per specifiche informazioni di carattere medico o scientifico, potete visitare il sito ufficiale www.metododibella.org


Commenti scritti nel Forum

Da sabato 18/6 il Dibellainsieme sospende l'attività per la pausa estiva.

Rimarrà quindi consultabile, ma Blog, Forum e posta saranno sospesi.
Invitiamo pertanto i frequentatori a non inserire commenti e a non inviare mail fino a nuovo avviso.
postato da: STAFF D.B.I. (Mo) in data: 2016-06-18 11:10:41.0

AVVISO


Informiamo i lettori che il 2 luglio prossimo, alle ore 9, presso la Sala polivalente "Guido Fanti", dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, V.le A.Moro, 50 Bologna, si terrà un CONVEGNO dal titolo:


"Molecole biologiche nella prevenzione e terapia dei tumori", a cura della Fondazione Di Bella e con il patrocinio dell'Ordine dei medici di Bologna.


Questo il programma:


Ore 9,00

Saluto ai congressisti del Presidente dell'Ordine dei medici di Bologna, Dr. Giancarlo Pizza


Ore 9,30

Dr. Luciano Gualano, biologo, "Melatonina: meccanismi biochimici e molecolari"


Ore 10

Prof. Domenico Mastrangelo, specialista in Ematologia, Oncologia, Farmacologia e Oftalmologia. Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze dell'Università degli Studi di Siena: "Retinoblastoma: malattia genetica o epigenetica?".


Ore 10,45

Prof. Paolo Scampa, docente Università di Bologna, Settore scientifico-disciplinare-Dipartimento di Int-Trad: "radioattività e cancro".


Ore 11,15

Prof.ssa Carla Ferreri, Prima ricercatrice del Cnr di Bologna: "il ruolo dei lipidi nel cancro: il profilo lipidomico per una sinergia antitumorale".


Ore 12,00

Prof. Carlo Ventura, Professore Ordinario Università di Bologna, - BIO/11 Biologia Molecolare - Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale: "Comunicazione sonora ed elettromagnetica cellulare: nuovo paradigma per la riprogrammazione di cellule staminali normali e patologiche".


Ore 13,00:

Dr. Giuseppe Di Bella: "Mediane di sopravvivenza e performance status nei carcinomi del seno. Confronti fra statistiche del Mdb e del National Cancer Institute".


Ore 13,30

Discussione, conclusione.


Alle ore 15,00 seguirà una riunione organizzativa, il cui tema é la "Creazione di un  movimento di opinione per affrancare la professione medica e la ricerca scientifica dalla logica speculativa-commerciale  e ricondurla al suo naturale contesto, quello etico-clinico- scientifico".

postato da: Staff DiBellaInsieme (Modena) in data: 2016-06-17 13:09:52.0
Vi seguo con grande attenzione e passione da molto tempo e come prima cosa vi ringrazio per l'aiuto che date ai malati direttamente e anche mettendoli in guardia contro tutte le trappole dei commercianti della medicina.

A proposito di trappole e di commercianti, cosa ne pensate del "vaccino universale contro il cancro"? Ma i vaccini, non servivano per virus o batteri? Cosa c'entrano col cancro?
Un carissimo saluto
Berto T.

 

Come si era soliti dire un tempo: "basta la mossa!".
La storia dei recenti e meno recenti mirabolanti annunci di nuove prospettive ci ha ormai abituati a tutto.

E' come se le ben satolle guide di moltitudini di affamati facessero compiere ad una colonna sterminata i più astrusi zig-zag per vicoli ciechi, ignorando sprezzantemente una immensa tavola imbandita colma di ogni ben di Dio: mentre la colonna sbanda, si assottiglia e ne lascia una seconda di corpi esanimi.

Il grave é che questi annunci vengono dati da prime pagine di quotidiani o nelle notizie di apertura dei telegiornali. Sui non pochi pazienti che vivono in perfetta salute da decenni (di sicuro non grazie alle 'terapie ufficiali') silenzio assoluto, dato che non essendo i loro casi pubblicati su riviste con impact factor pari a 100, non possono essere guariti; se invece i Nostradamus dell'oncologia fanno uno starnuto (non vogliamo essere sconci), allora la carta degli annunci diventa cartella clinica e le farneticazioni remissioni consolidate.

Così va il mondo. Se non si può dare panem, ebbene, diamo circenses.

Saluti

STAFF D.B.I. 

postato da: Berto T. (Anagni) in data: 2016-06-09 16:20:31.0

Gentile staff, so che vi arrivano richieste da tante persone e forse non pubblicherete la mia, ma chiedo lo stesso se potete aiutarmi per la mia cagnolina. Si tratta di un tumore .......(omissis)................

Lo studio  veterinario che segue Jenny ha detto che non c'è niente da fare e che non conoscono il Mdb e perciò non possono fare nemmeno un tentativo. Potete indicarmi qualche veterinario che prescrive la cura? Grazie


Gentile signora,
Se potessimo darle indicazioni in merito lo faremmo molto volentieri. Purtroppo non siamo in condizione di farlo. Qualche veterinario che aveva dichiarato interesse e disponibilità ha dato prova di rincorrere esclusivamente il proprio tornaconto, mentre qualche altro, sinceramente motivato, ha avuto 'grane' di ogni genere, ed ha desistito.

E' un altro triste corollario del clima vigente, nel quale non si ha rispetto nè per gli esseri umani nè per i nostri amici a quattro zampe.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.

postato da: Lalla B. (B. Arsizio) in data: 2016-06-09 12:08:55.0
Buongiorno. Una breve domanda. Sono in cura con il dr. ...(omissis) dal settembre 2015 per un sarcoma di Ewing e l'ultima tac ha detto che il tumore è ridimensionato rispetto alla precedente.
Il medico di famiglia che era scettico sul Mdb mi ha consigliato di "dare una spallata al male" facendo qualche ciclo di chemio e mi ha detto di rivolgermi all'oncologia di (omissis)....

Al mio rifiuto ha detto che non mi prescriverà più i medicinali mutuabili se non faccio la chemio. Avete un altro medico di base da indicarmi? Grazie


Non siamo in grado di aiutarla per il medico di base. Possiamo solo chiedere se qualche paziente della sua città é in grado di segnalarcene uno tramite mail.

Evitiamo di diffonderci sull'episodio che ci riferisce, ennesima dimostrazione di un clima di prepotenze, ricatti e intimidazioni del quale sono vittime non pochi pazienti in Mdb. Potremmo comprendere un simile comportamento in caso di progressione, ma non di fronte ad un risultato di segno positivo.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.

postato da: Aldo C. (Ivrea) in data: 2016-06-09 08:52:40.0

Gentile staff,

non se ne può più, quasi tutti i mesi apprendo che un mio conoscente è morto di tumore.

Quando successe l'incidente alla centrale nucleare di Cernobyl si diceva che fra una ventina-trentina di anni ci saremmo ammalati quasi tutti di tumore. Risulta anche a voi questo incremento di morti per tumore? Se si, può dipendere da Cernobyl ?

Saluti Pasquale



Sig. Pasquale,
Indubbiamente il tumore é, e di gran lunga, la prima causa di morte nel mondo. Non solo, ma quello che si rileva universalmente é un progressivo aumento di aggressività delle patologie tumorali.

I fattori che autorevoli ricercatori hanno dimostrato sono: l'elevato livello di radioattività rilevato in ogni zona del pianeta, errate abitudini dietetiche, errati stili di vita propri dell'era del consumismo forzato; senza dimenticare che grande peso hanno proprio i modelli di vita e la forzosa trasformazione e concentrazione dell'economia sulla produzione di tipo industriale. E non dimentichiamo assolutamente l'impatto devastante non solo di scarichi industriali e di scorie energetiche, ma anche la dispersione nell'ambiente di chemioterapici attraverso le deiezioni dei malati.
Oggi il vero progresso si realizzerebbe tornando indietro.

