazioni giuste, ma le saremo grati se ce la saluterà. Medici e farmacisti inadeguati rimangono purtroppo mine vaganti sulla rotta dei pazienti, per cui contiamo anche nella collaborazione dei nostri frequentatori e di quanti  si sono rivolti a noi. Sta nascendo un gruppo a Trento, per cui provvediamo a segnalarle via e mail i recapiti della signora che coordina l'iniziativa.

Un cordiale saluto

STAFF DI BELLA INSIEME

postato da: Mimmo M. (Pergine V.) in data: 2008-06-09 18:42:00.0
La normativa a cui si riferisce la signora Gabriella è la Circolare Ministeriale - Ministero delle Finanze Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - del 14.6.2001 n. 55.

La circolare risponde a una serie di quesiti e tra questi un quesito (1.2.10) che  concerne la detraibilità dei medicinali usati per la cura del prof. Di Bella da parte di soggetti portatori di handicap. La risposta, che tuttavia non menziona giustamente il riferimento specifico alla terapia Di Bella, inquadra la problematica in un contesto normativo più ampio quale quello dei portatori di handicap.

La legislazione fiscale per i portatori di handicap, in particolare per quanto riguarda la deducibilità fiscale delle spese mediche è piuttosto articolata. In effetti tali soggetti possono dedurre integralmente dal reddito la somma spesa per l'acquisto di medicinali ma solo se il loro handicap è riconosciuto tale dalla ASL E in tale spese rientrano pure quelle usate per la cura Di Bella, che quindi seguono le stesse regole degli altri farmaci.


In buona sostanza nessuna deroga e/o limitazione  sussiste in genere per i farmaci usati nell'ambito della terapia Di Bella, che possono esser detratti regolarmente nella denuncia dei redditi  come oneri ai quali è riconosciuta una detrazione dell'imposta nella misura del 19%, così come le altre medicine (e francamente non si vede come potrebbe essere diversamente).

La disparità fiscale di trattamento quindi riguarda solo la persona del paziente (handicappato: deduzione integrale dal reddito; non handicappato: detrazione 19% dall'imposta sul reddito) e non le medicine usate qualunque esse siano.

Saluti a tutti

Fabrizio
*************

Questa ci sembra la chiarificazione definitiva sull'argomento, assai utile per i pazienti in Mdb. Abbiamo evidenziato i punti fondamentali per una maggiore visibilità.
Grazie Fabrizio e un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
 
postato da: fabrizio (livorno) in data: 2008-06-08 00:25:31.0

Cara Gabriella rispondo al tuo quesito premettendo di non essere un'esperto della materia.

Va premesso che il quadro E del mod. 730 è composto da più sezioni, nella prima vanno dichiarati gli "ONERI PER I QUALI E' RICONOSCIUTA LA DETRAZIONE D'IMPOSTA DEL 19%".

Nella seconda sezione vanno dichiarati gli "ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO COMPLESSIVO", dove nel rigo E26 (e non E25) vanno dichiarate le "SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA DEI PORTATORI DI HANDICAP" capirai da sola che solo con tale riconoscimento si possono dedurre dal reddito complessivo. Ad ogni buon conto accludo le istruzioni del 730.



Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicapNel rigo E26 indicare l'importo delle spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica previste dalla lett. b) dell'art. 10del Tuir sostenute dai portatori di handicap ai sensi dell'art. 3 della L. 5 febbraio 1992, n. 104 (cioè coloro che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione), indipendentemente dalla circostanza che fruiscano o meno dell'assegno di accompagnamento. ATTENZIONE Non devono essere riportati, ai fini del riconoscimento della deduzione, nei righi da E22 a E32 gli oneri deducibili considerati dal sostituto d'imposta in sede di formazione del reddito di lavoro dipendente o assimilato ed indicati nel punto 37 del CUD 2008 o nel punto 26 del CUD 2007 nonché nel punto 38 del CUD 2008 o nel punto 28 del CUD 2007.Per quanto riguarda gli oneri deducibili certificati al punto 39 del CUD 2008 o al punto 29 del CUD 2007 si rinvia alle istruzioni dei righi da E28 a E 32.ATTENZIONE in questi righi vanno comprese anche le spese relative alla frequenza di asili nido riportate nel CUD. in particolare si precisa che nel CUD 2008 sono riportate con il codice 33 insieme alle spese relative agli "Altri oneri detraibili", mentre nel CUD 2007 sono riportate con il codice 27.Istruzioni per la compilazione Modello 73037Sono tali sia i soggetti che hanno ottenuto il riconoscimento dalla Commissione medica istituita ai sensi dell'art. 4 della legge n.104 del 1992, sia anche tutti coloro che sono stati ritenuti invalidi da altre commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell'invalidità civile, di lavoro, di guerra, purché presentino le condizioni di minorazione sopra citate. I grandi invalidi di guerra di cui all'art. 14 del T.U. n. 915 del 1978 e i soggetti ad essi equiparati sono considerati portatori di handicap e non sono assoggettati agli accertamenti sanitari della Commissione medica istituita ai sensi dell'art. 4 della L. n. 104del 1992. In tal caso, è sufficiente la documentazione rilasciata agli interessati dai ministeri competenti al momento della concessione dei benefici pensionistici. I soggetti riconosciuti portatori di handicap ai sensi dell'art. 3 della L. n. 104 del 1992 possono attestare la sussistenza delle condizioni personali richieste anche mediante autocertificazione effettuata nei modi e nei termini previsti dalla legge (dichiarazione sostitutiva di atto notorio la cui sottoscrizione può non essere autenticata se accompagnata da copia fotostatica del documento di identità del sottoscrittore).Le spese di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap sono quelle relative:- all'assistenza infermieristica e riabilitativa;- al personale in possesso della qualifica professionale di addetto all'assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all'assistenza diretta della persona;- al personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;- al personale con la qualifica di educatore professionale;- al personale qualificato addetto ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale. In caso di ricovero di un portatore di handicap in un istituto di assistenza e ricovero non è possibile portare in deduzione l'intera retta pagata ma solo la parte che riguarda le spese mediche e le spese paramediche di assistenza specifica. A tal fine è necessario che le spese risultino indicate distintamente nella documentazione rilasciata dall'istituto di assistenza. Con riferimento alle spese sanitarie relative all'acquisto di medicinali, si precisa che a decorrere dal 1° luglio 2007 la deduzione spetta se la spesa è certificata da fattura o da scontrino fiscale (c.d. "scontrino parlante") in cui devono essere specificati la natura,la qualità e la quantità dei prodotti acquistati nonché il codice fiscale del destinatario. Tuttavia, fino al 31 dicembre 2007 se l'acquirente non è il destinatario del farmaco e non ne conosce il codice fiscale né abbia con se la tessera sanitaria, il destinatario dovrà riportare a mano sullo scontrino fiscale il proprio codice fiscale. Inoltre per lo stesso periodo dal 1° luglio 2007 al 31dicembre 2007 se lo scontrino fiscale rilasciato non è "parlante" a questo deve essere allegata l'attestazione del farmacista in cui vengono specificate la natura, la qualità e la quantità dei farmaci venduti.

Sono invece felice di sentire che tuo fratello sta bene.

Colgo l'occasione di salutare affettuosamente Adolfo e Giuseppe Di Bella insieme a tutto lo staff di Di Bella Insieme.

Natale

postato da: Natale (Catania) in data: 2008-06-07 23:52:57.0
CARI FABRIZIO, MICHELE E TUTTO IL FORUM, MI SPIACE MA NON HO ALTRI RIFERIMENTI DELL'AGENZIA DELL'ENTRATE, QUELLO CHE HO CITATO NEL COMMENTO E' IL FAX CHE HA RICEVUTO LA COMMERCIALISTA DALL'AGENZIA. SO PER CERTO CHE LA CIFRA DEI FARMACI ACQUISTATI IN 10 MESI (MOLTO ALTA) NON E' DEDUCIBILE SE NON IN PARTE E PERCHE' LO SIA TUTTA CI DEVE ESSERE QUELL'ATTESTATO DELL'ASL. ANZI SE AVETE NOTIZIE IN MERITO MI FAREBBE PIACERE ESSERE INFORMATA PRIMA DI ANDARE DA ALTRI MEDICI E COMMISSIONI ASL PER L'INVALIDITA'. AVENDO L'INVALIDITA' SO CHE MIO FRATELLO AVREBBE ALTRE AGEVOLAZIONI E NE AVEVAMO GIA' PARLATO CON LUI PRECEDENTEMENTE..MA LUI STA BENE NON SI SENTE UN INVALIDO E NON LO ACCETTA..E POI ANDARE DAVANTI AD ALTRI MEDICI, SENTIRSI DIRE ALTRE CONSIDERAZIONI NEGATIVE SUL MDB..SEMBREREBBE DI RICOMINCIARE DALL'INIZIO..MA DESSERO UN PO' DI PACE!! E' UN CAMMINO AD OSTACOLI!! L'HO RIPETO L'IMPORTANTE E' CHE MIO FRATELLO STIA BENE...ED INFATTI ... E' UN "TORO"PIENO DI ENERGIE, NON STA FERMO UN'ATTIMO..QUESTO CONTA!! VI TERRO' INFORMATI SENZ'ALTRO UN ABBRACCIO A TUTTI ED UN GRAZIE A MICHELE
*****
Non siamo in grado di dirimere i dubbi sorti, ma non vorremmo che fossero sorti equivoci o abusi locali. Se infatti un farmaco è regolarmente acquistabile presso una farmacia, che emette scontrino fiscale, ci sembra che non dovrebbero sussistere dubbi sulla deducibilità nella percentuale prevista dalla legge vigente. Una disposizione che sancisse discriminazioni in merito sarebbe, sicuramente anticostituzionale prima ancora che genericamente illegale.
Se ci leggono persone esperte nel ramo fiscale, saremmo loro grati se potessero dire sull'argomento una parola conclusiva.
Un caro saluto

STAFF DI BELLA INSIEME
postato da: GABRIELLA (FIRENZE) in data: 2008-06-07 20:28:01.0



30 commenti postati | Inserisci commento nel Piccolo Forum