Basti pensare che, a distanza di decenni, rimangono elevati gli effetti-ricaduta delle bombe atomiche francesi nel Nord Africa, e che si trovano elementi nocivi, radioattivi e non, perfino sulla cima dell'Everest o nei più isolati atolli tropicali.

Si rimane angosciati di fronte alla grottesca rappresentazione del "progresso" che, nonostante questo ed altri guasti evidenti, continuano a volerci propinare.

Si é cominciato subito dopo la conclusione del secondo conflitto mondiale, quando l'umanità si aspettava un lungo intervallo di pace dopo le immani e pianificate tragedie della prima e della seconda guerra mondiale. La realtà dei fatti ci ha fatto invece assistere ad un ininterrotto succedersi di guerre, di guerre civili incomprensibili, di rivolte più o meno pilotate, conflitti etnici più o meno istigati, sfociati in quell'inverno della civiltà e dell'intelligenza umana che é stata la cosiddetta 'primavera araba'.

Le previsioni che negli anni cinquanta/sessanta venivano diffuse e date per scontate - città sospese in aria, migrazioni su pianeti vicini, traffico cittadino costituito da piccoli dischi volanti al posto di automobili - oggi fanno sorridere. Ci si é dimenticati che esistono non solo limiti di risorse, ma che nessuna alterazione della natura avviene impunemente. Se ci domandassimo, per stare nella più concreta esemplificazione: "il latte, ha lo stesso sapore che aveva quarant'anni fa? e la carne? e frutta e verdura?". La risposta la conosciamo tutti: sembra di bere acqua o di mangiare polistirolo, e, quale gadget, ci si ammala di cancro molto più di un tempo. Bel progresso! Bella civiltà!

E se le domande si facessero meno materiali e fossero rivolte ai temi della serenità, della voglia di vivere, alla capacità di gustare la vita cogliendone la bellezza e gli intimi significati, le risposte sarebbero ancora più amare, obbligandoci a concludere che ci hanno dato, o per meglio dire venduto di più per farci avere molto di meno. Abbiamo la tv ultrapiatta-che più piatta di così non si può, lo smartphone appresso come i cow boy la colt nelle fondine (Cristoforo Colombo si poteva fare gli affaracci suoi...!), i bambini non fantasticano al racconto di una fiaba ma si agitano epiletticamente su video-games, abbiamo superato la vecchia, autoritaria concezione del matrimonio e della famiglia....., le quattordicenni potrebbero fare da istruttrici nelle vecchie case di appuntamenti, leggere un libro viene ritenuto retaggio del vivere borghese, essere eunuchi o mostruosi ibridi é ritenuto segno di distinzione, ci si ammazza, deruba, rapina che é un piacere: ah, questa sì che é libertà, questo sì che é progresso!

E poi arriva il conto: cibi indistintamente tossici oltre che disgustosi, aumento vertiginoso del cancro, depressioni croniche, perdita del concetto di serenità, disoccupazione cronica. Per finire in bellezza la disamina.

Hanno, di fatto, invertito i termini di un vecchio motto, che oggi potrebbe riscriversi così:
"Meglio vivere un giorno da pecoroni che cent'anni da leoni".
 
Viva il progresso, viva la libertà!

Un caro saluto

STAFF D.B.I.
ADB

postato da: pasquale (isernia) in data: 2016-06-06 15:26:11.0
Salve,
Io mi chiamo Roberto R., ho 43 anni, e vivo a Palermo, sono papà di un bimbo di 8 anni.
Scrivo per avere una consulenza a distanza su un tema purtroppo a me caro. Si tratta di kcolon avuto a Giugno 2014: margini esenti, linfonodi 8/23, terapia adiuvante con oxaliplatino e pillole, per 8 cicli.
Ad aprile 2016 coliche da kcolon, mts polmonari bilaterali, dx 2mts  di 2cm 10% necrotica, resezione lobo inferiore, sx 1mts da 1cm 30% necrotica.
Margini, pleura, linfonodi esenti. Kras, Nras da tumore primitivo non mutato. Piano terapeutico riproposto lo stesso oxaliplatino e pillole 8 cicli.
Questo é un breve riassunto della vicenda.

Volevo chiedervi cortesemente se c'é qualcuno che può testimoniare su una esperienza simile trattata con mdb, e se c'e un medico referente a Palermo.

Cordiali saluti, Roberto.


Sig. Roberto,
Sarebbe più giusto cercare testimonianze su esperienze di ca. al colon trattati con le terapie di prammatica. Anticipiamo senza tema di smentite che non riuscirebbe a trovare un solo caso di remissione totale e stabile da tempo significativo attribuibile alla chemioterapia.

Le consigliamo di leggere con attenzione la sintesi del cosiddetto "rapporto Morgan"
(
http://www.dibellainsieme.org
/discussione.do?idDiscussione=42638
).

Soffermandosi sulla tabella che conclude la 'discussione' linkata, noterà come solo in una percentuale compresa tra 1% e 1,8% i pazienti trattati con "chemio adiuvante"......abbiano avuto un beneficio nella sopravvivenza a 5 anni.

I tumori del colon trattati con Mdb hanno fornito sinora risultati lusinghieri, a condizione - ovviamente - che si trattasse di casi presi in cura in stadiazione non estrema e senza precedenti lunghi e pesanti cicli di chemio. Alla luce dei risultati che emergono dalla letteratura clinica disponibile, non é possibile non dare giudizi indignati sulla plausibilità scientifica e morale di chi continua a proporre trattamenti chemioterapici, rivelatisi totalmente e indiscutibilmente fallimentari.

Il consiglio é di leggere con attenzione sia quanto esposto nel presente sito che, soprattutto, nel gemello sito medico-scientifico
www.metododibella.org, e di fare rapidamente e in modo definitivo la scelta della via da seguire: che per noi non può che essere il Mdb.
Se opterà per questa via ci ricontatti al nostro indirizzo di p.e., e le forniremo l'indicazione di un valido medico Mdb in regione.

Cordiali saluti

STAFF D.B.I.

postato da: roberto (palermo) in data: 2016-06-02 23:26:46.0

Caro staff,

vengo qui a sfogarmi un poco e sentire cosa ne pensate, perché davvero si supera ogni limite. Da un po' vado a leggere quello che viene fuori su alcuni blog su argomenti medici e vedo che c'è una sorveglianza comandata in tutti e che è anche facile riconoscere le stesse persone dietro nickname diversi, che hanno la costante di raccontare bugie sulle loro qualifiche. Queste "guardie giurate" di internet non si fanno vive se si parla di malattie e delle storie di ognuno ma basta toccare i vaccini o il Mdb che si scatenano e il più delle volte fanno figuracce perché si fanno beccare nelle bugie che raccontano.


Per esempio sul...(omissis)...si sono alternati questi nickname: (omissis).......ma il primo è sempre lo stesso e il secondo pure! Non hanno neanche fantasia nel raccontare balle, come quella di essere medici, avere lavorato con questo o quell'altro ricercatore o di essere studenti di medicina di biologia ecc. ecc........ Roba da compatirli, sono veramente penosi. Ma non si rendono conto di fare sentire puzza di bruciato a tutti?

E' chiaro alla fine che fanno un mestiere di guardia giurata e i mestieri, lo sappiamo, hanno un salario. Ma si sono ridotti così quelli che vivono di bustarelle, da mandare avanti dei coglioni del genere?


Sig. Luca,
quello che pensiamo? Nel lessico comune, magari in quello un po' grossolano, questo genus di individui viene etichettato come "sfi....ati".

E' sempre buona norma non dare importanza a persone senza importanza, e, soprattutto, non perderci tempo.

Al disprezzo segue il compatimento, dato che é triste constatare come, nonostante la sua brevità, molti sprechino l'esistenza vivendo costantemente nella menzogna e nella corruttela.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.

postato da: Luca P. (Cento) in data: 2016-05-31 23:32:27.0
Citazione dal precedente messaggio: " [...] subito inserita da tutti gli specialisti (ne abbiamo consultati tanti) in protocollo chemioterapico"

Domanda banale: ma dove stanno tutti 'sti farmaci miracolosi di cui ci ammorbano da diverse settimane (probabilmente, eufemismo, perché serve loro il 5x1000)?

Possibile che anche gli ultraottantenni debbano sopportare quella roba lì e non hanno niente di meglio in prima linea?

Ma veramente dei laureati si sono ridotti a questo meschino livello?

Oltretutto se si vanno a esaminare le specialità farmaceutiche probabilmente il più recente risale agli anni '70/'80! E allora dove stanno questi farmaci di ultima generazione?


E dove mettiamo il miracoloso tocco magico dei nostri valorosi terapisti? Sono riusciti a guarire 8 ammalati di linfoma su 10, nonostante che questi, solo per far loro un dispetto, abbiano l'abitudine di "fermarsi" al quinto anno dalla diagnosi in 9 su 10 (non insinuerà certo che qualcuno racconti fandonie, vero?).

Vuole che non riescano anche in un secondo miracolo: quello di trasformare farmaci di vent'anni fa in farmaci di ultima generazione con un tocco di bacchetta magica?

Saluti da un blogghista populista-qualunquista-complottista.....
postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-31 16:36:56.0
Buongiorno, il mio è solo uno sfogo...mi sento oppressa da una medicina che non cura gli ammalati ma applica solo protocolli...
Come mamma di un bambino di quasi 4 anni non vaccinato...come farmacista che non è solo dispensatrice di scatolette...come figlia di una donna 82enne affetta da LNH, subito inserita da tutti gli specialisti (ne abbiamo consultati tanti) in protocollo chemioterapico, rifiutato dalla paziente e da noi figli, mi sento afflitta e ho la sensazione di gridare senza voce...

Il sorriso ironico quando ho riferito di aver provato con il Mdb, quando ho tentato di spiegare che anche la cosiddetta medicina ufficiale utilizza le molecole del Mdb...i lavori su riviste accreditate, etc, etc.
Una medicina che scambia per un "bel colorito" un arrossamento fortemente sospetto...a breve sapremo se si tratta di lupus..scusatemi è un momento di grande sconforto.


D.ssa Carmen,
Sa che condividiamo in toto le sue osservazioni e preoccupazioni.

Coloro che atteggiano un "sorriso ironico" quando si parla di Mdb, sono stati così rubricati da un grande dell'umanità:
 

"Quelli che s'innamoran di pratica sanza scienza, son come ‘l nocchiere, ch'entra in naviglio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada". (Leonardo da Vinci, Frammenti letterari e filosofici).

Il timone e la bussola sono costituiti da biochimica, biologia, fisiologia, scienze esatte che, se ignorate, meritano ben più di un "sorriso ironico".


Questi "spregiatori di mestiere", come li definiva il Prof. Luigi Di Bella, ignorano acquisizioni scientifiche vecchie anche di 80 anni. Basta pensare all'azione antineoplastica della vit. A, scoperta e documentata da fisiologi tedeschi nel 1928 e ulteriormente circostanziata e dimostrata - insieme a quella del betacarotene - dal prof. Luigi Di Bella nei lavori pubblicati tra il 1939 ed il 1948; all'inibizione dei fattori di crescita ad opera di somatostatina ed analoghi, oggetto di comunicazioni dello stesso scienziato in congressi nazionali ed internazionali già dal 1977, e successivamente documentata quale ineludibile strumento terapeutico di parecchie patologie tumorali in migliaia di pubblicazioni scientifiche. E potremmo continuare per pagine e pagine.

Più o meno clandestinamente i suddetti spregiatori ricorrono a octreotide Lar; o ad analoghi sintetici dell'acido retinoico, opportunamente brevettati, che, seppure nettamente meno efficaci dell'ac. all-trans-retinoico (Atra) recepito dalla Sol. di retinoidi, rendono molto di più....

Ma questi personaggi continuano a "sorridere ironicamente", nonostante le centinaia di milioni di bare uscite dai loro reparti negli ultimi decenni.

Sorridono, e ironizzano, salvo prodursi in funambolismi sugli specchi quando studi epidemiologici rendono problematico conciliare i loro dati di sopravvivenza e guarigione con il 29% di sopravvissuti a 5 anni ed il 2% di efficacia della chemioterapia nel contribuire (quando non ammazza i pazienti prima della malattia) alla predetta sopravvivenza.

A questi apostoli del vangelo secondo Barabba occorrerebbe chiedere come mai, nei linfomi n.H., al loro fuoco d'artificio dell'80% di guarigioni con chemio si contrapponga l'assai smunto 10,5% di sopravvivenza a 5 anni accertato inequivocabilmente dal rapporto Morgan. E tante altre cose ancora.

Ma non si avvilisca Carmen, e non si rassegni. Dovremo tollerare ancora ingiurie e mistificazioni da parte dei ridenti (che ridefiniremmo ghignanti, dato che le jene ghignano e non ridono), ma, ne stia sicura, verrà il tempo nel quale questa morchia sarà accostata ai grandi sanguinari della storia. In attesa di quest'alba, occorre far sentire la propria voce, senza avvilirsi e senza deporre le armi: il conto alla rovescia é già iniziato...

Circa l'ansietà per l'accennata diagnosi di lupus, le auguriamo che - come é facile sia - questa si riveli solo un timore. In ogni caso ci sappia a  sua disposizione.

Un affettuoso saluto

STAFF D.B.I.
ADB

postato da: carmen (troina) in data: 2016-05-31 09:32:18.0
Accidenti non si fa in tempo a riportare una citazione ed ecco spuntarne un'altra. Questa volta pare non esserci nessun "broccolo" quindi la riporto senza altri riferimenti ad articoli, bloggari vari etc.

Titolo Pubblicazione: Effects of melatonin on HIF‑1α and VEGF expression and on the invasive properties of hepatocarcinoma cells


Link:

https://www.spandidos-publications.com/10.3892/ol.2016.4605/
abstract

Dalla spalla laterale destra del sito, cliccando su Download PDF, si potrà scaricare la versione completa. A pagina 6 del pdf, riferimento numero 20, si legge:

20. Di Bella G, Mascia F, Gualano L and Di Bella L: Melatonin anticancer effects: Review. Int J Mol Sci 24: 2410‐2430, 2013.

ovvero questa:

http://www.mdpi.com/1422-0067/14/2/2410

Di nuovo, delle conclusioni (risultati) più che interessanti:

The results of the present study suggest that melatonin may have an antiproliferative, antiangiogenic and antimetastatic role in hepatocarcinoma cells and may present a novel therapeutic option for the treatment of liver cancer.


Saluti
postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-30 21:38:33.0

Gentile Staff,

ho letto la Vostra risposta alla lettera del Sig. Michele (Frosinone) del  05/28/2016 e sono rimasto molto sorpreso nel leggere che non si sopravvive ad un adenocarcinoma polmonare.

Vi spiego il motivo della mia perplessità:

Sono stato operato per adenocarcinoma al polmone sinistro nel 1997 e nel 2009. Nella lettera di dimissioni c'è scritto"


DIAGNOSI DI DIMISSIONE ( 16/10/2009 )

ADENOCARCINOMA DEL SEGMENTO APICO DORSALE DEL LOBO SUPERIORE RESIDUO DI SINISTRA IN PAZENTE GIA' SOTTOPOSTO 12 ANNI ORSONO A LOBECTOMIA INFERIORE OMOLATERALE PER ADENOCARCINOMA. LEUCEMIA LINFATICA CRONICA DI TIPO B.

AORTOSCLEROSI CON LIEVE RIGURGITO VALVOLARE.

INSUFFICIENZA TRICUSPIDALICA LIEVE. DISLIPIDEMIA.INSUFFICIENZA VENOSA CRONICA. STENOSI CAROTIDEA BILATERALE. IPERTROFIA PROSTATICA BENIGNA "


il referto istologico su materiale del lobo superiore sinistro del polmone ha formulato la seguente

DIAGNOSI   "Tessuto linfonodale con istiocitosi ed antrocosi dei seni (4 linfonodi esaminati) Adenocarcinoma polmonare con aspetti bronchiolo-alveolari. Sezione di parete dell'organo ai margini di resezione chirurgica senza infiltrazione neoplastica.

Tessuto linfoghiandolare con aspetti di colonizzazione da linfoma a piccoli linfociti/leucemia linfatica cronica.

Tessuto fibro-vasculo-adiposo con aspetti di flogosi cronica.

Le indagini di morfologia molecolare con immunoistochimica con CD20, CD23, CD5, Ki67 supportano la diagnosi formulata. "


Nel periodo che va dal 1997 al 2009 ho fatto solo i 2 interventi chirurgici, non ho fatto chemio, non ho fatto raggi e non ho usato il MDB del prof. Di Bella.


Nel 2008 mi viene diagnosticata una LLC e vengo seguito fino al 2012 facendo solo analisi e visite. Nel mese di aprile del 2012  nella lettera  indirizzata al mio medico curante viene scritto di presentarmi in data 30 Aprile 2012 per " ricovero ematologia day hospital nell'ottica di eventualmente intraprendere trattamento chemio-immunonoterapico ( rituximab in associazione con chloramambucil o fludaribina e ciclofosfamide) " .

Stranamente ho notato che questa lettera non risulta firmata  dal dottore che l'ha scritta. Io dal 5 MAGGIO 2012 ho iniziato a curarmi con   il MDB del prof.  Di Bella e pochi giorni fa il medico che mi segue ha confermato che le analisi del sangue e le ecografie portate in visione confermano che la malattia è ferma e di continuare la cura con le dosi ridotte di Endoxan e Somatostatina che in una visita precedente erano state fissate. Io compatibilmente con tutti gli acciacchi che ho sto complessivamente bene.

Sono molto ansioso di leggere la vostra risposta e chiarire le mie perplessità.

Grazie Pasquale....

......(omissis)


Sig. Pasquale,
Una prima fondamentale risposta al suo caso viene da quanto ha scritto:
"....nel periodo che va dal 1997 al 2009 ho fatto solo i 2 interventi chirurgici, non ho fatto chemio, non ho fatto raggi....".

A parte il fatto che ciò che importa é l'essere vivo e vegeto...., siamo rimasti vivamente sorpresi da quanto riporta nel suo commento non tanto per l'essere - purtroppo per la quasi totalità di altre situazioni analoghe - una mosca bianca, ma per il fatto che lei ha subìto inizialmente una lobectomia, fonte quasi sistematica di metastatizzazione e, quindi, di inarrestabile e tragica progressione.

Avevamo sentito di qualche caso di tumore polmonare sopravvissuto così a lungo da dover essere considerato guarito, ma si trattava di intervento tempestivo e radicale con ablazione del polmone (sinistro), e non di lobectomia. Questo affermiamo non per "cadere in piedi", ma perchè questa é la realtà, per cui la sua vicenda personale - con ogni tipo di scongiuro tattile e no..., ed il nostro vivo compiacimento - ha davvero dell'eccezionale, per cui la ringraziamo della testimonianza.

Abbiamo celato dietro "l'omissis" il suo cognome e l'indicazione circostanziata della sua residenza perchè lei sta seguendo il Mdb, e, si sa, é assai raro registrare curiosità scientifica da certi ambienti, mentre sono frequenti ritorsioni e azioni di disturbo nei confronti di chi fa questa scelta.

Un cordiale saluto


STAFF D.B.I.
postato da: pasquale (isernia) in data: 2016-05-30 16:47:53.0
Ulteriore conferma:

Melatonin for Prevention of Breast Radiation Dermatitis: A Phase II, Prospective, Double-Blind Randomized Trial

Il pdf completo lo si può scaricare qui:

http://www.ima.org.il/imaj/ViewArticle.aspx?aId=3858

Non penso che ci siano dubbi sulle conclusioni:

CONCLUSIONS: Patients treated with melatonin-containing emulsion experienced significantly reduced radiation dermatitis compared to patients receiving placebo.

Saluti

P.S.: Notare come viene svolto un Trial di Fase 2 con tutti i crismi e a regola d'arte, poi lo si confronti con "quella roba" del '98 ...anzi, non lo si confronti per nulla perché sarebbe a dir poco desolante. Ancora più desolante e da far cadere le braccia (e anche altre parti del corpo) se si pensa che persone laureate accettino incondizionatamente quella roba del '98.
postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-28 22:54:42.0

Buongiorno,

volevo rendere tutti partecipi della PET sempre NEGATIVA di mio padre operato di adenocarcinoma polmonare 4 anni e 3 mesi fa e in cura MDB da allora, anzi ha fatto la sandostatina lar prima dell'intervento.
 

C'è chi dice che sarebbe vivo lo stesso, chi dice che è stato miracolato, un medico di tutt'altro genere che si permette di dire che prende una quantità di farmaci inutili, altri che non fanno nessun commento, altri interessati...

Intanto lui è vivo e che una pet negativa

IO DICO GRAZIE AL GENIO DEL PROFESSOR LUIGI DI BELLA E CHI CONTINUA LA SUA OPERA

grazie!!!

Antonella



Signora Antonella,
La cosa che conta più di tutto é che suo papà non presenti più alcun segno del male e stia bene.
Negare l'evidenza é, per un profano, segno di stupidità; per un medico, di ignoranza e malafede.

Non ci sono "mi" o "ma", dato che anche il più scalcinato medico sa che, a qualsiasi terapia tradizionale si ricorra, ad un adenocarcinoma polmonare non si sopravvive.

Mi unisco al suo sollievo ed alla sua gioia,  consigliandole di lasciar ragliare e grugnire somari & C. e di godersi il suo papà.
Il mio, del quale giornalmente avverto l'assenza terrena quanto la presenza in ispirito, sarà invaso dalla luce della più grande delle gioie concesse all'uomo, già provata e presentita in vita - come emerge dall'estremo scritto che riporto - e oggi, nella Beatitudine, goduta senza soluzione di continuità:

"....L'animo mi dice che non sono vissuto inutilmente, perchè ho fatto del bene ed ho gioito del bene fatto".

ADB

postato da: antonella (savona) in data: 2016-05-27 11:03:15.0

Salve.
Ho avuto una discussione antipatica col mio medico di famiglia (che  quindi é diventato il mio ex medico di famiglia) perchè non vuole prescrivermi nemmeno il Dediol.
A suo dire il Mdb è privo di scientificità. La cosa più brutta è che non é stato in grado di rispondere a quello che gli ho detto (sono vostro lettore da tempo) e negava addirittura che la sperimentazione è stata fatta su malati terminali.
Non si tratta di non sapere ma nemmeno di volere sapere!
Andate avanti e che Dio vi benedica.


Trovo che il suo ..ex medico di famiglia sia emulo del diavolo Barbariccia (Dante, XXI canto dell'Inferno):

"Ed elli avea del cul fatto trombetta".

Un caro saluto

ADB

postato da: Gaspare B. (RG) in data: 2016-05-25 15:49:44.0

Buongiorno a tutti. Prima di esporre le mie domando volevo complimentarmi con tutto lo staff MDB che con grinta e caparbietà va avanti nella lotta ai tumori avendo, PURTROPPO, troppi "personaggi" contro.

Volevo porre due domande: volevo sapere che tipo di trattamento preventivo si possa mettere in atto, seguendo sempre gli "ingredienti" del MDB, per un adulto, che tipo di farmaci e in che dosaggi.


Le siamo grati per le sue gentili parole. Circa gli ambienti ostili: riteniamo elogio la loro ostilità, mentre il loro elogio suonerebbe quale insulto.

Passando ai suoi quesiti, il trattamento preventivo poggia prevalentemente, ma non esclusivamente (leggasi abitudini alimentari e di vita), su misure farmacologiche.

I capisaldi sono: la Soluzione di retinoidi ideata dal Prof. Luigi Di Bella (vit. A+acido transretinoico+betacarotene solubilizzati in vit. E), la Melatonina coniugata (melatonina+adenosina+glicina), vit. D3, vit. C.

La posologia dovrebbe essere definita da un medico edotto sull'anamnesi personale ed anche familiare del soggetto e sulla sua fisionomia generale, non per timore di effetti negativi, che non ci sono, ma per definire con maggiore precisione lo schema opportuno.

Se é interessato ci scriva a
info@dibellainsieme.org, e potremo indicarle un valido medico Mdb che opera nella sua città.

Un cordiale saluto

STAFF D.B.I.

postato da: Giuseppe (Napoli) in data: 2016-05-25 14:46:11.0
Buon giorno e scusatemi per la domanda. E' nocivo l'olio di palma contenuto in molte marche di biscotti? E' meglio scegliere altri prodotti che non lo contengono? Grazie, perchè é un'angoscia doversi leggere i contenuti di tutti gli alimenti confezionati per evitare danni alla salute. Ma in che paese viviamo?
Grazie Mara

 

Oggi si bada solo a contenere i costi a qualsiasi costo..., complice una politica interessata esclusivamente ai soldi ed alla poltrona.

Non di capisce perchè in un paese che trabocca di olio d'oliva si debba usare un olio nocivo come, appunto, quello di palma. Noi non acquisteremmo cibarie che lo contengono.

Ha perfettamente ragione quando osserva che, facendo la spesa, si é costretti a portarsi dietro una lente d'ingrandimento per evitare di essere intossicati da quanto si compra. La salute rende solo...quando le persone la perdono! Quindi......

Mentre siamo in tema: ricorrete all'olio di oliva italiano! Non é detto che solo per essere tale sia genuino, ma un po' di sicurezza in più c'è. Fate attenzione alle bottiglie, che più o meno fuggevolmente debbono riportare l'origine. Noi acquisteremmo solo l'olio di oliva garantito al 100% come italiano e lasceremmo sugli scaffali quello rubricato come proveniente da "paesi della comunità europea".
E ricordiamoci pure che tutte le volte che acquistiamo un prodotto di qualsiasi genere non italiano togliamo il pane di bocca ai nostri agricoltori e ci esponiamo a maggiore probabilità di mangiare cibi zeppi di pesticidi e antiparassitari.

Saluti

STAFF D.B.I.

postato da: Mara P. (SV) in data: 2016-05-25 08:49:10.0

A proposito di "validi (?) e coraggiosi (?)" giornalisti nel settore medico, il più delle volte noti (sic!) blogger, la risposta al messaggio precedente mi ha fatto ricordare che dovevo postare l'N-esima figura dell'N-esimo broccolo (persone laureate che accettano incondizionatamente una pseudo-sperimentazione senza porsi alcuna domanda).

Diverse volte se ne aggiungono altri a dare "man forte" a quelli della "vecchia generazione" (alias "Mr. ScomodeVerità", "Mr. MelatoninaSiScioglieTutta" etc). Nello specifico mi riferisco a (riporto tutti i dati e i link, a voi, poi, il compito di decidere se lasciarli o meno e/o quali mantenere):

PROFESSIONE: Medico psicoanalista

NOME: Luciano Casolari

ARTICOLO: Red Ronnie, il parere di un padre vale come quello di un professore di virologia?

LINK:
http://www.ilfattoquotidiano.it/
2016/05/19/red-ronnie-il-parere-di-un-padre-vale-come-quello-di-un-professore-di-virologia/2743044/


Nel mio precedente messaggio, riportato in data 2016-05-17 ore 22:13:34, indicavo una "sorta di maledizione" verso coloro che parlavano a vanvera sul MdB e/o danno per buona la pseudo-sperimentazione del '98 senza analizzarla e senza paragonarla ad altri studi di Fase 2 (che farebbero emergere condizioni necessarie e sufficienti per una validità pari a 0 e un annullamento immediato, anche postumo!).

Premesso ciò è facile verificare che l'articolo del soggetto di cui sopra sia stato riportato nel blog de IlFQ il giorno 19 c.m. (probabilmente pensato il 18 o il 17 c.m.). Nello stesso giorno Google Scholar evidenziava una N-esima citazione alla vostra pubblicazione:

Melatonin Anticancer Effects: Review

ovvero:

http://www.mdpi.com/1422-0067/14/2/2410

Questa volta siete approdati di nuovo in Brasile e di specifico in una tesi, questa:

http://repositorio.unesp.br/
handle/11449/138337

In basso a sinistra alla voce View/Open cliccando su lopes_jr_dr_sjrp_par.pdf (1.111Mb) verrà scaricato il pdf: a pagina 40 si fa menzione due volte alla vostra Melatonin Anticancer Effects: Review. Oltremodo andando a vedere i lavori di questa (presumo giovane) ricercatrice si vedrà che già ne ha un certo numero:

http://repositorio.unesp.br/browse?type=author&value=Lopes,%20Juliana%20Ramos%20[UNESP]

Probabilmente (giusto per non scrivere sicuramente) un numero maggiore di coloro che parlano a vanvera (alias i soliti bloggari: di sicuro è così per "Mr. ScomodeVerità" poiché è a quota 0, per gli altri, compreso l'ultimo arrivato, non saprei ma forse non ci vado molto lontano nell'esserne sicuro e, oltremodo, non voglio nemmeno perderci tempo per la verifica).

Ma questa volta, poiché è noioso "vincere" in una maniera così banale facendo fare figure da "quaquaraquà" ai soliti noti blogger, ho voluto provare a spingermi un po' oltre per vedere se foste citati in qualche cosa di diverso dal settore medico (nel senso stretto del termine). Ebbene, in meno di un minuto, ho trovato una citazione ad opera del


Massachusetts Institute of Technology
, Dipartimento di Ingegneria Meccanica, un lavoro dal titolo Affinity Flow Fractionation for label-free cell sorting che è possibile vedere qui:

http://dspace.mit.edu/handle/
1721.1/87961

andando in baso al paragrafo Files in questo item è possibile scaricare il file 880688532-MIT.pdf. Al riferimento numero 74 (Pagina 111 del pdf) si legge:

74 Di Bella, G., Mascia,F., Gualano,L. & Di Bella,L. Melatonin Anticancer Effects: Review. Int J Mol Sci 14, 2410-2430 (2013).

Con quella pubblicazione avete fatto "man bassa". Oltretutto una rapida occhiata su MDPI fa emergere che siete prossimi a quota 5.000 visualizzazioni della versione completa e un centinaio in meno per il solo abstract.


Saluti e a risentirci al prossimo broccolo ...ehm volevo dire alla prossima volta.


Caro Michele,
Un grazie davvero sentito per quanto riporta nel suo commento. Non eravamo al corrente dell'ennesima citazione.

Quanto all'articolo linkato, volendo proprio dargli un minimo di considerazione, mi limito ad osservare:

- Quale titolo ha un medico psicoanalista per dare giudizi sui vaccini?

- Un virologo, ha forse la competenza e l'ampiezza di cultura necessarie per esprimersi sul possibile danno neurologico, neuromotorio, immunitario, intellettivo, da vaccini? Conosce approfonditamente fisiologia, biologia, chimica biologica? E' sufficiente una particolare preparazione sui virus per valutare quali conseguenze possano avere i vaccini (specie se mal fatti), oppure occorrerebbe, trattandosi di farmaci, la capacità di comprendere a fondo la farmacodinamica?

-Dall'articolo linkato non emerge solo che il parere dei genitori non vale un fico secco, ma anche la singolare opinione che il contraddittorio non é opportuno, dato che avrebbe senso solo quello fra soggetti che la pensano alla stessa maniera....!!!!! Non c'è che dire! Se un dibattito deve arruolare solo i mono-opinionisti, questo significa che non ha ragion d'essere e che si vuole siano tutti intruppati ("obbedienza pronta, cieca ed assoluta"), dimostrando fra l'altro che idea si ha del civile confronto e della democrazia.

- E poi: un padre, non ha forse il diritto di fare presenti le proprie preoccupazioni, ed avere casomai rassicurazioni, dato che le vittime dei vaccini non sono poche (senza volere demonizzare nulla e nessuno)? Oppure, siccome non é un autorevole psicanalista, non ha il diritto di salvaguardare la salute dei propri figli? E poi: che i farmacologi istituzionali siano mostri di scienza, onesti ed esenti da conflitti d'interesse, é stato forse provato da uno studio randomizzato con gruppo di controllo a doppio cieco? Sicuramente no, perchè in tal caso se ne sarebbero viste delle belle, ed i P.M. di tutta Italia sarebbero ancor più oberati di lavoro.

- Chi ha il potere e l'autorevolezza di decidere l'adeguatezza o meno dell'interlocutore? Forse chi vive delle elemosine dei produttori di farmaci e ne é asservito?

Lasciamo stare il solito rancido riferimento al Mdb: diamo per scontato che l'ennesimo lanciatore di strali avrà letto attentamente i Rapporti Istisan, l'editoriale di Mullner sul BMJ, i lavori di Richards nonché...l'efferato....rapporto Morgan, e che, come psicanalista, abbia la competenza per valutare una terapia antitumorale i cui componenti poggiano su oltre 50.000 pubblicazioni scientifiche....... (che - altrettanto indubbio - avrà letto tutte e cinquantamila, giudicandole confutabili....).

In generale, la conclusione é che in un clima di concorrenza più feroce che agguerrita per  avviare o consolidare la propria carriera di cortigiano, sparare a zero sul Mdb rappresenta un "must", uno strumento elitario, anche se - bisogna dire - oggi  risulta piuttosto usurato. Ma nel forsennato lappagluteismo del nostro tempo - per citare una famosa frase che un tempo era stampigliata perfino sulle pareti delle case - "chi si ferma é perduto!".

Un caro saluto

ADB

postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-23 10:40:12.0

Salve a tutti, come forse saprete l' AROVIT gocce e' introvabile.
Mi potreste indicare un sostituto da dare ai miei bambini nel periodo invernale? grazie


Grazie alle premurose attenzioni di irresponsabili...responsabili, nel totale dispregio di conoscenze scientifiche ampiamente acquisite e della salute dei cittadini stanno sparendo specialità farmaceutiche che recepiscono fondamentali sostanze fisiologiche, considerate il 'nemico n° 1' del gratificante....mercato del farmaco.

La cosa lascia distratti i nostri coraggiosi "giornalisti d'inchiesta", nonostante sia di immensa gravità. Infatti solo grazie a princìpi attivi come vit. E., vit. A, betacarotene, vit. C, melatonina coniugata ecc. in posologie significative é possibile, fra l'altro, difendersi dall'ubiquitario e immane inquinamento alimentare ed ambientale del nostro tempo, causa di disfunzioni multiformi, pericolosi deficit immunitari, e fattore predisponente del cancro: inquinamento anch'esso da addebitare alla remunerata e servile  xenofilia, alla corruzione, all'ignoranza, al menefreghismo dei responsabili politici di oggi e dei passati decenni.

Evidentemente gli attuali eredi di Cavour, trepidi apostoli di discutibili crociate, hanno sostituito al "Libera Chiesa in libero Stato" del grande torinese l'espressione loro più confacente: "libero c....in servo stato".

Per rispondere alla sua domanda: l'unica specialità contenente vit. A sopravvissuta é l'Adisterolo, che peraltro contiene anche vit. D. E' bene comunque ricordare che é possibile reperire nelle farmacie galeniche accreditate vit. A (Axeroftolo palmitato Roche) in flaconcini da 50 ml.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.

postato da: GIOVANNI (sansepolcro) in data: 2016-05-22 08:05:13.0

E anche Marco Pannella é morto dopo lunga malattia! Lo avevo fermato per strada l'anno scorso e anche se avevamo opinioni molto diverse era stato gentilissimo, accettando di parlare a lungo con una sconosciuta.
L'ipocrisia di rito mi ha pertanto offesa ancora più del solito. Prima abbiamo sentito che "aveva parecchi acciacchi", poi che aveva "due tumori" e la notizia della scomparsa ha assunto anche toni comici: "é morto per l'aggravarsi delle sue condizioni".
Ma un po' di rispetto, almeno per chi ha sofferto tanto, no?


Ci siamo indignati anche noi per questo surplus di ipocrisia e vigliaccheria. Il fatto é che quando il servo ha la lingua troppo grondante e pronta, in situazioni analoghe rischia di incappare nella più macabra ridicolaggine: a parte la faccenda dei "due tumori" (la nozione di metastasi evidentemente sfugge), come lei riferisce sarebbe morto "per l'aggravarsi delle sue condizioni". Forse che si é mai sentito che qualcuno é morto per il miglioramento delle sue condizioni....?

Imbecilli e servi non hanno mai nè il senso della misura nè la percezione del ridicolo.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.  

postato da: Alida M. (RM) in data: 2016-05-20 09:42:21.0

Ci deve essere una sorta di "maledizione" (e aggiungo, alla buon'ora!) contro coloro che parlano male del MdB a prescindere (come avrebbe detto Totò). Senza cognizione di causa. Senza conoscerne il razionale. Portando in causa sempre e solo la (pseudo) sperimentazione del '98 ma senza riportare alcun altro Trial clinico di Fase 2 che si sia svolto in Italia (eventualmente dagli stessi professori/dottori che parteciparono alla valutazione di quella "roba" del '98) nelle medesime condizioni in termini di arruolamento (pazienti moribondi, che morivano ancor prima di iniziare, residuo di vita minore di 90 giorni etc etc etc) e dinamiche varie. Probabilmente (giusto per non dire sicuramente) perché l'esito, partendo da quelle condizioni, è già scontato.

Questa lunga premessa per "collegarmi" al post del Signor Fabrizio e tra breve vedremo in che modo.

Ogni volta che qualcuno dei vari blogger (quelli con la verità in tasca, ma che non hanno mai visitato alcuna persona in cura con MdB, e già questa cosa dovrebbe essere sufficiente per un richiamo all'ordine dall'Ordine) richiama il MdB (ovviamente in negativo), arriva una citazione estera alle pubblicazioni della Fondazione e/o al MdB.

Da quando mi son creato questa "piccola rubrica" sulle citazioni ci son capitati praticamente tutti.

A partire dal più famoso (sic!), quello delle "scomode verità" (ma poi quali sarebbero 'ste scomode verità che ha scritto? Mah!). Colui che non ha una pubblicazione e non ha mai visitato nessuno. Nelle sue "scomode verità" (???) tutte le pubblicazioni che riporta come lacunose sono state sistematicamente citate da altri ricercatori in varie parti del mondo.

A questo punto a chi credere, più ad una persona che non ha mai visitato nessuno e ha 0 pubblicazioni oppure a ricercatori che fanno il loro mestiere e citano il MdB (pubblicazioni della Fondazione) per esperienza e per riscontro dei risultati? Ovvio che la risposta è: credere ai ricercatori! Ma scommettiamo che si crederà più a persone con 0 pubblicazioni e 0 persone visitate? Ci scommetto la mostruosa cifra di 1 cent, anzi, vista la sicura vincita, ci scommetto 10.000€.

C'è un altro blogger (amico di "Mr. Scomode verità") che ogni tanto, fino a un paio di mesi fa, se ne usciva con articoli del tipo "Melatonina si scioglie in acqua" e amenità del genere. Puntualmente ad ogni articolo (o pseudo-tale) in altre parti del mondo, nello stesso giorno (o giorno prima o giorno dopo) usciva una pubblicazione che richiamava una citazione al MdB o più di una (pubblicazioni in Vivo oppure della Fondazione Di Bella più in generale).

E arriviamo al post del Signor Fabrizio. Ha riportato che è stato velocemente nominato - sicuramente in negativo - il Metodo Di Bella in una trasmissione RAI (fortunatamente non vedo più la TV). Bene e allora altrettanto velocemente ecco spuntare una nuova citazione di nuovo alla vostra pubblicazione:

Melatonin anticancer effects: review

ovvero questa:

http://www.mdpi.com/1422-0067/14/2/2410

La citazione è avvenuta ad opera del Dr. Gary Kaplan, Medical Director, Kaplan Center for Integrative Medicine, Clinical Associate Professor della Georgetown University School of Medicine.

Quale? Semplice. Fate voi stessi la prova. In Google inserite questa frase così com'è scritta (compresi gli underscore, ovvero il simbolo "_"):

handout_2016_09_Nutrition
_and_Supplements_Kaplan


Si otterrà 1 solo risultato associato all'American Academy of Pain Management. Un pdf, scaricato il quale andando a pagina 28 e osservando il riferimento numero 14 della seconda slide (di pagina 28 appunto) si potrà leggere.
 
14. Di Bella G, Mascia F,  Gualano L, Di Bella L. Melatonin Anticancer Effects: Review. International Journal of Molecular Sciences. 2013;14(2):2410-2430. doi:10.3390/ijms14022410. PMC3587994

Questa volta siete sbarcati in America. Visto che la GeorgeTown University mi sembra di capire che sia locata in Washington (
https://som.georgetown.edu/), allora vi chiedo: che tempo fa da quello parti?

Saluti


P.S.: Ci sto prendendo gusto. Mi verrebbe da dire: avanti il prossimo che vuole cadere come un allocco (senza offesa per il rapace, quello vero), facendo più la figura del fesso, grullo e ignorante mentre tenta di fare il sapientone.


Rispondo attingendo all'ahimè ricco filone sfruttato nel  precedente commento: l'Italia di oggi. "Arrivare" a qualsiasi costo e comunque, passando se necessario sul cadavere della propria madre, per molti é diventato un imperativo categorico. Ma se la concorrenza é agguerrita, chi non riesce a prendere l'ascensore deve farsi faticosamente le scale, salvo ridiscenderle col fiatone.
 
Nel panorama di crisi, provocata esclusivamente dal sanguisughismo della politica, molti si "inventano un mestiere". Oscuri topi d'ospedale o d'ateneo si sono inventati uno strumento di salita - più che un mestiere - che non sarà l'ascensore di colleghi più fortunati, ma é pur sempre un piccolo montacarichi. Poi, chi lo sa? C'é sempre tempo per migliorare (o peggiorare, a seconda dei punti di vista), aiutati dalla influente gratitudine di chi non si vuole sporcare le mani nè i lembi dell'ermellino regale. D'altronde bisogna che vi sia pur qualcuno che faccia il lavoro di sterratore di letame, no?

Non si dia pena Michele, e non sopravvaluti questi soggetti: a loro non importa nulla di fare la figura degli allocchi o dei mascalzoni. L'importante é salire, salire, salire, salire........

Un caro saluto

ADB

postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-17 22:13:34.0

Chi ha avuto l'occasione di vedere la trasmissione "Petrolio" sulla RAI ieri sera non avrà potuto non notare come il servizio abbia decantato e "certificato" alcune eccellenze italiane in tema di cure oncologiche.

Addirittura clienti stranieri - solventi (con soli 20/30 mila euro hanno potuto ricevere cure chirurgiche al seno) - si sono rivolte alla struttura oncologica italiana di riferimento (IEO).


Nel contempo sono state messe alla gogna le c.d. terapie alternative (ce n'era cosi bisogno, nel contesto proposto ieri sera?) tra cui è stata annoverata (velocemente...a dir la verità) anche la terapia Di Bella.

Francamente non ci aspettava un'ulteriore sponsorizzazione. Questo marketing è segno di debolezza di fronte ai continui decessi che continuano imperterriti, nonostante i continui proclami? O forse è l'avvicinarsi del 5 per mille che suggerisce strategie di mercato?

Un saluto a tutti

Fabrizio



 

Caro Fabrizio,
In un paese al completo sfascio culturale, politico, sociale, morale, come il nostro non c'è da meravigliarsi più di nulla.

La frenesia del denaro possiede tutto e tutti come un demone drogato (pardon: tossicodipendente), a cominciare dallo stato, il Grande salassatore e corruttore. In un contesto simile, e con un simile esempio che vien dall'alto, ogni cosa é 'spot', cioè autopromozionalismo e pubblicità: senza limite alcuno, senza rispetto per nulla e nessuno e, soprattutto, per la verità.

Ecco quindi la cd. "medicina d'eccellenza" (quella che amputa la gamba sbagliata o toglie il rene sano e guarisce solo nelle statistiche), e, dall'altra parte, il popolo becero ed ignorante che recalcitra di fronte all'amorevole, trepida, tenera, lacrimevole premura da SS (Santo Stato) del vaccinismo globale. Se continua questo andazzo, tra qualche tempo proporranno di vaccinare anche i trapassati.
 
Il cinque per mille! Ah già: il "tàca banda" si sta producendo parossisticamente attraverso la consueta dissenteria di spot tra le brevi interruzioni costituite da film, reality, telenovele, dibattiti: uno più stupido dell'altro.

Rimedi? Facile individuarli, impossibile praticarli. In uno stato di globalizzazione da Sodoma e Gomorra - in senso proprio e metaforico - solo uno sdegnato intervento del Padreterno può salvare l'umanità.

Un caro saluto


 

ADB

postato da: fabrizio (livorno) in data: 2016-05-17 13:30:04.0

Buongiorno dott. Adolfo, mi scuso sin da ora per la domanda, alla quale sicuramente avrà già risposto diverse volte, ma non riuscendo a trovare l'informazione che mi interessa la ripropongo di nuovo, certa che come sempre lei ci sarà di supporto ed enorme aiuto.

Dunque non riesco a trovare già da diversi giorni ATITEN, quindi ho optato per DEDIOL il quale so che fin tanto che non verrà utilizzato deve restare in frigo. Ma una volta aperto, segue le stesse indicazioni di Atiten, cioè fuori frigo fino ad esaurimento?

La ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità e le auguro buona giornata. Viste
 

L'Ati Ten, come altre specialità recepite nel Mdb, é vittima di misteriosi periodi di assenza dai magazzini farmaceutici..... Non sarà comunque estraneo a queste assenze periodiche il numero elevato di quanti ricorrono al Mdb per curarsi o nel contesto di una cura preventiva, con conseguente trepidazione e struggimento di certi ambienti.

Il Dediol é l'unico farmaco in commercio che può sostituire l'Ati Ten. A differenza di questo, deve rimanere in frigo anche dopo l'apertura della confezione.

Cordialmente

STAFF D.B.I.
ADB

postato da: viste (modena) in data: 2016-05-16 10:17:23.0

Ho letto un paio di giorni fa la notizia che la Pfitzer nega i suoi prodotti per le esecuzioni capitali tramite iniezioni letali.

Che sia uno scrupolo di coscienza? Un ritorno sulla via della moralità?


Ne dubitiamo fortemente. Il colosso farmaceutico produce diversi chemioterapici, sostanze cancerogene e quindi letali.

Rispetto alle iniezioni letali vi sono due differenze, che possono considerarsi al tempo stesso due aggravanti: si dà la morte  ad innocenti anzichè ad assassini; non si uccide in pochi minuti, ma dopo lunghe sofferenze.

Quindi, a nostro parere, non si tratta di scrupoli di coscienza o di un ritorno alla moralità, ma di spot propagandistici di immane e spregevole ipocrisia.

Un caro saluto

STAFF D.B.I.

postato da: Giamba (BL) in data: 2016-05-15 17:09:48.0
Buongiorno,
Vorrei sapere in linea generale quali sarebbero i farmaci utilizzati per trattare un linfoma non hodking a grandi cellule b con il MDB e se questo comporterebbe una totale perdita di capelli. Grazie. Cordiali saluti, Claudia


 
Lo schema-base é sempre costituito da Soluzione di retinoidi, vit. D3, Melatonina coniugata, antiprolattinici, somatostatina od octreotide, acido ascorbico, calcio lattogluconato, ciclofosfamide a basso dosaggio. Variazioni e nei componenti e nelle posologie possono essere dettate dalle caratteristiche della malattia e dalla soggettività clinica del paziente.

La perdita totale dei capelli é esclusiva dei cicli di chemioterapia. In ambito Mdb, pur in una netta minoranza di soggetti, anche i minimali dosaggi di ciclofosfamide  per bocca (50-100 mg.), possono portare temporaneamente ad una modesta perdita di capelli, peraltro di breve durata ed esteticamente non avvertibile...

Saluti

STAFF D.B.I.  

postato da: Claudia (Milano) in data: 2016-05-15 09:35:27.0

Buongiorno,
gradirei una delucidazione a proposito del tempo di infusione della somatostatina con siringa temporizzata.
Dopo circa un paio di mesi di cura con MDB, durante i quali il temporizzatore è sempre stato impostato a 10 ore (con 3mg. di farmaco), ho pensato di scalare a 8 ore per comprensibili motivi di praticità: l'ho fatto per una decina di giorni e non ho riscontrato alcun effetto collaterale o problema di altro genere; tuttavia, prima di continuare, vorrei essere sicuro di non aver in questo modo ridotto l'efficacia del farmaco, essendo quest'ultima chiaramente prioritaria rispetto a questioni di praticità e/o di comodità.
Pur avendo letto alcune risposte su questo forum abbastanza rassicuranti in merito, i miei dubbi rimangono essenzialmente questi: avere una "copertura" di 8 ore al giorno anziché 10 non espone ad un maggiore effetto controproducente del GH e soprattutto ad un minore effetto inibitorio della SMT? Inoltre, concentrare la somministrazione della SMT in "sole" 8 ore, non rischia di determinare una sorta di effetto "rebound" al mattino, magari maggiore di quella che si avrebbe con una somministrazione più prolungata (a 10 se non addirittura a 12 ore)?
Mi scuso se le domande sfociano un po' troppo nel tecnico ma sono sicuro che la Vostra pluridecennale esperienza sia tale da consentirmi di ottenere il chiarimento desiderato, come del resto già capitato altre volte.

Un caro saluto e grazie anticipate!


Signor Vincenzo,
I suoi timori sono argomentati razionalmente, ma non hanno ragion d'essere.
Infatti:

- L'increzione del GH avviene con netta e forte prevalenza nelle ore notturne, con un picco che inizia a manifestarsi già nella serata. Ciò che alimenta il processo tumorale non riguarda i fattori di crescita in sè, ma l'entità della loro increzione. In altre parole, il danno non proviene dalla natura biochimica dei fattori di crescita (che, in dosaggio equilibrato, hanno un significato positivo), ma da loro eccesso, che somatostina ed analoghi hanno il compito di riportare a livelli non nocivi.

- L'infusione di Smt od octreotide deve essere diluita nel tempo per tre ragioni: 1) contrastare la breve emivita delle sostanze 2) "coprire" il periodo nel quale vengono increti in quantità nociva i fattori di crescita stessi 3) evitare effetti collaterali (nausea, diarrea, contrazioni addominali). Ha quindi significato minimo se non nullo proseguire dopo il forte ridimensionamento quantitativo di questa 'produzione' (nel mattino avanzato). In quest'ottica sarebbe forse teoricamente preferibile l'infusione in 8 ore: una infusione in 8 ore significa 0,375 mg. all'ora, contro uno 0,3 mg. dell'infusione a 10, cioè un'azione farmacologica di contrasto più cospicua proprio quando occorre. A scanso equivoci, precisiamo comunque che si tratta di osservazione teorica, che - per i nostri limiti di competenza - non siamo certi possa avere un risvolto concreto.

- Da quanto detto prima, discende che non c'é ragione di temere un effetto "rebound" dopo la conclusione  dell'infusione. Questo effetto può verificarsi, ma solo in un'evenienza diversa: quando viene interrotta di colpo la prassi della somatostatina serale. E' anche per tale ragione che nei pazienti in avanzata remissione si prescrive sempre di non interrompere il farmaco, provvedendo invece ad una diminuzione graduale e paziente della posologia.

Un caro saluto

STAFF D.B.I. 

postato da: Vincenzo (Napoli) in data: 2016-05-14 07:08:57.0

Carissimo staff, non ho niente di particolare da dire. Volevo solo da condividere qualche rapida riflessione.
Da credente ho sempre unito ai fatti della vita e nel modo di giudicarli la presenza divina. Purtroppo vedo che si tende sempre di più al materiale, anche negli ambienti ecclesiastici, che sono sempre più inquinati.
Da vostro assiduo lettore ho notato con soddisfazione che questa "presenza" è sentita sempre da voi, e non poteva essere altrimenti.
Ritenere che 'siamo ciò che mangiamo' è la cifra della barbarie contemporanea.
Un affettuoso saluto
Giamba


La confusione di idee e la perdita dell'ideale sono il blasone dell'oggi.
I biascicatori di mestiere ci stanno facendo vedere quanto siano lontani dalla percezione della trascendenza e dalla vera carità cristiana.
Non poteva essere altrimenti. Là dove degradano e decadono arte e cultura, frana anche il sentimento religioso. Di qui la sostituzione di guitti agli artisti, di servi agli statisti, di preti ai sacerdoti.

Non siamo certo ciò che mangiamo: anche perchè - così fosse - dovremmo concludere che gli acclamati notabili di ogni settore sono coprofagi.

Cordialmente

STAFF D.B.I.
ADB
 

postato da: Giamba (Belluno) in data: 2016-05-11 11:11:51.0
Opps, c'è un errore nella mia precedente mail (di qualche minuto prima di questa)

Errata: e il riferimento alla vostra:

Melatonin anticancer effects: review

è al numero 23.


Corrige: e il riferimento alla vostra:

Melatonin anticancer effects: review

è al numero 27.


Saluti
postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-08 21:12:48.0
Allora, visto che mi ci trovo, vi segnalo un'altra citazione alla vostra pubblicazione:

Melatonin anticancer effects: review

ovvero questa:

http://www.mdpi.com/1422-0067/14/2/2410

Dopo essere partiti dalla citazione in Brasile, passati per la Svezia con una citazione in una tesi, essere tornati qui in Italia con una doppia citazione (Rif 9 e 33) in:

Oncostatic-Cytoprotective Effect of Melatonin and Other Bioactive Molecules: A Common Target in Mitochondrial Respiration

che si può leggere qui:

http://www.mdpi.com/1422-0067/17/3/341


Questa volta approdiamo, anzi approdate, in India con la pubblicazione:

Molecular aspects of melatonin (MLT)-mediated therapeutic effects

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/
pubmed/26135621

il cui manoscritto accettato si può leggere qui:

https://www.researchgate.net/
publication/
279730021_Molecular_aspects_of_melatonin_MLT-mediated_therapeutic_effects

e il riferimento alla vostra:

Melatonin anticancer effects: review

è al numero 23.

Saluti
postato da: Michele (Frosinone) in data: 2016-05-08 21:09:21.0

Gentilissimo Adolfo,
la contatto  per 2 dubbi nella prevenzione bimbi e ragazzi:
1 - la melatonina é utlizzabile? non ricordo se avesse controindicazioni nei bambini e se fosse il caso impiegarla
2- a che eta' i ragazzi possono passare al protocollo preventivo da adulti ?

ringrazio in anticipo

Maurizio Boraso


Premesso che la Melatonina é virtualmente priva di tossicità in qualsiasi posologia (dobbiamo ricordare che non solo é increta dalla pineale, ma viene prodotta in numerosi altri distretti dell'organismo), nel bambino, per prudenza, si consiglia di non somministrarla in modo continuativo, in quanto potrebbe in qualche misura incidere sull'entità della crescita. Questo non esclude che la si possa impiegare - per particolari ragioni - in posologia modesta e per tempo limitato.

Per quanto concerne la prevenzione, in genere si dà il nulla osta ad una terapia preventiva completa e continuativa dopo i 18 anni.

Cordiali saluti

ADB

postato da: Maurizio (Torino) in data: 2016-05-08 11:24:46.0



30 commenti postati | Inserisci commento nel Piccolo Forum